Balla coi Cinghiali: un festival sostenibile!

di Rossana Vanetta

Il Balla coi cinghiali è una bolla fuori dal tempo e dallo spazio. Per tre giorni ti puoi ritrovare immerso nel mondo dell’impossibile, o forse in un mondo che noi sostenitori di un “vivere sostenibile” auspichiamo.
Una tradizione che si ripete da oltre dieci anni e che ha portato nel 2017 addirittura 80.000 visitatori all’interno del forte di Vinadio, in provincia di Cuneo, suggestiva location del festival che quest’anno si è svolto dal 23 al 25 agosto.
Si tratta principalmente di un festival musicale: sono stati oltre cinquanta gli artisti che si sono esibiti, spaziando dall’indie italiano a contaminazioni sudamericane, dai live di reggae ai dj set di musica elettronica. Per ogni gusto e per ogni ballo, la notte al Balla coi cinghiali ha vibrato al ritmo di migliaia di corpi che sprigionavano energia e divertimento. Un altro aspetto imprescindibile del festival sono state le attività culturali, come le proiezioni di film indipendenti o gli incontri con scrittori. E ancora: laboratori sportivi, di danze popolari e discipline olistiche hanno intrattenuto gli ospiti dell’evento in un susseguirsi di attività durante tutte e tre le giornate.

balla2

La sostenibilità al festival è passata anche attraverso incontri sui più delicati temi sociali attuali, come l’accoglienza dei migranti, raccontata dagli stessi protagonisti. Il festival era dedicato a tutte le fasce d’età: numerose infatti sono state le iniziative rivolte alle famiglie e ai bambini, come ad esempio letture, incontri di teatro, laboratori manuali e altri ancora.
Il soggiorno era rigorosamente il campeggio che ha portato migliaia di giovani e non fuori dall’abituale zona di confort, spingendoli a un contatto diretto con la natura. Le montagne circostanti che dominavano lo sguardo invitavano a rilassanti incursioni nel bosco.
Non so se sia stata l’aria incontaminata, la musica che nutre lo spirito o il desiderio di evasione dal quotidiano, ma il risultato è stato che in questi tre giorni, nonostante le migliaia di persone presenti, non si è assistito a nessuna rissa; al contrario, si è respirato un clima di grande apertura sociale, rispetto e collaborazione, a partire dagli instancabili volontari che per oltre tre giorni hanno costituito una grande e solidale famiglia.

balla

Veniamo ora alla domanda cruciale: può un festival di tale portata essere sostenibile per l’ambiente? La risposta è decisamente sì. Gli organizzatori hanno attuato in particolare tre iniziative in tale direzione. Per prima cosa è stato promosso il car sharing come mezzo per recarsi al festival, attraverso la premiazione delle macchine abbellite a tema in maniera più originale che avessero raggiunto il festival con la clausola che a bordo ci fossero almeno quattro passeggeri. In secondo luogo, importantissima è stata la decisione di non utilizzare alcuna cannuccia e bicchiere in plastica usa e getta. Al posto di questi, con una cauzione di due euro, veniva fornito un bicchiere in plastica riutilizzabile per tutta la durata del festival, che poteva essere restituito alla fine o portato a casa come ricordo. Last but not least, fondamentale la scelta di compensare le emissioni di anidride carbonica prodotta durante il festival attraverso la piantumazione di alberi, in collaborazione con Treedom. Gli alberi vengono piantati in paesi come Senegal, Haiti e Kenya, dove danno origine ad una microeconomia di sostegno locale, oltre che a rappresentare un supporto all’ecosistema spesso danneggiato.
L’unico suggerimento che mi sento di dare, considerando l’importanza delle abitudini alimentari sull’impatto ambientale, è quello di inserire una maggiore scelta veg(etari)ana nelle cucine del festival. Scelta che era rappresentata da un solo-ottimo-food truck, disponibile però solo in limitate fasce orarie.
Se dunque non avete mai provato il Balla coi Cinghiali e volete saggiare in prima persona quanto avete letto, dovete solo aspettare il prossimo anno per tuffarvi nel mondo del festival, ricordandovi che un ottimo modo per godere l’esperienza è partecipare come volontario!

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Ottobre+Novembre 2018, sezione Turismo Sostenibile

Annunci

Le idee di un amministratore virtuoso Intervista a Marco Boschini

a cura di Giovanni Santandrea, Transition Italia

Un po’ di notizie per presentare Marco Boschini

io2A neppure 43 anni ha già alle spalle un intenso e brillante percorso politico. A soli 25 viene eletto consigliere comunale a Colorno, che è’ un paese di poco meno di 10mila abitanti, ad una ventina di chilometri a nord di Parma, quasi al confine con la Lombardia. Dopo 5 anni diventa assessore all’Ambiente, Patrimonio ed Urbanistica, carica che ricoprirà per 10 anni, fino al 2014. E’ tra i fondatori, e attuale coordinatore, dell’Associazione dei Comuni Virtuosi che è una rete di Enti locali, che opera a favore di una armoniosa e sostenibile gestione dei propri Territori, diffondendo verso i cittadini nuove consapevolezze, stili di vita all’insegna della sostenibilità, della partecipazione attiva da parte dei cittadini stessi. Marco inoltre ha al suo attivo la pubblicazione di una decina di libri e saggi nei quali presenta e racconta i perché, e i come, di un cambiamento possibile e necessario.

Ciao Marco, per iniziare al meglio questa intervista credo che, per chi non ti conosce, è bene partire dalle origini. Quali sono state le motivazioni iniziali che a 25 anni ti hanno spinto ad intraprendere l’attività politica? Quali sono stati i passaggi che ti hanno portato a trasformare la tua professione di educatore in quella di politico in prima linea nei processi di cambiamento sociale? In un periodo in cui è sempre in aumento la sfiducia verso la classe politica, tu hai lanciato un preciso messaggio sulla possibilità concreta di una buona politica. Puoi parlarcene?
Sono partito dalla curiosità e dalla passione per il mio essere parte di una comunità. Volevamo sperimentare un’idea alternativa di gestione della cosa pubblica, e ci siamo messi in gioco divertendoci un sacco. Dopo tanti anni da educatore ed attivista politico, ho pensato di fare un passo ulteriore nella costruzione di strumenti di cambiamento concreti, di qui è nata l’idea dell’Associazione Comuni Virtuosi e la voglia di unire le eccellenze in campo ambientale nella pubblica amministrazione. La buona politica esiste, deve solo imparare a raccontare ciò che è e fa. E ciò che potrebbe rappresentare per un Paese che si dice senza speranza.

Nel maggio 2005 tu hai partecipato in modo determinante alla nascita dell’Associazione dei Comuni Virtuosi. A distanza di 12 anni, volgendo lo sguardo al passato, quali ritieni siano stati i punti di forza dell’associazione? ci sono aspetti che avresti voluto sviluppare meglio o di più? Quando incontri gli amministratori di altri Comuni, quali motivazioni usi per invitarli ad entrare nell’associazione dei Comuni Virtuosi?
I punti di forza dell’associazione sono anche gli stimoli che cerco di trasmettere agli amministratori che incontro sul mio cammino: la condivisione delle buone idee e la contaminazione umana tra amministratori anche molto diversi tra loro (per età, per formazione, per collocazione geografica). In questi anni abbiamo lavorato molto sui contenuti e sul lavoro nei territori. Quello che è mancato è un sano lavoro di pressione nei confronti delle istituzioni nazionali (Parlamento in primis), affinché rendessero regola l’eccezione (norme, incentivi, ecc.) per i comuni realmente virtuosi, introducendo premialità e certezze.

SLIDE-HOME-FDL-2017Si è da poco conclusa, a Colorno, la terza edizione del “Festival della Lentezza”, per la quale tu hai svolto il ruolo di direttore artistico. Come è andata? Per cosa sei rimasto meravigliato durante le 3 giornate del festival? Quest’anno il tema guida dell’evento era “in cammino”. E’ un tema particolarmente evocativo sia di percorsi interiori che di esperienze concrete, come mai l’avete scelto? Ti senti più un ricercatore interiore o uno sperimentatore sociale?
Il dentro di noi stessi determina le scelte del fuori. Abbiamo scelto il cammino proprio per questo intimo legame tra le nostre individualità e l’essere parte di una comunità vasta. La cosa più bella del festival, che intendiamo difendere e custodire gelosamente al crescere di un format culturale molto apprezzato, è il clima di serenità che si respira a Colorno durante il festival. Tutti, ci dicono, si sentono a casa, e questo è il risultato più bello che abbiamo raggiunto in tre anni di manifestazione.

Nel 2014, insieme ad Ezio Orzes, hai pubblicato il libro “I rifiuti? Non esistono! Due o tre cose da sapere sulla loro gestione”, EMI edizioni. Affermi che in Italia si sono sviluppati servizi della raccolta differenziata tra i migliori in Europa e che, sfatando un certo senso comune, tali esperienze sono state gestite da società e consorzi pubblici. In questo momento che indicazioni daresti ad un’amministrazione comunale che vuole raggiungere risultati significativi nella raccolta differenziata? Quali azioni ritieni siano più necessarie per accelerare i processi di riduzione della produzione di rifiuti? Le amministrazioni come possono favorire un processo di consapevolezza che abbassi l’iniziale ostilità che nasce dall’oggettivo disagio di un porta a porta che richiede un maggiore impegno e una certa organizzazione in ambito domestico? Cosa possono fare i cittadini? Negli ultimi mesi il Comune di Forlì ha creato una società in housing, la NEW.CO.RIFIUTI per la raccolta e gestione dei rifiuti. Le attuali norme nazionali e regionali favoriscono od ostacolano tali progetti? Ci sono ancora margini di realizzazione di esperienze di gestione pubblica dei rifiuti e dei processi di riutilizzo delle materie prime?download
I comuni possono fare tantissimo sul tema dei rifiuti, a patto che intendano tagliare senza paure il cordone ombelicale che lega molte classi dirigenti locali ai consigli di amministrazioni di certe multiutility che gestiscono acqua e rifiuti in giro per l’Italia pensando prima al profitto e solo dopo agli interessi collettivi. Abbiamo eccellenze (grandi e piccole) che dimostrano che un altro modello è possibile, e che non dobbiamo assolutamente rassegnarci alla dittatura delle discariche e degli inceneritori. Basta crederci come hanno fatto con successo decine e decine di comuni in tutte le parti d’Italia.

Un altro dei temi forti su cui hai investito il tuo impegno è quello della partecipazione dei cittadini alle scelte dell’amministrazione locale. A Colorno, appena nominato assessore hai avviato molti processi partecipativi. Come hai avuto modo di dire: “c’era la consapevolezza che vincere la sfida della responsabilità della gestione della cosa pubblica non potesse che passare da una connessione stabile e reciproca, da una contaminazione costante tra i cittadini e gli amministratori”. Nella tua esperienza, quanto è stato difficile avviare i processi partecipativi? Quali sono le condizioni che l’amministratore deve verificare e mettere in campo affinché la partecipazione sia realmente partecipazione e non solo una forma di “informazione più coinvolgente”? Alcuni sociologi sostengono che le emozioni e la rabbia sono le chiavi scatenanti la partecipazione. Per la tua esperienza è possibile sviluppare una cultura della partecipazione sostenuta invece da energie costruttive e positive?
Nella mia piccola esperienza di amministratore locale ho potuto constatare quanto la partecipazione sia una moneta difficilissima da spendere al di là della retorica e degli slogan. Bisogna combattere contro muri di indifferenza e paura, disillusione e anti-politica. La gente, semplicemente, non crede più alle istituzioni (nemmeno a quelle più prossime a loro, basta vedere gli ultimi dati sull’astensione dal voto amministrativo). Occorre liberarsi dalle catene degli schemi preconfezionati e mettersi in gioco davvero, costi quel che costi. Io non penso infatti che sia possibile oggi essere buoni amministratori senza attivare politiche concrete di inclusione e partecipazione. Allo stesso tempo, ritengo fondamentale giocare le carte del bello e del positivo. Ci sono già abbastanza persone impegnate a distruggere. La rivoluzione può avvenire solo con il sorriso, attraverso l’empatia.

Il giornale Vivere Sostenibile è nato da un progetto sviluppato da persone coinvolte con il movimento di Transizione. La Transizione vede prioritario il coinvolgimento dal basso dei cittadini. Hai mai avuto contatti con progetti ed esperienze di gruppi locali di Transizione? Che impressione ne hai tratto? Vedi possibili delle sinergie tra Transizione e Comuni Virtuosi? Come potrebbero essere sviluppati?
Conosco questa esperienza e vedo molti punti di connessione con i comuni virtuosi. Cittadinanza attiva e istituzioni lungimiranti hanno bisogno l’uno dell’altra.

Dai tempi in cui hai cominciato ad impegnarti nella vita pubblica lo scenario mondiale è cambiato molto. Le grandi emergenze planetarie sono sempre le stesse, anche se diminuisce velocemente il tempo a nostra disposizione per una svolta. Ma l’umanità ha fatto degli inattesi passi in avanti nella consapevolezza, pensiamo ad esempio all’enciclica “Laudato sì” di papa Francesco, e a ciò che è accaduto a Parigi con COP21. Secondo te ora, al momento presente, in quali direzioni è necessario investire maggiormente le energie e l’attenzione?
Proprio in quello che ci dice Papa Francesco. Non esiste un modello sostenibile senza inclusione ed accoglienza. Bisogna ripartire dagli ultimi, senza lasciare indietro nessuno e nessun luogo. Ci si salva insieme questa volta, non ci sono alternative possibili.

In genere mi piace chiudere le interviste con la stessa domanda per tutti gli intervistati: alcuni anni fa fece molto scalpore una affermazione di Holmgren, uno dei leader mondiali del movimento di permacultura. Disse pubblicamente che riteneva impossibile una trasformazione pacifica della società. E che in queste condizioni, era quasi meglio augurarsi che il processo di collasso globale accelerasse. Sei fiducioso nel tuo futuro, e di quello delle prossime generazioni? E se sì, puoi dirci le ragioni profonde che sostengono tale visione?
A questo genere di domande rispondo da sempre con una battuta, ed una convinzione profonda: noi dei comuni virtuosi siamo fiduciosi per statuto. Ma lo siamo, nel giorno per giorno, perché godiamo di una prospettiva sconosciuta a tanti. La finestra da cui ci affacciamo ogni giorno ci restituisce l’immagine nitida di tante comunità in cammino, e in transizione, per un cambiamento non più solo annunciato, ma in corso. Ci vuole pazienza, ed una smisurata fiducia consapevole per il futuro di tutti noi.

Grazie Marco del tempo che hai voluto dedicare ai lettori di Vivere Sostenibile!

Articolo di Vivere Sostenibile edizione Settembre 2017, sezione Italia Sostenibile

BioBene Festival: fiera del benessere a Novara

logo-biobenefestival

BioBene Festival è la Fiera dedicata al Benessere Corpo, Mente e Anima che si terrà a Novara dal 28 al 29 Ottobre 2017 nel prestigioso “Spazio Borsa”.
Il mondo del Benessere e dei prodotti naturali è sempre più in espansione e molte persone ormai hanno adottato uno stile di vita nel pieno rispetto della natura e dell’ambiente. Così è nata l’idea di organizzare a Novara BioBene Festival dove le tematiche trattate saranno rivolte all’utilizzo di tecnologie e metodi per il Benessere, la Sostenibilità e l’Ecologia.
BioBene Festival ha come missione quella di diffondere sul territorio Novarese e dintorni la cultura del Benessere in tutti gli aspetti della vita, con il supporto e la valorizzazione di imprese, artigiani o associazioni locali, che dedicano sempre più attenzione a fornire prodotti e servizi nel rispetto dell’ambiente e per il benessere della persona.
BioBene Festival vuole essere un punto di incontro per approfondire tematiche e cercare nuove idee, un luogo dove entrare in contatto con il mondo del Benessere Corpo – Mente e Anima, dove scoprire che uno stile di vita semplice e naturale, nel rispetto dell’ambiente, può portarci a vivere una vita più sana e più gioiosa.
La fiera è organizzata con un’ampia area espositiva, sale convegni, uno spazio Agorà dove le persone potranno provare nuove tecniche o assistere a presentazioni. Ci saranno inoltre spazi dedicati ai trattamenti olistici e un’area per i bambini dove verranno organizzate attività ludico ricreative, ma con una parte di sensibilizzazione alla natura e all’ecologia.
E per coinvolgere maggiormente i visitatori sarà allestita un’area Street Food all’esterno con cibi naturali e biologici e uno spazio Show Cooking per imparare a cucinare in modo naturale. Molte aziende e nomi importanti hanno già scelto di partecipare con area espositiva e con iniziative originali. Alcuni grandi nomi: Coop parteciperà con un progetto Academy che coinvolgerà i giovani proprio sul tema dell’ecologia; Altro Mercato organizzerà una sfilata di moda di abbigliamento etico; e ancora Naturasì e molti altri.
BioBene Festival si avvale della collaborazione di Vivere Sostenibile Alto Piemonte come Partner Media che ci supporterà in tutte le attività di diffusione sul territorio.
Inoltre altre collaborazioni sono state attivate: Anima Edizioni e AnimaTV che sono un punto di riferimento nel mondo dell’editoria rivolta al benessere, Panacea che è la rivista ufficiale della Società Italiana di Scienze Bio-naturali (SISBio) con un comitato scientifico composto da medici, psicoterapeuti, ricercatori ed esperti del mondo delle discipline bio-naturali.
La dott.ssa Erica Francesca Poli, nome altisonante nel mondo della medicina quantistica, farà un intervento su Anatomia della Guarigione Quantica e una sessione di ipnosi.
La fiera sarà ad ingresso gratuito per i visitatori. Questa scelta è stata fatta proprio per invitare più persone ad avvicinarsi al mondo del Benessere e per trasformare queste due giornate in un luogo dove venire con la famiglia, perché ci saranno attività per tutti i gusti.
BioBene Festival presenterà al pubblico tutte le novità del mondo del Benessere, darà la possibilità di viverlo direttamente in prima persona, di degustare i cibi naturali più sfiziosi, di provare nuove tecniche di massaggio e di riequilibrio emozionale e soprattutto di entrare in contatto con tutte le aziende che nella zona di Novara offrono prodotti e servizi per vivere una vita sana e in armonia con il proprio corpo e l’ambiente.
Lo Spazio Borsa per due giorni interi, dalle 10.00 alle 23.30 del Sabato e dalle 10.00 alle 19.30 della Domenica, diventerà il più importante luogo di attività dedicate al Benessere.
Per partecipare come espositore sono molte le possibilità e alcune si possono creare ad hoc.
Per chi è interessato a partecipare con uno spazio espositivo o organizzare un convegno contattare la segreteria inviando una email a:
segreteria@biobenefestival.it oppure 0321 403826.

http://www.biobenefestival.it/

Speciale Festival Estivi

Luglio e Agosto sono mesi caldi, il periodo migliore per festeggiare la natura a ritmo di musica! Questo è lo spirito che ci ha spinto ad organizzare lo Speciale sui Festival Estivi, dove i partecipanti ci raccontano come è nato il loro evento e perchè… Sfogliateli tutti qui sotto e partecipate a tutti! Buona Estate!

Albori music festival – il meglio della scena indipendente italiana

FSF

LEGGI L’ARTICOLO…


Celtica Valle d’Aosta – la festa di musica, arte e cultura celtica più alta d’Europa

CELTICA_cerimonia-fuoco-(PH-Marco-Martellacci)_low

LEGGI L’ARTICOLO…


Vegan Life Festival – consapevolezza e rispetto

veganlifefestival

LEGGI L’ARTICOLO…


Musica in Quota – la magia delle note sale in vetta

Musica in quota nel Parco dell'Alpe Devero

LEGGI L’ARTICOLO…


Festival Alta Felicità – un festival per la bassa velocità

a sarà fest

LEGGI L’ARTICOLO…


Balla Coi Cinghiali – divertimento con meno emissioni

Area_tende

LEGGI L’ARTICOLO…

Quando nel viaggio conta di più il percorso della meta

di Enrico Marone

maggioeditoriale

“Si viaggiare…” conosciutissima canzone di Lucio Battisti. “…con un ritmo fluente di vita nel cuore…” continua il ritornello, nel quale elemento fondamentale è il cuore, dove la vita deve fluire con un ritmo gentile “…senza strappi al motore”. Bellissima descrizione di un modo di viaggiare che preveda l’emozione, il ritmo ma il tutto in modo gentile, delicato. Insieme di qualità del viaggio che possono esistere solo attraverso la consapevolezza del percorso che si sta compiendo. Fantastica e sicuramente intensa come esperienza e ne parliamo proprio in questo numero di maggio, cercando di suggerire mete piacevoli, interessanti e ricche di emozione.
Sono tanti i modi di percorrere e visitare luoghi vicini e distanti sul nostro bellissimo pianeta, utilizzando diversi mezzi di trasporto oppure solo i nostri piedi. Ma, alcuni, danno emozioni uniche che solo in quel luogo ed in quella situazione e con certe persone si possono trovare, mentre altri, si limitano a costruire sensazioni uguali e banali, indipendenti dal luogo in cui ci troviamo. Allo stesso modo alcuni tipi di viaggio e soggiorno hanno un elevato impatto sull’ambiente del luogo e sono quindi dannosi, mentre altri hanno impatto minimo, sono rispettosi dell’ecosistema e dei popoli locali e spesso anche utili per la loro economia (potete approfondire l’argomento attraverso i link che troverete in fondo all’articolo). Questi ultimi sono quelli che ci piacciono e che cerchiamo di promuovere insieme agli amici di Equotube.
E di viaggi se ne possono fare tanti, vicini, come suggeriscono i nostri percorsi nell’Alto Piemonte, oppure lontani in paesi esotici e sconosciuti. Talvolta sono fondamentali gli incontri con persone di luoghi misteriosi ed affascinanti, profondi conoscitori di tradizioni, flora e fauna, storia, mentre in altri casi la contemplazione solitaria di panorami di sogno, riempie l’anima di gioia e serenità. Alcuni viaggi richiedono percorsi lunghi e faticosi, altri semplici passeggiate o incontri particolari come quelli che potrete fare a Domodossola il 20 e 21 maggio, partecipando a “I sentieri del vivere bene”. Un viaggio nel mondo delle discipline olistiche, da provare di persona, dei prodotti naturali ed artigianali o guardando un bellissimo film sul nostro amato pianeta (“Pachamama” di Thomas Torelli che sarà presente alla proiezione). Maggio è un mese che ci riserva anche un’altra sorpresa, è il mese che storicamente si lega alla ripresa della vita e alla fertilità, eventi che festeggeremo al Parco Arcobaleno a Masserano durante i tre giorni della “Festa di Beltane” (12, 13, 14 maggio). Storia, tradizione, artigianato, giochi, musica, antiche arti e convivialità saranno protagonisti di questa festa  popolare e magica. Ci saremo anche noi ad entrambe le manifestazioni, vi aspettiamo per conoscerci e scambiarci un saluto ed un augurio. Ricordate sempre che ogni nostro passo sulla Terra lascia un segno, l’importante è che questo segno sia positivo.

Per approfondire:

http://www.sinanet.isprambiente.it/gelso/tematiche/buone-pratiche-per-il-turismo/turismo-economia-e-ambiente

http://www.minambiente.it/sites/default/files/archivio/allegati/biodiversita/TAVOLO_6_TURISMO_completo.pdf

http://cor.europa.eu/en/activities/arlem/activities/meetings/Documents/sudev-report2012-tourism-it.pdf

https://www.architetturaecosostenibile.it/green-life/turismo/impatto-turismo-751/

http://www.lifegate.it/persone/stile-di-vita/nature_wwf_il_portale_dedicato_al_turismo_responsabile

https://www.youtube.com/watch?v=kmgwT3JK9n4

http://www.wwf.it/il_pianeta/sostenibilita/il_wwf_per_una_cultura_della_sostenibilita/perche_e_importante2/gli_indicatori_di_sostenibilita_/

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Maggio 2017, editoriale