LOST ENCORE – La voce dei luoghi abbandonati

di Mirko Zullo

Ben tornati all’appuntamento con la riscoperta dei luoghi abbandonati e dimenticati del nostro Paese. Il progetto LOST ENCORE è nato alla fine del 2015 e si è dato proprio questa missione: riscoprire le dimore abbandonate più importanti del nord Italia.
In questo quinto appuntamento, il viaggio del team di LOST ENCORE si dedicherà alla riscoperta di alcuni villaggi completamente abbandonati del nord Italia, spostandosi dalle alture di Stresa, sino all’Ossola.

Prima tappa, dunque, il Villaggio Neumann, in località Brisino. Immerso nel bosco, questo piccolo borgo, tenuto attivo da diverse famiglie di fattori, sembra ricordare silenziosamente quanto fosse altamente produttivo sino a pochi decenni fa. Una frazione autosufficiente e che offriva prodotti di diversa natura: dal latte al formaggio, dalla carne alla verdura. È presumibile pensare che, così come già accennato per i silos del Piano Grande di Fondotoce, anche qui era solito un piccolo commercio locale. Oltre alle strutture originali, sono presenti un paio di stabili su più piani rimasti incompiuti. Nell’area del Villaggio Neumann c’è anche una piccola gru. Tutto, insomma, sembra essersi improvvisamente fermato, le case abbandonate ed è impossibile reperire ulteriori informazioni a riguardo.

cuggine4

Dopo aver esplorato il Villaggio Neumann sulle alture di Stresa, è ora la volta di un misterioso villaggio in Valle Antigorio, in località Baceno, ovvero il borgo di Cuggine. Un piccolissimo nucleo composto da diverse strutture, erette tra il XVI ed il XVIII secolo, a partire da un arco, che sembra ricordare una sorta di percorso obbligato, appartenente all’antica mulattiera che portava in questo villaggio. Un villaggio autosufficiente e dedito al commercio doganale, pare già a partire dal X secolo. L’arco, datato 1582, sembra ricordare la forte componente pagana di questo sito, possiamo difatti riscontrare la sagoma in rilievo di una strana figura antropomorfa, una sorta di bambolotto – sembra una figura infantile piuttosto che adulta – con grande testa tonda e braccia conserte. E ancora, un’altra scultura non più nitida, ma che sembra raffigurare un volto di profilo con indosso una sorta di elmo o di cappello con piuma.

Infine, sempre appartenente alla medesima struttura, ci si può imbattere in un rilievo che a prima vista sembra ricordare uno stemma, anche se molto più probabilmente si tratta della raffigurazione di un corpo di rana o di rospo. Una raffigurazione che non può che spostare ipotesi e supposizioni nel mondo dell’esoterismo, realtà per altro già molto forte nella memoria storica e folkloristica di Baceno e della Valle Antigorio. Rane e rospi, infatti, rappresentavano non solo fecondità e fortuna, ma erano anche forti alleati delle streghe. Figura, quella delle streghe, ben conosciuta nel vicino comune di Baceno, con episodi inerenti sabba e stragi di donne che riecheggiano nelle memorie processuali della Santa Inquisizione (Vivere Sostenibile n.5). Come detto prima, il villaggio era autosufficiente, a ragion di questo, possiamo ancora ammirare dei piccoli mulini, con macine all’interno, alcuni datati addirittura 1776.

Come sempre, potete seguire ed avere tutte le informazioni su LOST ENCORE tramite la pagina Facebook ufficiale, oppure riguardando tutte le losteggiate della prima stagione sul canale LOST ENCORE di YouTube. Per altre informazioni, domande o segnalazioni, potete invece scrivere alla casella mail: lostproductiontv@gmail.com.

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Febbraio + Marzo 2018, sezione Turismo Sostenibile

Annunci

Cooperare per un mondo migliore

In questa fase storica ci troviamo ad un bivio cruciale: da un lato chi si impegna a trovare nuove strade per garantire all’umanità uno sviluppo durevole e sostenibile, in stretta relazione con gli ecosistemi del nostro Pianeta Terra, dall’altro chi crede ancora
in modelli di sviluppo obsoleti, dove l’importante è il proprio benessere, senza considerare lo stretto rapporto che ci unisce al clima, all’ambiente e tutte le risorse della Terra. In Italia ci sono realtà, che già da alcuni decenni avevano capito quale strada
intraprendere. Si sognava un mondo migliore, dove credere nel rispetto delle persone, del lavoro, del territorio e dell’ambiente. Si voleva vivere una vita basata sulla condivisione, sentendosi parte di una comunità, piuttosto che sull’individualismo
imperante dei nostri tempi.

valli_unite_2

In questi anni, selezionando partner da inserire nelle nostre proposte, ne abbiamo conosciute moltissime di queste realtà. Spesso ai più non arriva notizia dell’esistenza di questa Italia e quello che possiamo fare è parlarne, far conoscere questi modelli di sviluppo. In questo numero vi vogliamo raccontare la storia di una cooperativa piemontese che collabora con noi da qualche anno: la cooperativa Valli Unite di Costa Vedovato, in provincia di Alessandria. Questa storia parte dagli anni ’70, quando Ottavio, Enrico e Cesare, i soci fondatori della cooperativa, decisero di avviare un’attività nell’allevamento, in particolare la gestione di un alpeggio in montagna, quando il
modo stava andando nel verso opposto, ossia la grande industria e l’abbandono delle terre più scomode. Nasce così Valli Unite, controcorrente rispetto al “sistema” che generava l’abbandono della propria terra. Una scelta coraggiosa e che oggi possiamo
dire vincente, grazie alla lungimiranza dei fondatori. Una storia, un progetto, uno stile di vita basato sulla condivisione in un ambiente ben conservato, dove il bosco è ancora dominante. Un ecosistema in armonia con la natura, modificato dalla mano umana solo dove strettamente necessario. Valli Unite oggi è una cooperativa di trenta persone che gestisce cento ettari di terra, condotta con metodo biologico dal 1981. I settori trainanti
sono l’agricoltura, in particolare viticoltura e allevamento, ma anche produzione di cereali (grano, farro ed orzo), apicoltura, produzione di carni e salumi. Da anni l’economia ruota intorno alla cascina grazie allo spaccio, per la vendita diretta, e all’attività agrituristica, costituita dal ristorante con cibi della tradizione, da
tre mini appartamenti ed un agri-campeggio, che permettono di vivere il clima cooperativo. Valli Unite può essere considerata un’azienda contadina multifunzionale e moderna, dove i saperi antichi si intrecciano a tecniche innovative.
Questa è una delle tante storie che cerchiamo di far conoscere nei nostri pacchetti.

valli unite

BUONO PER VIAGGIARE SOSTENIBILE – OFFERTA PER I LETTORI!
NON PERDERTI LA POSSIBILITA’ DI SCOPRIRE IL TERRITORIO IN MODO ECOSOSTENIBILE

Percorsi alla riscoperta di sé

di Equotube e Viaggi Responsabili

Tra i numerosi spunti di viaggio che l’Italia ha da offrire, sicuramente possiamo annoverare i percorsi spirituali. La ricchezza del patrimonio italiano, derivante da secoli di tradizione religiosa, ben si presta a viaggi in cui l’obbiettivo è quello della riscoperta profonda del proprio essere. Sono viaggi che innescano un altro viaggio: quello con noi stessi, alla ricerca di una dimensione, che a volte ci dimentichiamo essere parte della nostra persona. Gli spunti sono numerosi, i viaggi possono essere costruiti a seconda delle nostre necessità: cammini più o meno impegnativi, oppure esperienze tranquille dove immergersi in luoghi carichi di spiritualità. Molti siti ben si prestano a suscitare un percorso introspettivo, per intraprendere un viaggio all’interno di noi stessi.

Sacra_di_San_Michele

Il cammino è un elemento che accompagna la storia dell’uomo, dal viaggio per soddisfare bisogni primari, al viaggio dei pellegrini alla ricerca di un contatto con la divinità, fino al viaggio, non necessariamente religioso, per riscoprire la nostra parte più spirituale attraverso la meditazione: passaggio fondamentale per un incontro più profondo anche con gli altri. I cammini spirituali in Italia sono numerosi da nord a sud, sta a noi scegliere il proprio cammino. Oggi vi vogliamo raccontare un luogo particolare: “La Sacra di San Michele” che evoca bellezza, fascino e mistero. Quel mistero che la avvolge fin dalla sua costruzione, avvenuta tra il 983 e il 987 d.C. Un’imponente abbazia che, quasi sfidando i principi della fisica, domina la cima del Monte Pirchiriano. Un luogo meraviglioso e denso di spiritualità, custodito in origine dai monaci benedettini e, dopo quasi due secoli di abbandono che non ne hanno scalfito la magnificenza, dai padri rosminiani, oggi affiancati da un gruppo di volontari e ascritti. La Sacra è di San Michele perché nasce e cresce con la sua storia e le sue strutture attorno al culto di San Michele che approdò in Val di Susa nei secoli V o VI. La sua ubicazione in uno scenario altamente suggestivo, richiama immediatamente i due insediamenti micaelici del Gargano e della Normandia. Fondata su uno sperone roccioso, si trova al centro di una via di pellegrinaggio di oltre duemila chilometri che unisce quasi tutta l’Europa occidentale da Mont-Saint-Michel a Monte Sant’Angelo. Un’occasione per un viaggio affascinante nella splendida Val di Susa, facilmente raggiungibile, dalla storia ricca e antica, dove troverete tantissimi tesori da scoprire. Potete partire dedicandoci qualche giorno, magari utilizzando il proprio pacchetto EquoTube e scegliendo una delle proposte contenute all’interno oppure richiederci un percorso calibrato sulle vostre esigenze.

Non hai ancora prenotato le tue vacanza? Affrettati, i posti sono limitati! Sconto per i nostri lettori

Quando il silenzio si fa ricerca

 

di Equotube e Viaggi Responsabili

Questo mese vi vorremmo proporre una idea alternativa, fuori dai soliti schemi. Spirit Youth PratoIn un momento in cui la frenesia, il rumore, la dipendenza dalla tecnologia, la necessità di dover continuamente essere presenti – attivi – on line sono elementi all’ordine del giorno, vorremmo mostrarvi la bellezza incontrastata del silenzio, come momento di distacco e di ritrovamento del sé. A volte, infatti, il desiderio di viaggiare nasce proprio dalla necessità di una “vacanza detox”. Non nel senso fisico del termine, ma nel senso più intrinseco e spirituale. Nasce quindi il progetto “Spirit Youth”, viaggi speciali dedicati a attività scelte con attenzione per raggiungere un benessere mentale, una dimensione spirituale, una disintossicazione tecnologica e una riduzione dello stress, in una connessione profonda e rilassante con la natura, da portare come ricchezza interiore, una volta che il viaggio è terminato.

Spirit Youth Limburg

L’esperienza del silenzio è l’attività che funge da filo rosso conduttore dei viaggi “Free Your Mind” del progetto Spirit Youth. Una novità che potete trovare sul sito di Vivere Sostenibile Alto Piemonte, con un prezzo speciale dedicato ai lettori. Che cosa hanno in comune un monastero, i millennials, l’interrail, l’arte, il liquore dei monaci e la cucina? Lo scoprirete presto! Spirit Youth ha realizzato percorsi dedicati per i giovani. Un progetto che ha realizzato dei percorsi dedicati alla spiritualità a 360 gradi: il ruolo del silenzio, la ricerca di sé stessi, la valorizzazione dei siti religiosi attraverso proposte diverse ed una alternativa ai “soliti weekend”. E proprio il provare l’emozione del silenzio diventa l’attività più significativa di ogni itinerario, proprio perché i giovani non sono abituati a questa sensazione. Per un momento, sono infatti chiamati al “just stand and look”: “fermati e guarda”, vivi l’emozione del contemplare qualcosa in completa armonia con essa senza altre distrazioni. E allora troverete in Extremadura, nel Parco del Monfrague, un piccolo punto di osservazione sulle montagne, ricavato nella roccia. Vedrete in Spagna nel Montserrat, un monastero arroccato sui monti, che si affaccia sull’infinito di un orizzonte meraviglioso.Spirit Youth MontserratNei Paesi Bassi, scoprirete Limburg e Abdji Rolduc, un’abbazia diventata oggi luogo di ospitalità dove poter vivere le giornate tra natura e riflessione. Fino ad arrivare in Italia, nelle splendide terre toscane di Prato, dove il paesaggio incontaminato si fonde con la tradizione del gusto ed il silenzio permette un tuffo nel passato, tra arte e storia. E se l’Europa non vi basta, volate in Mongolia questo agosto e assaporate l’emozione delle “singing sand dunes” del deserto del Gobi: sotto un cielo di stelle splendenti come mai le avete viste, il suono prodotto dalla sabbia delle dune nel silenzio della notte vi resterà impresso nel cuore.

Non resta che approfittare dell’occasione offerta da Vivere Sostenibile e partire: visitate il sito, scegliete la sezione “viaggi speciali” e scoprite l’itinerario più adatto a voi!

Il territorio è la nostra ricchezza, rispettiamolo!

di Giulia Marone

editoriale_01

Parliamo di Cambiamento, sempre. Perchè si cambia sempre. Senza cambiamento non c’è evoluzione, non c’è vita. Siamo di fronte all’arrivo dell’estate, sole e caldo finalmente si affacciano (a volte si sporgono un po’ troppo per la verità e ci fanno venire un coccolone), la frenesia della vita cittadina e la calma delle campagne in fiore ci inebriano di voglia di vivere. È così anche per voi? Per qualcuno forse inizia il periodo più difficile: per le attività turistiche il lavoro aumenta e le vacanze sembrano sempre troppo lontane. Come reagire al caldo estivo?
Come sempre il nostro territorio ha le risposte: una passeggiata all’aperto, organizzare una piccola gita fuori porta (che può anche voler dire nelle campagne poco distanti o al lago o una bella passeggiata sulle montagne biellesi, ossolane o in Valsesia) sono piccoli rituali che possono rigenerare l’anima. Purtroppo questi luoghi sono spesso lasciati a loro stessi e non vengono valorizzati, in particolare i sentieri collinari e i percorsi della pianura. Sono poco indicati o mal segnalati, e senza una persona che conosca il luogo è faticoso avventurarsi. Siamo certi che il lavoro fatto finora dagli enti e dai privati cittadini potrebbe essere meglio supportato dagli organi pubblici, ma mentre aspettiamo che lo Stato Italiano si ricordi di avere un patrimonio meraviglioso ed unico, cominciamo a ricordarlo noi!
Troppo spesso scarichiamo il barile addosso a chi ha più potere di noi (idealmente), senza renderci conto che sono davvero le azioni, i pensieri e le parole che facciamo e diciamo ogni giorno a cambiare e dare potere ad una cosa piuttosto che ad un’altra.
Sentiamoci Italiani serenamente: impariamo ad amare e rispettare il nostro territorio, ne abbiamo solo uno e rischia di durare ancora poco se non siamo noi ad invertire la rotta, anziani e giovani, l’età non conta quando si parla di rispetto.
Quando andrete a camminare o a nuotare, non lasciate in giro carte, non “pulitevi” con i fazzoletti se poi li buttate in mezzo alla natura, per quanto la carta sia biodegradabile non è un bel vedere per nessuno. Lasciate a casa le sigarette se potete, l’aria pulita è molto più rilassante della nicotina. Cercate di portarvi appresso un pranzo che rispetti il luogo: non è obbligatorio essere vegani per rinunciare agli affettati industriali! Cerchiamo di essere più coerenti con noi stessi e ci sentiremo fedeli a quello che siamo davvero, eliminando i condizionamenti come una maschera e tornando alla nostra anima più ancestrale.
Anche questo mese vi proponiamo un itinerario nelle vicinanze, ma siamo lieti di accogliere le vostre idee e proposte per le prossime uscite! Siamo certi che tutti voi avete qualcosa da dire e da raccontare. Anche trovare un momento per mettere assieme le idee e contribuire a un progetto territoriale come Vivere Sostenibile Alto Piemonte può essere un buon modo per dare una mano alla propria comunità.
Per le vostre vacanze di più giorni vi abbiamo già fatto alcune proposte nel numero di Maggio, ma anche questo mese gli amici di Equotube propongono strutture e modi di viaggiare che rispettano il modello di turismo responsabile anche all’estero. Se siete avventurosi e volete provare a cimentarvi in una nuova attività e vedere il mondo attraverso altri occhi, provate il Wwoofing, in Italia o all’estero, che vi permetterà di sperimentare la vita agricola dando una mano a persone che offrono ospitalità e vitto in cambio di qualche ora di lavoro. Esistono anche viaggi organizzati da associazioni ed enti che valorizzano il territorio, ad esempio le vacanze di Legambiente e del Fai.
Vi auguriamo di trovare un momento di ogni vostra giornata per godere del benessere che ci circonda, un benessere leggero e sottile che possiamo sentire solo se, respirando, chiudendo gli occhi e riaprendoli, vedremo di fronte a noi il tutto e il poco e poi di nuovo sentiremo di essere presenti a noi stessi. Anche il pistillo di un fiore contiene la bellezza dell’universo, anche il più brutto degli insetti ha un complesso sistema dentro di sé, anche le montagne che sfumano nei famosi azzurri leonardeschi racchiudono la fragilità di quell’equilibrio naturale che ancora possiamo ritrovare dentro noi stessi.
Buon mese di Giugno a tutti!

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Giugno 2017, editoriale

Turismo responsabile ad Ameno (NO)

Ad Ameno, gioiello di natura e cultura: il progetto Quadrifoglio

il-quadrifoglio-di-Ameno-1
Il progetto Quadrifoglio è stato lanciato nel 2014 e sta riscontrando un buon successo tra i turisti amanti del camminare e della mountain bike (i sentieri sono percorribili con la Mtb per la loro quasi totalità): i 4 sentieri sono identificati da 4 tonalità del colore blu (celeste, azzurro, blu e indaco), partono da Ameno, si snodano per 4 lunghezze differenti  per poi terminare ad Ameno.
La realizzazione dei quattro sentieri del Quadrifoglio di Ameno è stata affidata a Riccardo Carnovalini, uno dei più noti esperti del “camminare a piedi” in Italia, per aggiungere all’offerta turistica del territorio un ulteriore elemento in armonia con la natura.
Carnovalini ha sapientemente abbinato colori, emozioni e territorio ispirandosi a criteri di facilità, per renderli accessibili a un pubblico più ampio possibile, dalle famiglie alle persone meno allenate e ai bambini ma anche a criteri di bellezza, punto di forza imprescindibile del paesaggio di Ameno.
I percorsi sono stati cartografati, segnalati e resi perfettamente percorribili grazie alla collaborazione di CAI e ANA e sono in via di registrazione nel Catasto Regionale Sentieri del Piemonte.
Anello Celeste: dal cuore di Ameno si arriva al Convento del Monte Mesma dove è possibile percorrere le due Vie Crucis, una a salire e l’altra a scendere. Lunghezza totale km. 7,3 ;
Anello Azzurro: dal parco Neogotico del Palazzo Tornielli di Ameno si cammina verso antichi mulini e cascine fra pascoli utilizzati da mucche e cavalli. Lunghezza totale km. 6,2;
Anello Indaco: il più lungo e impegnativo, nell’Oltreagogna alla scoperta della boscosa montagna di Ameno e delle sue antiche cascine. Lunghezza totale km. 11,6;
Anello Blu: dalle colline di Ameno si raggiungono le rive del lago d’Orta. Lunghezza totale km. 8,5.

per più info: http://www.amenoturismo.it/cammini/il-quadrifoglio/

Come viaggiare in modo ecologico e (quasi) gratis

di Eliana Lazzareschi Belloni, autrice del primo dei libri di Vivere Sostenibile: “La sostenibile leggerezza del viaggio”

Viaggiare in modo ecologico è diventata una scelta responsabile negli ultimi anni.
Ormai dovremmo essere tutti consapevoli che qualsiasi nostro atteggiamento, o abitudine, influisce in maniera profonda sull’ecosistema che ci circonda. Che poi ci siano persone che fingano che ciò non sia vero o che nella nostra quotidianità non possiamo fare la differenza, è un altro paio di maniche.
Sono convinta che ognuno di noi debba dare sempre, in qualsiasi circostanza, il proprio contributo.
Gli esempi trascinano. Per questo ho deciso di raccogliere in questo articolo, alcune tipologie di vacanze e viaggi green che ho realizzato in prima persona e altri che devo ancora sperimentare.
Tutti hanno una peculiarità in comune: la natura. È per me indispensabile sentirmi intimamente connessa alle energie che ci circondano e rallentare i ritmi quando viaggio. Spesso ci ritroviamo a fantasticare sui nostri futuri viaggi dopo aver ascoltato il reportage dell’ultima vacanza di un nostro amico o collega, dopo aver guardato delle foto su internet o aver visto dei video. Poi ci destiamo e scacciamo quelle ‘fantasticherie’, lasciandoci nuovamente assorbire dalla nostra noiosa routine, perché convinti che per viaggiare servano un sacco di soldi. È vero, ma dipende molto dallo stile di viaggio per cui si decide di optare.
Di seguito ho selezionato 5 soluzioni sostenibili, sia a livello ambientale che economico.

viaggiare-gratis

Baratto:
Ogni anno a metà novembre, si svolge la Settimana del Baratto dei bed and breakfast.
Il meccanismo è semplice e partecipare è gratuito: ti basta collegarti al sito, scegliere dal menù la località nella regione che desideri visitare e consultare la lista dei desideri dei gestori delle strutture turistico ricettive che aderiscono all’iniziativa. Puoi anche inserire una proposta nel sistema e attendere che il gestore, se interessato, ti contatti.
Le richieste sono variegate e vanno da oggetti da riciclare, a prodotti biologici di produzione propria; dalle traduzioni del sito in lingua straniera a servizi di grafica o realizzazione del sito; dalle opere di manutenzione e ristrutturazioni, all’aiuto in giardino.
Insomma, è un’ottima soluzione per mettere al servizio di altri le proprie competenze in cambio di un soggiorno gratuito all’insegna del riciclo e dei prodotti biologici.
www.settimanadelbaratto.it

Volontariato ambientale:
Quello del volontariato ambientale fornisce un’ottima soluzione per viaggiare in modo ecologico. Questi progetti hanno lo scopo di coinvolgere giovani, e non solo, in azioni di ripristino, tutela e valorizzazione dell’ambiente, in Italia o all’estero. È un’esperienza formativa eccitante per chi desidera mettersi in gioco, viaggiare in maniera sostenibile e stare a contatto con persone che hanno compiuto la stessa scelta di dare il proprio contributo per la salvaguardia di un territorio.
Consulta periodicamente il sito che ho linkato di seguito, si trovano spesso degli ottimi progetti con soggiorni all’estero. Il viaggio di andata e ritorno al paese ospitante è spesato al 100%. Meglio di così?
www.scambieuropei.info
Ottimi progetti vengono organizzati anche da organizzazioni come Legambiente, WWF ecc.

Wwoof
L’acronimo sta per World Wide Opportunities on Organic Farms. Questa organizzazione mette in contatto fattorie biologiche e viaggiatori interessati ad approfondire l’agricoltura biologica. Le fattorie offrono vitto e alloggio in cambio di un aiuto di 4-5 ore al giorno. Le attività variano in base alla fattoria ospitante. È una soluzione che permette di poter partecipare attivamente a uno stile di vita ecologico e di approfondire alcuni aspetti dell’agricoltura, come la permacultura ecc. L’esperienza di vivere in una fattoria ti consentirà di avvicinarti e assaporare l’essenza di una vite semplice, fatta di ritmi scanditi lentamente dalle stagioni, dalla terra, dalle piante e dagli animali.
Alcune di queste fattorie sono disponibili ad ospitare famiglie intere.
Per partecipare bisogna iscriversi al sito della nazione che si intende visitare e acquistare la tessera (la quota varia da paese a paese). Dopodiché sarà possibile accedere alla lista delle fattorie da consultare e contattare.
www.wwoof.it

IMG_1980-e1448572034381

Campo vacanza
Durante l’estate, alcune associazioni propongono campi settimanali di turismo responsabile. Lo scopo di questo tipo di soggiorno, che si discosta nettamente dal modello di vacanza tradizionale, è quello di compiere un viaggio interiore alla scoperta dei 5 elementi che indirizzerà gli ospiti verso uno stile di vita più sostenibile, in sinergia con il loro benessere psico-fisico.
L’ospite può decidere se soggiornare in tenda o in un bungalow di legno, completamente immerso nella cornice naturale dei paesaggi che lo circonderanno.
I campi includono un palinsesto di attività, come cucina macrobiotica, locale e naturale; laboratori didattici per i bambini e attività olistiche per gli adulti. Disponibili percorsi sensoriali e artistici con lezioni di yoga, musicoterapia, pratiche di respirazione e massaggi rigeneranti.

Warm showers
Il Warm Showers è la comunità delle ‘docce calde’, un network internazionale simile al couchsurfing.
Registrandosi al sito, infatti, si accede a una piattaforma che promuove lo scambio di ospitalità, in questo caso rivolto ai cicloturisti. Se vi piace viaggiare su ‘due ruote’ e vi alletta l’idea di interfacciarvi con persone del luogo, non dovete far altro che registrarvi sul sito e inviare un messaggio al vostro potenziale ospite, richiedendo la disponibilità di un letto, una stanza o di un giardino dove poter montare la vostra tenda.
Disponibile anche un’app con mappa interattiva da consultare direttamente on the road.
https://it.warmshowers.org

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Maggio 2017, sezione Speciale Turismo Responsabile

Il bello delle donne in viaggio

a cura di Equotube e Viaggi Responsabili

Viaggiano e creano viaggi: le donne sono protagoniste a tutto tondo del mondo del turismo, il cui ruolo è stato spesso reso secondario da una cultura prevalentemente “al maschile”. Oggi le donne tornano al centro dell’attenzione, per diventare una figura centrale. Viaggiano, ricevono ospiti, creano itinerari: dalle donne per le donne, uno sguardo “al femminile” per una sfumatura di rosa in mezzo a tutto quello che è il mondo dei viaggi.

Formano piccole realtà di artigianato, ospitalità, enogastronomia, in rete tra loro in una “filiera virtuosa”, che valorizzino la cultura locale, che seguano regole etiche, sociali, economiche attente al genere ed al turismo responsabile. Le donne hanno grandi capacità e competenza per creare, commercializzare, promuovere, gestire lo sviluppo del turismo. La valorizzazione delle potenzialità femminili porta un vantaggio allo sviluppo della società e dell’economia locale e globale, per uomini e donne, in tutti i settori, compreso il turismo. Se quest’ambito vi incuriosisce, potete approfondire sul sito di GRT, Gender Responsible Tourism, una Rete tra donne del nord e del sud del mondo, fondata da Iaia Pedemonte, dove si parla di turismo sostenibile, etica e lotta alla povertà con il sostegno allo sviluppo di genere.

E per viaggiare al femminile? Ecco due idee che abbiamo selezionato per voi, che potrete trovare anche sul portale dedicato ai lettori di Vivere Sostenibile.

Ecuador 02

Ecuador – Cooperazione rosa

Le donne che lavorano con la Fondazione Maquita (o con associazioni connesse ad essa) sono quasi 9.000. Circa 512 sono occupate nel turismo, 7.000 nella produzione di cacao, 350 nell’artigianato, 509 in agricoltura, 806 nei prodotti andini. La ricezione alberghiera occupa 350 donne in 20 organizzazioni sparse in 4 province. Sono le donne la vera risorsa sociale. Sono loro che crescono i figli, studiano per migliorare il loro futuro, lavorano per far crescere la comunità. Donne abituate a lavorare da sole, a coltivare il loro campo, ad andare al mercato; mani pazienti che seguono il lavoro agricolo o producono tessuti di straordinaria bellezza. Donne che però hanno anche bisogno di stare in gruppo, legare tra loro, rassicurarsi, scambiarsi le conoscenze e le diverse competenze. Pensato e organizzato con la Fondazione, che da anni lavora in Ecuador impegnandosi nel promuovere la cultura della sostenibilità, la commercializzazione equa e il turismo responsabile, il programma di viaggio nelle terre della Mitad du Mundo saprà coinvolgervi dall’inizio alla fine. Avrete modo di visitare tutti e tre i primi progetti di turismo comunitario iniziati dalla fondazione situati rispettivamente sulle Ande, nella foresta Amazzonica e sulla verdeggiante costa oceanica. Visiterete le Salinas di Bolivar, un esempio di comunità dedita ai principi della sostenibilità e della responsabilità, con le sue microimprese di carattere locale femminile, dove vi renderete conto che nulla è impossibile da realizzare se davvero lo si desidera.  Conoscerete con calma Quito, la capitale dell’Ecuador, patrimonio dell’umanità dell’Unesco e Guayaquil, città di porto, di mare, confusa e affascinante.

Maasai (1)

Kenya – Le donne Maasai

Ci spostiamo in Africa, nel cuore del Kenya, nel piccolo villaggio di Merrueshi, dove le donne sono molto importanti, come racconta Simayiai, fondatrice dell’associazione che gestisce il villaggio di manyatta ai piedi del Kilimangiaro destinato ai viaggiatori. È stata la prima ragazza del villaggio a terminare gli studi, poi con altri giovani del villaggio ha costruito un pozzo, una scuola, un dispensario… ed ora chi arriva al villaggio può assaggiare le bontà della loro cucina, scoprire la loro musica, l’artigianato, l’allevamento, le erbe e i segreti delle leggende che si raccontano davanti al fuoco la sera. Le donne partecipano alla gestione e alle attività. Sono loro che hanno costruito le manyatta in modo tradizionale con legno, erba, fango e pietra. La sala da pranzo è situata nel centro del villaggio, in uno spazio aperto con vista sul bush. Sono una serie di progetti, volti al miglioramento delle condizioni di vita, in collaborazione con il nostro tour operator, per restituire più dignità alle donne Maasai. Il cuore del viaggio è proprio nelle manyatta, per tutti quei visitatori che desiderano sostenere il sistema turistico culturale ed ecologico della comunità. È un progetto di valorizzazione del territorio e di viaggi responsabili, per il mantenimento dei progetti di sviluppo realizzati, che rispecchia l’amore che i Maasai hanno per l’ambiente in cui vivono, e rappresenta il riappropriarsi delle popolazioni rurali dei valori primordiali e della la gestione del proprio territorio, in modo etico e responsabile. Per far sì che per il viaggiatore sia un’esperienza indimenticabile e per la popolazione locale una possibilità di futuro, senza dimenticare la propria provenienza e le proprie origini.

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Aprile 2017, sezione Turismo Sostenibile

TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO? HAI VOGLIA DI VIAGGIARE ANCHE TU?
DATO CHE SEI UN NOSTRO LETTORE, PUOI USARE GLI SCONTI SPECIALI SUL TUO VIAGGIO CON EQUOTUBE E VIAGGI RESPONSABILI!

L’Italia con gli occhi delle donne

a cura di Equotube e Viaggi Responsabili

In questo numero vi proponiamo un percorso all’insegna delle donne nelle realtà che EquoTube promuove.
EquoTube è sempre stata attenta ad accogliere nel proprio circuito di proposte, quelle nate da storie di coraggio e passione, unite alla sensibilità tipica del mondo femminile. Da questa amalgama nascono realtà perfette in campo turistico: il territorio viene raccontato con delicatezza, profondità, sincerità e con un’attenzione ai particolari, che permette ai viaggiatori di immergersi completamente in un’esperienza unica ed indimenticabile. Le storie sono molte e arrivano da tutte le regioni, spesso da quelle più difficili: iniziamo a raccontare un’Italia che sta crescendo sempre di più, nonostante le difficoltà.

festa_della_mamma2

Partiamo dalla Calabria, terra bellissima ma terra difficile, dove incontriamo Annalisa, che ha avuto il coraggio e continua ad essere in prima linea nel contrasto alla criminalità organizzata, proponendo un modello di sviluppo sano, basato su percorsi di legalità, coesione sociale e coraggiose forme di economia civile.

alanterna

‘A Lanterna è un’azienda agricola biologica che fa parte del gruppo cooperativo Goel, che aggrega aziende agricole del territorio che si oppongono alla ‘ndrangheta, ma non solo: Annalisa accoglie anche molti viaggiatori, offrendo ospitalità agrituristica e ristorazione genuina di qualità. Si trova a Monasterace, nella Locride,  e nonostante le frequenti intimidazioni, continua a far conoscere una Calabria che non ti aspetti: mare incontaminato, montagne selvagge, storia, cultura, arte, ma soprattutto persone vere.

zoe_4Ora attraversiamo il suggestivo Aspromonte, lasciando il mar Ionio per abbracciare il Tirreno, giungiamo a Limbadi, in provincia di Vibo Valentia dove incontriamo Caterina, che ha preso in mano l’azienda agricola di famiglia, Le Terre di Zoè, scegliendo la propria terra invece di cercare soluzioni più comode: 20 ettari che donano frutti dai sapori e profumi dimenticati, rigorosamente tutto bio, con esportazioni anche oltreoceano. Non poteva mancare l’agriturismo, immerso nel verde suggestivo delle piante di clementine, kiwi, arance e olive, dove soggiornare e degustare i prodotti di questa terra. Un paradiso adatto alle famiglie dove rilassarsi, ma anche esplorare, imparare, conoscere e divertirsi. Speriamo che queste due piccole grandi storie vi abbiano fatto riflettere ed emozionare un po’: a noi sì, non abbiamo esitato ad accogliere Annalisa e Caterina tra tutte le nostre storie.

Seguiteci nei prossimi numeri, continueremo il nostro viaggio dove le protagoniste sono le donne.

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Aprile 2017, sezione Turismo Sostenibile

TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO? HAI VOGLIA DI VIAGGIARE ANCHE TU?
DATO CHE SEI UN NOSTRO LETTORE, ECCO PER TE GLI SCONTI SPECIALI DA APPLICARE AL TUO VIAGGIO CON EQUOTUBE E VIAGGI RESPONSABILI!

Giro del mondo in bici – intervista a Enrico Gremmo

di Olimpia Medici

Un desiderio innato di partire. È così che Enrico Gremmo spiega la sua scelta di vita lontana dagli schemi che lo ha portato a viaggiare per il mondo in bicicletta. A fine marzo dopo una pausa a Biella, la sua città, ripartirà da Vancouver per affrontare l’ultimo tratto del giro del mondo in bici che ha iniziato nel 2010. Ha passato sei anni pedalando in Europa, Asia centrale, Giappone, Sud-Est Asiatico, Australia, Nuova Zelanda, America Latina, Centro America e Stati Uniti; nel 2017 prevede di concludere il viaggio con Alaska, Canada e New York, per poi rientrare in Europa e tornare a casa.
“Ho iniziato con i classici viaggi zaino in spalla in treno nelle città europee e con le gite a piedi partendo da casa con tenda e scarponi per scoprire cosa c’è dietro il Mucrone, la montagna di Biella. Nel 2003 un amico mi ha proposto di fare il cammino di Santiago in bici. È stata la svolta: ho scoperto l’indipendenza del viaggio, la libertà di non dipendere da un mezzo e procedere a ritmo lento e naturale, senza vedere il mondo passare da un finestrino”.

Enrico Gremmo

La bicicletta per Enrico non è solo uno sport o un mezzo di trasporto, ma apre nuove orizzonti. “In bici si attraversa il paese autentico, non ci si limita a spostarsi da un luogo turistico all’altro. Io mi porto sempre dietro la tenda che dà una libertà ancora maggiore: risparmi il costo dell’alloggio e soprattutto puoi dormire in posti meravigliosi. Segui un ritmo naturale, ti alzi la mattina e sei sotto il cielo. Per me è diventata un’esigenza, i ritmi urbani ormai mi confondono e basta.” Tra il 2007 e il 2008 Enrico compie il suo primo grande viaggio in bici: si spinge fino a Capo Nord, poi si ferma otto mesi a Edimburgo dove lavora in un ostello e torna a Biella per la via più breve, passando per… Gibilterra.
“Arrivare a Capo Nord mi ha fatto capire che basta avere pazienza e con la bici si arriva ovunque. Ho perso la paura della grandi distanze e a questo punto spingermi ancora più lontano è stato un passo naturale. E nel 2010 sono ripartito per il giro del mondo in bici, che dovrei concludere nell’autunno di quest’anno”.
Una scelta così estrema incuriosisce e in parte spaventa, ma Enrico la spiega con semplicità. “Invece di introdurmi nel mondo professionale ho deciso di vivere la vita fino in fondo e non ho rimpianti. Certo, la solitudine si fa sentire, ma non sempre è negativa. Non mi capita spesso di sentirmi solo in mezzo alla gente (la solitudine che ferisce di più), ma spesso mi sento solo in mezzo alla natura ed è una sensazione meravigliosa. Quel che a volte mi manca è poter condividere i momenti belli. Non quelli brutti, perché tanto ho un caratteraccio. Viaggiare solo, in compenso, ti dà una grande libertà, anche a livello di incontri”.
Il viaggio infatti è stato anche un’occasione per entrare in contatto con gente di ogni tipo e in particolare con gli ultimi e i dimenticati, che Enrico cerca di aiutare attraverso l’associazione “Enrico Into the World Onlus” fondata a questo scopo nel 2011. La solidarietà è diventata una componente essenziale del suo percorso e lo ha portato a impegnarsi in una serie di progetti a favore dei meno fortunati. A Enrico che ha viaggiato in tutto il mondo chiedo di parlare del suo angolo di Piemonte, il Biellese, da una prospettiva che sarà per forza locale e nello stesso tempo globale.
Io il Biellese lo vedo bellissimo, come territorio è fantastico.
Ha una natura stupenda e un grande potenziale turistico. Un biellese secondo me non dovrebbe mai lamentarsi troppo, perché se si sente giù può sempre prendere la bici o un paio di scarponi e in 10 minuti si trova in mezzo alla natura; qui lo si dà per scontato, ma per chi abita in altre città non è così. A chi ama la bici consiglio la Bessa, la Baraggia e la Serra; ci sono molti percorsi adatti alla mountain bike, tra cui una decina di itinerari ciclabili ben indicati. Però per me vivere il Biellese significa soprattutto camminare: per esempio vi consiglio il sentiero del Gorgomoro che porta verso il santuario di Oropa e parte quasi dal centro di Biella. Ma il posto più bello del mondo è il colle di Loo dove si apre questo pianoro immenso: sono spazi enormi, ti senti circondato da una natura grande e selvaggia, insolita per l’Italia, c’è quasi un sentore di Mongolia”.
Come non essere d’accordo? I Piani di Loo, dietro il rifugio Rivetti scendendo verso la valle di Gressoney, sono davvero un luogo fuori dal mondo. E la nostalgia per i grandi spazi aperti è comprensibile da parte di chi li ha conosciuti in prima persona pedalando per chilometri e chilometri.
“L’Europa in generale è piccola, vista da lontano. La natura resiste in piccoli angoli, da scovare tra un posto urbanizzato e l’altro. Per noi l’idea di percorrere 100 km senza vedere una casa è inconcepibile. In altri luoghi c’è solo la natura e una strada in mezzo al nulla. Non è un caso che i posti che mi sono rimasti più nel cuore siano la Mongolia, l’Australia, la Patagonia e gli altopiani della Bolivia”.
Ma ci sarà un posto che gli ha fatto venire voglia di fermarsi? “Tutti, dopo un po’ che li conosco. Tutti e nessuno. Casa per me è qui a Biella dove ho le mie radici, anche se ormai ho tagliato il cordone ombelicale e mi sentirei pronto a vivere dappertutto. Nel futuro mi piacerebbe accompagnare i turisti in mountain bike, magari in Patagonia o in Mongolia.” Enrico sorride tra sé. “Ma in realtà non ho ancora deciso se usare questa mia esperienza come una professione o continuare a fare il vagabondo.”

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Aprile 2017, sezione Turismo Sostenibile