Cima Capezzone e Cima Lago (Campello Monti – VB – ) La selvaggia valle Strona

di Mauro Carlesso – scrittore e camminatore vegano

Periodo: Estate/Autunno

Raggiungere Campello Monti ha già di per se un fascino particolare. È un luogo di storia, cultura e di confine: oltre si può andare solo a piedi. E oltre ci sono solo montagne dure e faticose usate nei secoli per una sopravvivenza oggigiorno improponibile. La Cima Capezzone è la montagna più alta di questa valle selvaggia e solitaria e salirla consente di tuffarsi in un ambiente che emotivamente lascia incantati.
La salita non presenta difficoltà tecniche ma oltre alla fatica chiede un po’ di attenzione nel canalino che dal Lago sale alla Bocchetta.

campello dal capezzone2

L’itinerario
Da Gravellona Toce si raggiunge Omegna da cui si risale interamente la Valle Strona passando da Forno fino a Campello Monti dove ha termine la strada. Si parcheggia l’auto all’ingresso del grazioso villaggio walser “chiuso” per otto mesi all’anno e che solo in estate si anima di villeggianti e di escursionisti. Ci si avvia verso la settecentesca Parrocchiale di San Giovanni Battista tardo barocca e si risale l’erta scalinata al termine della quale si segue la mulattiera a sinistra (freccia) incontrando poco dopo delle paline con indicazione ‘’Cima Capezzone’’. Da questo punto si inizia la lunga salita transitando dagli alpeggi Alpe Piana di Via (mt.1715) e Alpe Capezzone (mt.1845). Sempre su buon sentiero si raggiunge l’incantevole Lago Capezzone sulle cui rive è posto il bivacco in muratura Abele Traglio (mt. 2106). Da questo luogo si tralascia il sentiero di sinistra che porta alla Bocchetta delle Vacche e si costeggia invece il lago sulla destra fino al suo termine per poi risalire faticosamente verso l’evidente bocchetta posta tra la cresta SW del Capezzone e la cresta NW della Cima Lago. Dalla bocchetta si piega a destra e per cresta un po’ sconnessa si raggiunge la vetta del Capezzone (mt.2421) con vista spettacolare sul Monte Rosa. Dalla cima si rientra alla bocchetta dalla quale si risale il facile fianco erboso che porta in breve sulla Cima Lago (mt. 2401) da cui si ha un’aggettante vista del Lago Capezzone. Si ritorna alla bocchetta dalla quale si scende con cautela ripercorrendo il facile percorso dell’andata fino a Campello.

cima capezzone2

La nota storica
Nell’immaginario collettivo le miniere hanno sempre esercitato un fascino oscuro. Le condizioni di lavoro in particolare esercitano un sentimento di povertà e di precarietà per i lavoratori. Ma anche il minerale estratto ha un suo fascino particolare: oro, diamanti, ferro, rame etc. E proprio a Campello Monti per circa un secolo si è esercitata l’estrazione di un materiale inconsueto: il nichel. Dal 1865, anno di inizio dello sfruttamento della vena, fino al 1949, quando cessarono le concessioni Ministeriali, si sono avvicendati svariati proprietari. Dal sig. Arienta, al notaio Ferrari, dal barone Hartogensis, di Berlino all’ing. Dolcetta di Vicenza prima del turno di svariati Enti. Ma tutti questi interpreti di un epoca hanno dovuto arrendersi alle molteplici difficoltà operative: durezza della roccia, verticalità del terreno che non consentiva di lavorare agevolmente, ripidità dei canaloni che solcano le pareti nelle quali erano aperte le miniere che, soggetti a continue valanghe, ne limitavano l’attività. Ed infine la concorrenza delle nuove miniere in Canada e Nuova Caledonia hanno decretato la fine di quel lavoro affascinante ma disumano. Di quel misero periodo si può ancora osservare dal parcheggio basso di Campello fino alla località Ronco un tratto della teleferica che portava il minerale dai cantieri agli impianti di lavorazione e dove esiste ancora un deposito del materiale di scarto.

lago capezzone2

La scheda
Località di partenza: Campello Monti (mt.1305) –NO-
Località di arrivo: Campello Monti
Cime sul percorso: Cima Capezzone (mt.2421), Cima Lago (mt. 2401)
Dislivello: mt. 1120 circa
Tempo di percorrenza: ore 4,30 (soste escluse)
Difficoltà: EE

Per un pranzo al sacco Veg
Un suggerimento per un gustoso pranzo al sacco vegano a impatto zero: hummus di ceci e carpaccio di barbabietole

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte, edizione Ottobre 2017, sezione Turismo Sostenibile

Goletta dei Laghi di Legambiente – monitoraggio sulla salute del Lago Maggiore 2017

di Enrico Marone

logo_legambiente_1Da diversi anni Legambiente, con la sua campagna Goletta dei Laghi, tutela i bacini lacustri italiani e ci consente di conoscere la situazione dell’inquinamento delle loro acque, informazione che oltre a salvaguardare la nostra salute ha anche ricadute per il turismo e quindi per le attività commerciali del territorio. L’impegno o il disinteresse verso l’ambiente che ci circonda ha sempre delle conseguenze.
Come è andata quest’anno?golettadeilaghi_1
Nelle analisi della Goletta vengono prese in esame le foci dei fiumi, torrenti, gli scarichi e i piccoli canali che si trovano lungo le rive dei laghi, punti spesso segnalati dai cittadini attraverso il servizio SOS Goletta*: situazioni che sono i veicoli principali di contaminazione batterica di origine fecale, dovuta all’insufficiente depurazione degli scarichi civili che attraverso i corsi d’acqua arrivano nel lago. Legambiente esegue un campionamento puntuale che non vuole sostituirsi ai controlli ufficiali, né pretende di assegnare patenti di balneabilità, ma restituisce un’istantanea utile per individuare i problemi e ragionare sulle soluzioni.
I campioni prelevati quest’anno nella provincia di Novara hanno mostrato cariche batteriche al di sopra dei limiti di legge a Dormelletto, alla foce del rio Arlasca, presso lo scarico del depuratore e in corrispondenza della stazione di sollevamento presso via Oberdan, contrariamente a quanto rilevato nella passata edizione; ad Arona in corrispondenza di Corso Marconi 93 e sul lungolago Caduti di Nassiriya presso scarico fognario (Rio San Luigi). Rientra, invece, nei livelli consentiti dalla normativa l’acqua prelevata a Lesa in corrispondenza di via Vittorio Veneto, confermando quanto registrato nel 2016. Nella provincia di Verbania-Cusio-Ossola sono Stresa e Verbania a segnare il risultato peggiore, presso lo sfioratore di piazza Marconi e la foce del fiume Toce, entrambi i punti, infatti, sono risultati “fortemente inquinati”. Rientra nei limiti di legge, come nella passata edizione della campagna, la foce del torrente San Bernardino a Verbania.
Come ha dichiarato Fabio Dovana, presidente di Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta, i dati raccolti evidenziano un peggioramento delle condizioni di inquinamento rispetto all’anno scorso.
Per il secondo anno il lavoro di campionamento di Goletta dei Laghi ha riguardato anche il monitoraggio delle microplastiche presenti nelle acque. La maggiore densità di particelle su chilometro quadro è stata riscontrata nel transetto tra Dormelletto, Arona e Angera, porzione del lago che subisce la presenza del torrente Vevera (che mostra una situazione di inquinato cronico dalle analisi di Goletta dei Laghi, a causa di problemi di depurazione delle acque fognarie).
I dettagli del monitoraggio sono su: www.legambiente.it/marinelitter/
A testimonianza dell’attenzione al tema, alla conferenza stampa è seguito un confronto pubblico con i Sindaci dei Comuni rivieraschi promosso dal circolo di Legambiente “Amici del Lago” dal titolo Contratto di Lago, un approccio di sistema – Il problema delle microplastiche. Al tavolo dei relatori: Stefano Ciafani direttore nazionale di Legambiente, Franco Borgogno dell’European Research Institute, Franco Borghetti presidente del circolo Legambiente VCO “il Brutto Anatroccolo”, Massimiliano Caligara presidente circolo Legambiente sud Verbano “Gli Amici del Lago” e i Sindaci e gli Amministratori dei Comuni rivieraschi.
Speriamo naturalmente che il peggioramento della situazione stimoli l’azione di controllo, prevenzione e intervento da parte degli amministratori pubblici, magari spronati dai cittadini.

tabella-giudizi_1

Goletta dei Laghi è anche su:
Facebook: fb.com/golettadeilaghi
Twitter: @golettadeilaghi
Web: www.legambiente.it/golettadeilaghi

———————–
Video dei monitoraggi e delle analisi:
https://drive.google.com/open?id=0Bx7XdcFmH-iMaTROeHZJRXFLVUk
Gallery fotografica dei campionamenti:
https://drive.google.com/open?id=0Bx7XdcFmH-iMYzQyOVpyQm95TVU
———————–
*SOS Goletta: Per segnalare casi di inquinamento è possibile inviare una email a sosgoletta@legambiente.it con una breve descrizione della situazione, l’indirizzo e le indicazioni utili per identificare il punto, le foto dello scarico o dell’area inquinata e un recapito telefonico o chiamando il 349/4597928.

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Settembre 2017, sezione Scelte Ecosostenibile