Ruis il Sambuco e l’anziana Signora

di Ossian D’Ambrosio, Antica Quercia

Il sambuco simboleggia la fine nell’inizio e l’inizio nella fine. Ci mostra come onorare il ciclo della morte e della rinascita e insegna che in ogni fine c’è sempre un nuovo inizio. È l’albero della rigenerazione poiché ricresce velocemente, qualunque parte venga tagliata; è quindi indicato per ogni lavoro che interessi la sfera della rigenerazione.
Il Sambuco ci aiuta a rimuovere i blocchi emotivi, allontana la paura e ci porta chiarezza di pensiero. La sua energia è connessa all’aspetto Anziano della Grande Dea, signora dei poteri divinatori e dei momenti di passaggio. Ciò risulta evidente anche dalla corrispondenza nel calendario del sambuco con Samonios: il momento in cui l’anno vecchio finisce e inizia quello nuovo, in cui il passato e il futuro sono uniti in un unico presente.

sambuco-fiori

Nel calendario arboreo il suo periodo va dal 24 Novembre al 23 Dicembre ed anticamente questo mese veniva chiamato Duman, il tempo delle tenebre profonde.
In ogni tradizione europea il Sambuco è considerato la dimora del buon spirito della casa, l’invisibile guardiano protettivo e molti popoli continuano nelle proprie tradizioni a lasciare offerte in latte e pani alla sua ombra.
Il Sambuco proteggeva gli abitanti della casa da ogni sfortuna e malattia, non veniva mai abbattuto e bruciato e se bisognava per forza tagliarlo, si procedeva prima con l’atto della preghiera ed offerta; ad esempio “Signora Sambuco, dammi un po del tuo legno: io te ne darò un po del mio, quando crescerà nella foresta”, diversamente la sventura sarebbe caduta sulla persona.

Nove ramoscelli di sambuco legati da un nastro rosso a forma di ventaglio è un buon amuleto per coloro che praticano la magia con potenti esseri elementali, mentre un flauto costruito con il legno di Sambuco attira gli spiriti ed il popolo fatato. Vi sono numerose magie ed incantesimi collegati a questa pianta, un po’ come il periodo che va a rappresentare, proprio per la vicinanza del solstizio d’inverno che ammanta tutti i popoli di forte atmosfera magica per la rinascita della luce.
Se si seppellisce un dente da latte di un bambino sotto le radici del Sambuco, lo si preserverà da malefici e malattie, mentre se vi lavate gli occhi con la rugiada raccolta dai fiori di Sambuco durante il plenilunio, potrete vedere il popolo fatato. Preparare un vino con le ultime bacche di questa pianta, magari raccolte al Samonios, durante il Solstizio d’inverno darebbe alla bevanda forti poteri profetici e di chiaroveggenza e sempre durante il periodo solstiziale, utilizzate le foglie di sambuco per benedire e proteggere una persona gettandone una manciata su di esso e poi spargendole al vento.

Copertina Ogham copia

Annunci

Dal Solstizio d’Estate alla festa di S.Giovanni il sole trionfa

di Beatrice Calia

Acqua e luce sono la base della Vita. Nell’antica società agraria il culto del sole era vitale e l’essere umano usava benedire tutti gli elementi e ritualizzava i passaggi per non perdere l’unione col Creato. Durante l’anno due momenti meravigliosi si mostrano per propiziarci una buona Vita. Uno è il solstizio invernale che ci guida al Natale, inizio di una stagione propensa all’introspezione, l’altro avviene ad inizio estate, tempo di interazione sociale. Si magnifica la Terra gravida di vita, perché ci accompagni verso la luce e la calura estiva sia clemente. Un tempo, questo momento era ritenuto magico, ovvero legato alla Natura e a noi stessi, e si facevano gesti legati all’abbondanza e alla gioia. Il Solstizio d’Estate è il giorno più lungo dell’anno, il sole trionfa nel cielo e vi è la comunicazione diretta fra visibile e invisibile, i due opposti si incontrano e si fondono.

calia

La festa di San Giovanni è un’antica festa celtica associata con le forze lunari, con la rugiada e con le erbe che, raccolte questa notte, hanno maggior potere: iperico, artemisia, arnica, ruta, achillea, salvia, rosmarino, noce, ribes, erica, verbena. Nella foto ho preparato la “Guazza profumata di S. Giovanni” arricchita con le amiche erbe dai fiori colorati per lavarci dai rigori invernali. In questo giorno si prepara il nocino come simbolo di rinnovamento e il rosso olio d’iperico preziosissimo rimedio contro le scottature e i malumori, e con le erbe prepariamo piatti sfiziosi dai nomi curiosi.

IL NOCINO
27 noci raccolte la notte di S. Giovanni
4 chiodi di garofano
2g di cannella
3 pezzetti di scorza di limone
500g di zucchero moscobado
350g di alcool a 95°
300g di acqua
Raccogliete le noci la notte di San Giovanni (23/24 Giugno) e lasciatele in un recipiente a prendere la rugiada. Il 24 tagliate le noci in 4 parti, mettetele in un vaso con l’alcool. Il giorno successivo aggiungete le spezie e lasciate in infusione fino al 3 Agosto al sole, agitando 3 volte al giorno. Filtrate e aggiungete lo sciroppo fatto con lo zucchero scaldato nell’acqua. Lasciare raffreddare, imbottigliare e aspettare almeno 3 mesi prima di consumarlo, conservandolo al buio.

Articolo pubblicato su Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Giugno 2017, sezione Alimentazione Naturale

Ad ogni primavera una nuova vita!

di Rossana Vanetta

disegno di Giulia Marone

edit_01

È scoppiata la primavera. Ci togliamo qualche strato dal nostro abbigliamento, iniziamo a programmare le agognate vacanze estive e magari qualche intrepido cupido sta lanciando i suoi dardi d’amore.
E la Natura cosa fa? Tolta la coperta della neve si rimette in moto programmando la vita: germogli che spuntano, fiori che sbocciano, animali che escono dal letargo. E vogliamo parlare dell’innamoramento? Un tripudio di profumi, colori, polline, danze di corteggiamento…
Mi stavo interrogando su quanto noi cittadini siamo consapevoli di tutto questo gran movimento. Soprattutto nelle realtà urbane, i cambiamenti primaverili della Natura sono spesso solo una musica in sottofondo, una scenografia di poca importanza, niente per cui valga la pena soffermarcisi un attimo di più. Ringraziamo forse l’allungarsi della giornata perché ci permette di consumare il nostro aperitivo nel dehor, invece che all’interno di un bar.  E allora, cosa si potrebbe fare per assecondare questi cambiamenti che avvengono, inevitabilmente, anche dentro di noi? Tra le varie risposte possibili, io scelgo di accogliere la pratica di rituali che ci giungono da tradizioni sciamaniche, pagane, ma anche cattoliche; magari adattandoli alle necessità e allo stile di vita dell’uomo moderno.
Cominciamo a scegliere una data: l’equinozio di primavera è in effetti già trascorso, ma abbiamo un’altra occasione per celebrare questo momento grazie alla Pasqua. Il nome inglese di questa ricorrenza cattolica è Easter, che ci rimanda al culto della dea Eostre, divinità pagana della primavera, del rinnovamento e della fertilità, onorata tradizionalmente in concomitanza con l’equinozio di marzo. Il giorno in cui la tradizione cattolica festeggia la Pasqua è invece la domenica successiva al primo plenilunio dopo l’equinozio.
Scendiamo in profondità e ricerchiamo il cuore della celebrazione. Nel culto pagano si dava il benvenuto al ritorno della Luce, del Sole, della Vita. Nel giorno di Pasqua si osanna la resurrezione di Gesù: anch’essa una rinascita, un ritorno alla Vita. Non è un caso che tra i rituali comuni alle due festività vi sia la benedizione del fuoco, portatore di luce, con l’accensione di un cero. Dunque, in entrambi i casi, ci troviamo a rapportarci con la tematica della Vita/Morte/Vita, e qui capiamo perché la Pasqua cade subito dopo un plenilunio (elemento di massima rappresentazione della Vita, o rinascita, del ciclo lunare). L’archetipo Vita/Morte/Vita ci insegna che ogni aspetto della nostra esistenza e dell’Universo non può presentare una progressione lineare ma possiede un andamento ciclico, dove la Morte assume un ruolo fondamentale per la continuità della Vita stessa: può essere vissuta concretamente come trasformazione, purificazione, discesa nelle nostre ombre, l’affrontare le nostre paure, il lasciar andare gli elementi sterili o d’intralcio. Ecco che troviamo un riscontro anche nei consigli popolari di ciò che va fatto proprio in primavera: depurare il nostro corpotrovate tutte le dritte a pag. 16 con l’articolo di Marilena Ramus -, potare le piante tagliandone i rami secchi o dedicarsi alla propria casa con le famose pulizie stagionali o (perché no?) con una bella ristrutturazione ecologicavi raccomando per questo il nostro Speciale Bioedilizia a pag 11. Queste attività, apparentemente banali, potrebbero diventare un’occasione per un rituale o una cerimonia, se vissute con partecipazione, cogliendone il significato simbolico della pulizia, dell’eliminazione (di una piccola morte insomma) per lasciare posto al nuovo, alla vita, al futuro.
Oltre a queste grandi attività vi posso consigliare dei piccoli rituali come l’accensione di candele nel buio della notte, bruciare mazzetti di salvia (purificatrice) nelle vostre case o appuntarvi progetti ed obiettivi per i prossimi mesi. Se vi piace svolgere attività di gruppo, magari prendendo parte a veri rituali sciamanici o pagani, potete contattare una tra le tante valide associazioni olistiche presenti sul territorio – potreste farvi un’idea spulciando tra l’elenco dei nostri punti di distribuzione o seguendo la nostra pagina facebook dove vi aggiorniamo sugli eventi locali.
Qualunque cosa decidiate di fare, che sia una pulizia di primavera, un rituale particolare o ancora il praticare le festività secondo la vostra religione, sentite e vivetene ogni momento. Approfittatene per concedervi un atto di presenza e vi assicuro che qualcosa inizierà a cambiare in voi: comincerà a crearsi spazio per la Vita, quella piena e soddisfacente, mentre potrete eliminare quei pensieri d’intralcio, quelle cattive abitudini che avevano bisogno di una sana morte.

Buona rinascita a tutti!

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Aprile 2017, editoriale