LOST ENCORE – La voce dei luoghi abbandonati

di Mirko Zullo

Ben tornati all’appuntamento con la riscoperta dei luoghi abbandonati e dimenticati del nostro Paese. Il progetto LOST ENCORE è nato alla fine del 2015 e si è dato proprio questa missione: riscoprire le dimore abbandonate più importanti del nord Italia.
In questo quinto appuntamento, il viaggio del team di LOST ENCORE si dedicherà alla riscoperta di alcuni villaggi completamente abbandonati del nord Italia, spostandosi dalle alture di Stresa, sino all’Ossola.

Prima tappa, dunque, il Villaggio Neumann, in località Brisino. Immerso nel bosco, questo piccolo borgo, tenuto attivo da diverse famiglie di fattori, sembra ricordare silenziosamente quanto fosse altamente produttivo sino a pochi decenni fa. Una frazione autosufficiente e che offriva prodotti di diversa natura: dal latte al formaggio, dalla carne alla verdura. È presumibile pensare che, così come già accennato per i silos del Piano Grande di Fondotoce, anche qui era solito un piccolo commercio locale. Oltre alle strutture originali, sono presenti un paio di stabili su più piani rimasti incompiuti. Nell’area del Villaggio Neumann c’è anche una piccola gru. Tutto, insomma, sembra essersi improvvisamente fermato, le case abbandonate ed è impossibile reperire ulteriori informazioni a riguardo.

cuggine4

Dopo aver esplorato il Villaggio Neumann sulle alture di Stresa, è ora la volta di un misterioso villaggio in Valle Antigorio, in località Baceno, ovvero il borgo di Cuggine. Un piccolissimo nucleo composto da diverse strutture, erette tra il XVI ed il XVIII secolo, a partire da un arco, che sembra ricordare una sorta di percorso obbligato, appartenente all’antica mulattiera che portava in questo villaggio. Un villaggio autosufficiente e dedito al commercio doganale, pare già a partire dal X secolo. L’arco, datato 1582, sembra ricordare la forte componente pagana di questo sito, possiamo difatti riscontrare la sagoma in rilievo di una strana figura antropomorfa, una sorta di bambolotto – sembra una figura infantile piuttosto che adulta – con grande testa tonda e braccia conserte. E ancora, un’altra scultura non più nitida, ma che sembra raffigurare un volto di profilo con indosso una sorta di elmo o di cappello con piuma.

Infine, sempre appartenente alla medesima struttura, ci si può imbattere in un rilievo che a prima vista sembra ricordare uno stemma, anche se molto più probabilmente si tratta della raffigurazione di un corpo di rana o di rospo. Una raffigurazione che non può che spostare ipotesi e supposizioni nel mondo dell’esoterismo, realtà per altro già molto forte nella memoria storica e folkloristica di Baceno e della Valle Antigorio. Rane e rospi, infatti, rappresentavano non solo fecondità e fortuna, ma erano anche forti alleati delle streghe. Figura, quella delle streghe, ben conosciuta nel vicino comune di Baceno, con episodi inerenti sabba e stragi di donne che riecheggiano nelle memorie processuali della Santa Inquisizione (Vivere Sostenibile n.5). Come detto prima, il villaggio era autosufficiente, a ragion di questo, possiamo ancora ammirare dei piccoli mulini, con macine all’interno, alcuni datati addirittura 1776.

Come sempre, potete seguire ed avere tutte le informazioni su LOST ENCORE tramite la pagina Facebook ufficiale, oppure riguardando tutte le losteggiate della prima stagione sul canale LOST ENCORE di YouTube. Per altre informazioni, domande o segnalazioni, potete invece scrivere alla casella mail: lostproductiontv@gmail.com.

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Febbraio + Marzo 2018, sezione Turismo Sostenibile

Annunci

L’ambientalismo è in crisi: domandiamoci il perché

di Fabio Balocco

Quando tre anni fa lasciai Pro Natura Torino, dopo circa trent’anni di militanza, l’associazione (la più vecchia e gloriosa d’Italia) contava circa la metà dei soci rispetto a quando io entrai a prestare servizio. E l’età media di questi soci residui era sicuramente superiore ai sessant’anni. Per celia, con un mio amico, dicevamo che fuori dalla sede dell’assemblea annuale avremmo dovuto far stazionare un’ambulanza.
Credo che sarebbe il caso di fare un pensamento su questo problema: la crisi dell’ambientalismo, quanto meno italiano. Perché non è solo Pro Natura ad avere perso soci. Delle associazioni storiche, il WWF per ragioni di costi ha dovuto chiudere le sedi locali, Italia Nostra vivacchia, Legambiente sopravvive grazie alle sponsorizzazioni, garantite anche dal fatto che essa ha sempre gravitato in una certa area politica. Ma le sponsorizzazioni ne limitano anche la libertà di azione.
Premetto subito una considerazione generale: quando entrai nell’associazione i soci erano tanti, ma a sbatterci eravamo quattro gatti, e lo stesso succedeva nelle altre associazioni della galassia ambientalista. Valeva quello che io definisco “il principio della delega”, cioè il pagare una quota annuale per demandare ad altri la ricerca delle soluzioni ai problemi.
Ma gli anni ottanta o giù di lì erano un’epoca in cui la gente sentiva comunque il problema ambientale. Prova ne erano le stesse politiche di governo, dalla creazione dei parchi, all’istituzione del Ministero dell’Ambiente.
C’era una sensibilità diffusa (seppure superficiale), testimoniata dalle ricerche demoscopiche: l’ambiente era ai primi posti nella classifica delle preoccupazioni della gente. Oggi non è più così, nonostante che il degrado sul nostro povero suolo sia decisamente aumentato rispetto a trent’anni fa. Oggi la gente pensa al lavoro, alla sicurezza, agli immigrati. L’ambiente è finito nelle preoccupazioni di retroguardia. E questo può spiegare la disaffezione generalizzata. Come potrebbe anche spiegare in parte l’estinzione del partito dei Verdi.

protect-450596_1920

Ma torniamo ai numeri.
Negli anni ottanta le associazioni vantavano tanti iscritti, e molti erano giovani. Oggi le associazioni non possono più contare su un ricambio. Perché un giovane non dà neppure più la delega di cui dicevo sopra, non scuce neppure trenta euro all’anno “per salvare l’ambiente”? Una spiegazione può risiedere nel fatto che i giovani oggi vogliono vedere dei risultati. L’ambientalismo svolge una attività prettamente difensiva attestata sul salviamo il salvabile, attestata di massima su di un NO generalizzato, e che tocca problemi ed indica soluzioni che a molti possono apparire lontani. Ecco, credo, almeno io, che ci sia uno stacco netto fra le idee e le aspirazioni dei giovani, che vogliono vedere risultati ed in più a breve termine, ed il modus operandi delle associazioni.
Ma anche un’altra considerazione si impone. Un tempo l’attività di sensibilizzazione in campo ambientale era svolta solo dalle associazioni, oggi non è più così. Oggi con il mondo di internet chiunque può denunciare e farsi sentire ed ottenere magari anche risultati che le associazioni stentano a ottenere. Dalle campagne stampa, alle raccolte firme, dai boicottaggi ai flash mob. E qui tocchiamo un altro tasto dolente. Le associazioni non si sono adeguate ai mezzi di comunicazione. Fanno ancora i comunicati stampa, talvolta addirittura i volantinaggi, i loro siti non sono né belli né amichevoli, spesso non hanno una pagina sui social media, non twittano e così via. Ma non lo fanno anche perché i soci sono vecchi. E qui è il serpente che si morde la coda. Se a ciò aggiungiamo che i mass media non si “filano” le associazioni (salvo Legambiente), si comprende come esse riescano a farsi sentire.
E veniamo infine alla sostanza. Oggi la politica dell’ambientalismo opera ancora nell’ambito dello sviluppo sostenibile. È ancora quella che già negli anni ottanta si definiva come “ecologia superficiale”, quella che non mette in discussione le basi della nostra società. Ma chi oggi abbia un minimo di sensibilità ambientale sa o intuisce che i problemi che ci attanagliano in realtà denunciano l’iniquità di base di un sistema di sviluppo, anzi lo sviluppo stesso. Oggi le voci credibili in campo ambientale sono di singoli, più che di associazioni, cito Luca Mercalli e Maurizio Pallante a livello italiano, cito Serge Latouche a livello mondiale. Singole voci che però riescono, almeno loro, a smuovere le coscienze e a fare adepti. Quello che l’ambientalismo istituzionale non riesce più a fare.

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Novembre 2017, sezione Scelte Ecosostenibili

Tra nostalgia e progresso

di Laura Fanchini, liceale

environment-722060_1920

Chi si ostina a mantenere un atteggiamento nostalgico nei confronti del passato è un illuso. É molto diffusa – in particolare tra le persone più anziane – l’idea secondo la quale “si stava meglio quando si stava peggio”; si fa scioccamente appello a un’antica Arcadia splendida e illusoria, che rimanda a un tempo idillico e ormai perduto. Il tempo perfetto non è mai esistito, per il semplice fatto che l’uomo è imperfetto. Negli ultimi due secoli l’umanità ha assistito a cambiamenti che si sono susseguiti con straordinaria rapidità, e anche se è difficile giudicare in maniera obiettiva se ciò sia stato un bene o un male, è insensato continuare a lamentarsi del presente, confrontandolo con gli aspetti migliori del passato. D’altra parte, è innegabile che oggi stiamo vivendo un momento di profonda crisi, che si presenta sotto diverse forme: economica, ambientale, interculturale, immigrazione, instabilità dei governi… Tuttavia, ognuna di tali sfaccettature è riconducibile a un’unica problematica più profonda: la crisi dei valori, che consiste nel sovvertimento dell’ordine di quelle virtù etiche e morali che si pensa essere innate nell’essere umano. La causa di una simile distorsione risiede in una serie di fattori culturali, e in particolare nell’equivoca interpretazione di un parola: crescita. Il concetto di “crescita”, in ambito economico, ha iniziato a essere esaltato con l’avvento del capitalismo, con il quale i grandi imprenditori hanno visto nel connubio scienza-tecnica l’arma vincente che avrebbe portato a uno sviluppo infinito, a un progresso senza limiti: mai, prima di allora, l’uomo si era sentito tanto potente, mai era stato tanto ottimista quanto cieco. Oggi viviamo le conseguenze di un sistema produttivo che si è rivelato fallimentare, e ci appare dunque evidente che il principio della crescita infinita è errato nella sua stessa definizione: in un mondo finito non può essere possibile una crescita infinita soprattutto se le risorse che ci ostiniamo a sfruttare sono “non rinnovabili”. Siamo tutti d’accordo che è necessario un cambiamento, ma non in senso progressista. Si tratta di abbandonare una logica sbagliata, con cui siamo cresciuti: quella consumistica.
“Non possiamo risolvere i problemi con lo stesso tipo di pensiero che abbiamo usato quando li abbiamo creati”: è una celeberrima frase di Albert Einstein che ci invita a cambiare mentalità e, in questo caso, a rivalutare le parole crescita e progresso. Non si interpreti questa posizione come se fosse volta a smentire la tesi della perfettibilità umana: l’uomo può e deve impegnarsi per migliorare continuamente se stesso, ma considerando direzioni alternative. Mutare un’opinione, un pensiero, un’idea è relativamente facile, lo facciamo continuamente. Ma cambiare un’abitudine è estremamente difficile, perciò ci aspetta una battaglia dura, ma inevitabile. Non possiamo più permetterci di vivere nel sogno delle molteplici opportunità, come poteva succedere negli anni del “boom economico” del dopoguerra, dobbiamo invece prendere atto della situazione in cui ci troviamo e riformare la società dal suo interno, a partire dalle nostre scelte quotidiane: “Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo”, esortava Gandhi. É una posizione tanto comoda quanto utile rievocare il passato nella vana speranza di un suo ritorno. Lamentarsi della società presente è comprensibile, ma è da ipocriti, dal momento che ne siamo tutti dipendenti: volenti o nolenti, siamo immersi in un sistema dal quale non riusciamo a liberarci. Siamo sinceri: chi di noi potrebbe fare a meno dell’automobile, di un telefonino o della connessione internet? Inoltre dobbiamo ricordare che il presente l’abbiamo costruito noi, la nostra società è figlia dei nostri padri, e se questa ha qualche difetto è nostro compito correggerlo. L’uomo è artefice del proprio destino: sentiamoci responsabili del mondo in cui viviamo. Ognuno di noi, per il solo fatto di esistere, è una componente attiva nella storia, perciò ognuno di noi è costretto a prendere una posizione, scegliendo tra vivere in maniera sostenibile, oppure vivere come un parassita.

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Giugno 2017, sezione Scelte Sostenibili

idoli & oggetti

di Laura Fanchini, liceale

Per quanto il pensiero di Marx possa essere più o meno contestabile o condivisibile, su un punto rimane indiscutibilmente originale: il feticismo della merce. Il lavoratore produce una merce: soggetto, predicato, complemento oggetto. La grammatica del capitalismo – secondo Marx – vuole che l’attenzione si concentri sull’oggetto (la merce) dimenticando il soggetto (l’uomo). Purtroppo questa logica non ci è sconosciuta, dal momento che siamo stati istruiti dalla medesima grammatica.
Pensiamoci: quando si incontra un conoscente che indossa, ad esempio, delle scarpe nuove, a nessuno verrebbe in mente di chiedergli chi le abbia prodotte, ma piuttosto dove siano state acquistate, a che prezzo, se fossero in sconto, e via dicendo. Il produttore -il soggetto- l’uomo, non passa in secondo piano: non viene nemmeno preso in considerazione!

shopping-cart-1275480_1920

La smisurata adorazione della merce ha rapidamente sovvertito quell’ordine di valori che vedeva al vertice l’attenzione e il rispetto per la dignità umana.
Chi sta dietro a quel paio di scarpe, ai nostri smartphone all’ultimo grido, al litro di latte super scontato, o al filone di pane che troviamo magicamente fresco, ogni giorno, al supermercato?
D’altronde, siamo ormai talmente assuefatti alla logica consumistica, che l’agire quotidianamente secondo un’etica ci risulterebbe estremamente difficile. Poiché tutto è mercificato, possiamo comprare ciò di cui abbiamo bisogno senza alcuna difficoltà: basta andare al negozio più vicino, o a quello che propone le migliori offerte; oppure ordinare il bene in questione con un click, restando a casa, comodamente seduti davanti al PC.
E molti di noi osano dichiararsi indipendenti… L’essere indipendenti (inteso alla vecchia maniera) non significa essere in grado di pranzare fuori con un panino comprato “al volo”, ma prepararsi da sé ciò che occorre.
Siamo talmente sommersi da cose, da prodotti acquistati, che non ci facciamo neanche più caso.
Guardiamoci intorno: cosa c’è, nelle nostre case, che non abbiamo comprato? Cosa invece, possiamo vantare di aver prodotto e modellato con le nostre mani e che per questo motivo ha un valore speciale?
Il valore. La misura del valore si è persa con l’avvento dell’industrializzazione, col mito dell’omologazione, con la soppressione della creatività, con l’alienazione dell’uomo dai suoi simili e da se stesso.
La logica del materialismo e del consumo non solo ci risparmia la fatica di produrre da noi i beni necessari e non, ma anche quella di sceglierli: sempre più spesso, attraverso la pubblicità, viene enfatizzato lo slogan per cui “i prodotti di cui hai bisogno sono già stati selezionati per te!”.
Anche se può non sembrare così, è stupendamente facile non dover scegliere e trovare già tutto pronto.
Se ci capita di arrivare al 24 dicembre senza aver ancora provveduto ai regali di Natale, non c’è da preoccuparsi: basta entrare in un negozio e frugare tra gli scaffali.
L’uomo è sostanzialmente pigro, e la forma più acuta di questa sua pigrizia è quella cerebrale, che si manifesta indipendentemente dall’età. Non meravigliamoci dunque di imbatterci in generazioni di giovani sempre più confusi e sempre meno in grado di prendere decisioni: si tratta semplicemente di vittime inconsapevoli, di un sistema sbagliato dalle sue fondamenta; un sistema in cui tutti, volenti o nolenti, ci troviamo immersi.
Marx parlava di feticismo della merce a metà dell’Ottocento, ma oggi, a distanza di un secolo e mezzo, lo stesso concetto risulta ugualmente valido e ancor più evidente. Siamo indotti a riporre fiducia negli oggetti, in ciò che è “altro da noi”, quando non riponiamo più fiducia in noi stessi.
Più ci circondiamo di cose e più ci sentiamo al sicuro, ma è solo apparenza: un oggetto materiale ed esteriore non potrà mai colmare uno scompenso interiore. Questa è la malattia della società odierna, questo è ciò a cui ci ha portato il capitalismo. Ma una speranza di guarire c’è ancora: la sola presa di coscienza è già un grosso passo.

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Febbraio 2017, sezione Scelte Ecosostenibili

Ti ricordi… il Natale? Come averne uno anche quest’anno

Il Natale Felice è quello per la Terra!

di Giulia Marone

ramo

Vi capita mai, verso la fine dell’anno, di ripensare a quello appena passato (e che in realtà si sta ancora concludendo) dicendo a voi stessi: l’ho sfruttato bene? Credo che venga naturale a tutti farlo, tirare le somme del proprio operato e poter dire “è stato un bell’anno” ma sì, in fin dei conti… tutti speriamo di dirlo, anche per l’anno che ci aspetta. “Il prossimo anno sarà meglio”.

Auguro sinceramente a tutti di pensarla così, perché la speranza e la positività sono un sentimento che non dovrebbe mai mancare alla tavola di Natale, con i propri cari, che sia tutta la famiglia o solo la mamma o il papà. Forse si pensa che con l’andare avanti degli anni non sia più necessario essere propositivi e felici, per rallegrare gli altri. È compito dei giovani!

Perchè?

I “vecchi” sono giunti a un’età per la quale non si può più far nulla? Il vostro compito è stato assolto, a 50 anni magari? Avete raggiunto lo scopo della vostra vita e quindi potete mettervi il cuore in pace? Vuol dire che siete felici e non avete più nulla per cui “combattere”?

Forse è così. Forse volete solo che il tempo si dimentichi di voi, e che altri facciano quello che non siete riusciti a fare. Ma siamo tutti insostituibili e importanti, nessuno dovrebbe mai pensare: la mia parte per salvare il mondo ai miei tempi l’ho fatta, ora deve farla qualcun’altro. Perché non serve proprio a niente, il più delle volte è una scusa, una corazza.

A Natale regalatevi un nuovo sogno. Oppure, cercatene uno vecchio chiuso nel cassetto, e usatelo! Usatelo per regalarvi un altro po’ di Vita, quella vera, quella entusiasta che “solo i giovani” dovrebbero avere.

Com’è bello ricordare di quando si era piccoli, il Natale brillava di luce e aspettativa, ma non tanto per i regali, no? Era scoprire se Babbo Natale ci avrebbe premiati. Anche lì ci chiedevamo… sono stato bravo quest’anno? E se Babbo Natale passava… sì, sì mi vuole bene! Ho fatto il bravo! Ed era una festa, una grande festa non per il cibo, io che sono golosa fatico a ricordare un cenone di Natale fino ai miei 10 anni. Quello che ricordiamo è l’atmosfera di festa che ci circondava, perché eravamo bambini, non pensavamo ai “doveri” natalizi, erano un dato di fatto. Il Natale si passa con chi ci vuole bene, anche se magari odiavamo la zia che ci stropicciava la faccia e temevamo i cugini più grandi. E i regali più belli erano quelli che ti lasciavano dentro qualcosa, quelli che ricordi per la vita, che ti facevano scoprire un lato di te creativo, sognatore, una tua dote.

pallona

Ora siamo grandi, e il regalo deve essere qualcosa di ricercato, di desiderato, di utile, ma che costi poco, perché c’è la crisi. E poi, dove si fa il pranzo? E la cena? E la messa? Ci andiamo quest’anno oppure siamo troppo lontani da “Dio” per strisciare in una chiesa e fingere di aver fatto i bravi cristiani? E i parenti? Chi va da chi e cosa facciamo? Compriamo dei dolci, ma magari avranno già mangiato, bé prendiamo questi che costano poco e mal che vada li teniamo per Capodanno. E Capodanno? È così vicino, cosa farò? Con chi? Dove? Ma perché?

Forse, se la voglia di festeggiare ci passa, è comprensibile. Troppa aspettativa.

Allora facciamo i buoni per poter dire “Babbo Natale passerà anche quest’anno”, non compriamo o non ostentiamo cibi che impressionano amici e parenti, ma che distruggono un po’ alla volta qualche foresta dall’altro capo del mondo. Non dimentichiamoci i famigliari in difficoltà perché non siamo dell’umore di ascoltare. Non parliamo solo di noi stessi e dei nostri problemi, ma troviamo delle soluzioni insieme e attuiamole, potrebbero essere un nuovo sogno. Non regaliamo l’ennesimo taldeitalipiagiamacalzinicellularesoprammobile, creiamo qualcosa di diversamente piccolo e semplice, che parli al cuore e non al portafogli. Non rinunciamo a parlare con “Dio”, qualunque esso sia, perché ci vergogniamo di noi stessi. Non dimentichiamo gli altri meno fortunati, che ci saranno sempre, sempre, ma forse un pensiero buono per loro può fare una differenza soprattutto per noi. E non pensiamo e organizziamo niente che non sia desiderato dalla nostra anima, che non faccia del bene a noi e ai nostri cari. Accettiamo con semplicità la nostra vita e rendiamola più colorata, rendiamola una festa con la nostra allegria: ovunque saremo e qualsiasi cosa faremo, l’allegria sarà il sapore della giornata. E forse ce la faremo a cambiare qualcosa, e lo sentiremo dentro il solletico della speranza. Forse è questo che la crisi ci ha fatto dimenticare.

Quest’anno, quest’anno di crisi, quest’anno di sogni chiusi nei cassetti e di torpore energetico, quest’anno massmediatico, quest’anno di delusioni e rivincite. Quest’anno. Non pensiamo al Natale. Pensiamo alla Terra.

Pensiamo a quanto ci dona, nonostante il nostro continuo perseverare nei comportamenti sbagliati. Nonostante il continuo sopruso, in buona o mala fede che sia, il menefreghismo, l’egoismo fine a sé stesso, l’ipocrisia, che tutti noi adulti ormai conosciamo.

Pensiamo ai mari, sconfinati oceani, che ci circondano da sempre, dall’inizio del genere umano e animale e vegetale, che rischiano di non dare più la vita a nulla. Alle foreste, verdi e lussureggianti amazzoniche e montane, ai pini e ai salici che abbracciano il cielo con le loro fronde e donano ossigeno alle civiltà inquinate, sfruttate dal mercato per ottenere minerali, carne, profitto da ogni moda. Ai deserti infiniti, dorati, caldi e gelati, dove vivono e muoiono popolazioni in cerca di un rifugio, come lo siamo noi. Ai grandi ghiacci che sovrastano la linea dell’orizzonte montano, che riempie il cuore ad ogni uomo al guardarlo al tramonto; alle sorgenti trasparenti che nascono da loro, che creano i fiumi e i laghi. Dove andiamo a riprendere fiato, dalla città. Dove facciamo passeggiate romantiche e rilassiamo la mente. Quanto tempo abbiamo ancora per godere di questa vista? Quanti selfie potremmo farci ancora in mezzo a questi meravigliosi paesaggi?

Questo è il Natale. L’amore. La nascita. L’origine. La nostra origine è il mondo e il mondo è il nostro destino, che lo scegliamo o meno. È un dato di fatto. Sei un essere umano, hai la responsabilità del libero arbitrio. Questo Natale e quest’anno nuovo, non lasciare che tutto scivoli nel flusso trascinante del quotidiano, ma segui il tuo flusso. Scegli di riprendere in mano la tua vita, il tuo sogno abbandonato, il tuo potere di consumatore, di cittadino, il tuo pianeta. Scegli di Vivere Sostenibile. Sceglilo con noi.

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Dicembre+Gennaio 2016, editoriale