Ruis il Sambuco e l’anziana Signora

di Ossian D’Ambrosio, Antica Quercia

Il sambuco simboleggia la fine nell’inizio e l’inizio nella fine. Ci mostra come onorare il ciclo della morte e della rinascita e insegna che in ogni fine c’è sempre un nuovo inizio. È l’albero della rigenerazione poiché ricresce velocemente, qualunque parte venga tagliata; è quindi indicato per ogni lavoro che interessi la sfera della rigenerazione.
Il Sambuco ci aiuta a rimuovere i blocchi emotivi, allontana la paura e ci porta chiarezza di pensiero. La sua energia è connessa all’aspetto Anziano della Grande Dea, signora dei poteri divinatori e dei momenti di passaggio. Ciò risulta evidente anche dalla corrispondenza nel calendario del sambuco con Samonios: il momento in cui l’anno vecchio finisce e inizia quello nuovo, in cui il passato e il futuro sono uniti in un unico presente.

sambuco-fiori

Nel calendario arboreo il suo periodo va dal 24 Novembre al 23 Dicembre ed anticamente questo mese veniva chiamato Duman, il tempo delle tenebre profonde.
In ogni tradizione europea il Sambuco è considerato la dimora del buon spirito della casa, l’invisibile guardiano protettivo e molti popoli continuano nelle proprie tradizioni a lasciare offerte in latte e pani alla sua ombra.
Il Sambuco proteggeva gli abitanti della casa da ogni sfortuna e malattia, non veniva mai abbattuto e bruciato e se bisognava per forza tagliarlo, si procedeva prima con l’atto della preghiera ed offerta; ad esempio “Signora Sambuco, dammi un po del tuo legno: io te ne darò un po del mio, quando crescerà nella foresta”, diversamente la sventura sarebbe caduta sulla persona.

Nove ramoscelli di sambuco legati da un nastro rosso a forma di ventaglio è un buon amuleto per coloro che praticano la magia con potenti esseri elementali, mentre un flauto costruito con il legno di Sambuco attira gli spiriti ed il popolo fatato. Vi sono numerose magie ed incantesimi collegati a questa pianta, un po’ come il periodo che va a rappresentare, proprio per la vicinanza del solstizio d’inverno che ammanta tutti i popoli di forte atmosfera magica per la rinascita della luce.
Se si seppellisce un dente da latte di un bambino sotto le radici del Sambuco, lo si preserverà da malefici e malattie, mentre se vi lavate gli occhi con la rugiada raccolta dai fiori di Sambuco durante il plenilunio, potrete vedere il popolo fatato. Preparare un vino con le ultime bacche di questa pianta, magari raccolte al Samonios, durante il Solstizio d’inverno darebbe alla bevanda forti poteri profetici e di chiaroveggenza e sempre durante il periodo solstiziale, utilizzate le foglie di sambuco per benedire e proteggere una persona gettandone una manciata su di esso e poi spargendole al vento.

Copertina Ogham copia

Annunci

Erbe selvatiche ed “erbacce”: cosa sono in realtà?

di Marilena Ramus

Lì dove vive l’uomo, la Natura è Dispensa e Farmacia: ha messo piante che lui può usare come cibo e/o come cura. Da sempre le Donne hanno imparato a riconoscere le erbe, ad utilizzarle e a conservarle e hanno saputo trasmettere le loro conoscenze per millenni, così, accumulate da una generazione all’altra sono entrate nella Tradizione.
Le nostre nonne, andando in campagna, portavano a casa durante l’anno più di 250 erbe che sapevano trasformare in vari modi per tutta la famiglia. Poi, da alcuni decenni, queste erbe le abbiamo dimenticate.


Camminando in mezzo al verde, tanti sono indifferenti, vanno senza vederle, altri non le riconoscono più, altri, vedendole, fanno fatica a ritrovare il loro nome, o si lamentano “che brutte erbacce!” senza nemmeno immaginare che possono avere virtù straordinarie. Crescono dappertutto, spesso dove non le vorremmo, invadono esuberanti lì dove non pensavamo che potessero crescere. Sono lì, rinascono ogni anno e non spariranno perché è in quel luogo che hanno trovato le condizioni ottimali per vivere: quella terra le ospiterebbe in ogni caso. Queste piante selvatiche, queste “erbacce” sono sicura che siamo in tanti a conoscerle, ma in quanti siamo a raccoglierle ed ad usarle per la cucina, il benessere e la salute?
Mi piacerebbe far sì che questa pratica diventasse accessibile a tanti. Ognuno di noi può imparare a riconoscere le erbe selvatiche, e anche molte delle cosiddette “erbacce”, a nominarle, a raccoglierle ed ad usarle dalla primavera all’autunno; sono buone nell’insalata mista profumata con fiori e foglie, nelle frittate e minestre e nei dolci… e sono sempre pronte ad alleviare disturbi di salute, a curare una ferita o una brutta tosse. Raccoglietele lungo viottoli, prati e boschi. Finché non avrete esperienza sufficiente, vi invito a verificarne le caratteristiche. Per riconoscerle ed evitare di raccogliere piante protette o velenose chiedete consiglio a chi sa, usate libri o internet.

Ecco alcune erbe, tra le più comuni, che crescono dappertutto: ortica, tarassaco, rovi, celidonia, silene, primule, papaveri, bardana, borragine, acetosella, iperico, consolida, malva, gramigna, trifoglio, aglio orsino, menta, camomilla, equiseto, eufrasia, alchemilla, artemisia, finocchietto, portulaca, rafano, timo origano, erba viperina, epilobio, centocchio, barba di becco, parietaria, lamio, farinaccio, borsa del pastore, barba di capra, saponaria, luppolo… E tante altre!
Avvicinandovi alla Natura e alle sue erbe, che dona con generosità, scoprirete un mondo straordinario, sempre rinnovato col cambio delle stagioni.

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Giugno 2017, sezione Orti e Giardini

La Piantaggine, un’erba meravigliosa

di Marilena Ramus

La piantaggine: plantago major, media, minore, lanceolata, alpina, erba di san Giuseppe. É un’erba perenne, conosciuta ed utilizzata da millenni per le sue straordinarie proprietà. La si trova in tutta Europa lungo sentieri, viottoli, nei ruderi e terreni incolti e anche lungo le strade. Le foglie sono utilizzate preferibilmente fresche, per uso interno o esterno.

piantaggine lanceolata

In cucina: in primavera, si mangia l’insalata di foglie e fiori di tarassaco e anche con foglie tenere di piantaggine. Molto utile anche l’infuso di piantaggine: un etto di foglie per un litro di acqua, si fa bollire 2-3 minuti e poi si lascia riposare coperto per 10 minuti. Berne 3-4 tazze al giorno fuori pasto.
Uso interno: la piantaggine è astringente, espettorante, antinfiammatoria, antibatterica, decongestionante: si usa sia in infuso sia in decotto. É utile per purificare il sangue, aiuta lo stomaco e l’intestino. Agisce sul sistema respiratorio: polmoni, bronchi e gola. I gargarismi fatti con l’infuso di foglie curano il raffreddore, la tosse e liberano dal catarro.
Uso esterno: per alleviare il dolore provocato dalle punture di insetti come vespe, calabroni, zanzare o formiche, appena punto, prendere subito due o tre foglie di piantaggine, pulirle accuratamente con le mani, poi stropicciarle per far uscire i liquidi carichi di principi attivi e sfregare la pelle. In pochi minuti il gonfiore e il dolore scompaiono. Per curare l’acne e per gli occhi arrossati o infiammati: far bollire le foglie di piantaggine per cinque minuti in un po’ d’acqua e usarle in compresse. Lo stesso metodo vale per gli occhi arrossati o infiammati, è ancora più efficace aggiungendo alcuni fiori di fiordaliso.
La piantaggine è cicatrizzante: con le foglie fresche si cura qualsiasi tipo di ferita, cicatrice, piaga (anche vecchia), ascesso, infatti la foglia assorbe il pus e la cicatrizzazione è veloce. Raccogliere foglie fresche e non rovinate, metterle una per volta sul palmo della mano e pulirle passando più volte con le dita dell’altra mano. Appoggiare la pagina superiore della foglia sulla piaga, mantenendola aderente con un cerotto o una fascia. Sostituire la foglia due o tre volte al giorno, togliendola quando sia diventata scura o quando si veda il pus e sostituirla. Si possono conservare le foglie in frigorifero dalla sera al mattino in un panno di cotone, mai in un contenitore di plastica.
D’estate, se dovete camminare tanto e/o con scarpe nuove, mettere foglie di piantaggine nelle scarpe, così non si formano né vesciche né piaghe. Tornati a casa, se i piedi sono doloranti fare un pediluvio aggiungendo all’acqua un infuso di foglie di piantaggine.

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Maggio 2017, sezione Orti e Giardini

Presto arriva la Primavera! Il 21 marzo è il giorno dell’Equinozio primaverile

di Marilena Ramus

sunrise-938998_1920

Già nei tempi più remoti l’Uomo osservava il ciclo regolare degli astri e stabiliva su di essi la misura del tempo, il calendario. In Europa, uno dei primi osservatori pare che sia il sito neolitico di Stonehenge, in Inghilterra; basta vedere il preciso allineamento delle pietre con i quattro giorni particolari del ciclo solare, cioè l’Equinozio di primavera il 21 marzo, il Solstizio d’estate il 21 giugno, l’Equinozio d’autunno il 23 settembre e il Solstizio d’inverno il 22 dicembre. Ad ognuno di questi giorni – momenti magici segnati da festeggiamenti – i Celti hanno associato un albero: il faggio per il Solstizio invernale considerato come il primo giorno dell’anno, la quercia per l’Equinozio primaverile, la betulla per il Solstizio estivo e l’ulivo per l’Equinozio autunnale. Così i nostri lontani antenati hanno diviso il ciclo solare in quattro stagioni e concepito un oroscopo con gli alberi, associandoli a periodi particolari dell’anno in modo da conoscere le caratteristiche dei bambini che nascevano. Per i lavori agricoli, hanno inventato il calendario organizzato secondo i cicli della Luna e la data mobile della Pasqua ce lo ricorda ancora oggi.

Immersi nella natura che procurava loro cibo, medicine e materie prime, vivevano in armonia con essa. Noi invece alziamo ancora lo sguardo verso il cielo? Ci sentiamo felici guardando lo spuntar del sole, un bel tramonto, il cielo di una notte serena con la Luna piena? Sentiamo la gioia dentro di noi scorgendo Venere? O li abbiamo dimenticati?
Forse camminiamo nelle nostre città con lo sguardo rivolto a terra o – peggio ancora – concentrati sul telefonino con le orecchie tappate. Siamo sconnessi! Non guardiamo, non sappiamo, non riflettiamo, abbiamo consegnato ad altri la nostra vita, la nostra intelligenza. I mass media ci dicono cosa fare, cosa pensare, ci sovraccaricano di informazioni, ci paralizzano con la paura e così non ci accorgiamo che diventiamo loro schiavi. Vogliamo fare la scelta di vivere bene? Allora torniamo ai Fondamentali!
Uno di questi è la Natura. Ci aspetta! Con l’arrivo della primavera possiamo decidere di passare giornate immersi nel verde. La cosa importante è avere occhi nuovi:
– Guardiamo il verde dei prati: non è erba, ma centinaia, migliaia di specie di erbe selvatiche commestibili, medicinali, ornamentali che ci attirano con le loro varietà di forme, profumi, colori e la promessa di cibo buono.
– Osserviamo gli alberi e scopriamo ognuno di loro: quante personalità, quanti caratteri diversi: fusto, chioma, profumo, fiori e frutti, habitat e la complementarietà tra loro e le erbe che crescono sotto.
– Ascoltiamo i rumori della natura: la musica di rami e foglie mossi dal vento, il canto degli uccelli, uno strisciare, rumori di zoccoli, il mormorio dell’acqua che scende dalla montagna saltellando tra le rocce e caricandosi di un’energia potente che mette a disposizione di tutti gli esseri viventi.
– Sentiamo l’aria, la carezza di un soffio di vento o di un caldo raggio di sole. Gonfiamo i polmoni e facciamo entrare dentro di noi energia, tranquillità, pace, forza e poi liberiamo tensioni e tossine.
Fate l’esperienza straordinaria di stabilire una relazione armoniosa con la natura e scoprirete che è una sorgente di vita: con una semplice passeggiata, vi dona l’energia del cielo e della terra e vi permette di rigenerare corpo, mente e spirito.
Buona primavera a tutti!

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Marzo 2017, sezione Orti e Giardini

Vuoi ricevere ogni mese il numero di Vivere Sostenibile Alto Piemonte?
clicca qui e lasciaci la tua mail, oppure clicca qui e ricevi l’edizione cartacea nella tua posta di casa!