La Medicina tradizionale cinese e l’orologio degli organi

di Paola Massi, operatrice Tuinà

women-2514359_1920

Giornalmente il nostro corpo opera in base a processi interni che reagiscono al buio e alla luce, al freddo e al caldo e ad altre polarità yin-yang. Se consideriamo la pressione a cui sottoponiamo il corpo con una dieta scorretta, con la mancanza di movimento e con lo stress, è semplice capire quanto spesso interrompiamo questi cicli naturali e gli effetti che ciò comporta sulla nostra salute.

La Medicina Tradizionale Cinese (MTC) ha una visione completa e approfondita dei ritmi biologici, legati all’armonia esistente tra l’essere umano e la natura. Il ciclo circadiano rappresenta uno di questi ritmi, un vero e proprio orologio biologico del nostro organismo. Secondo la MTC i meridiani, i canali energetici che percorrono il nostro corpo, e gli organi ed i visceri ad essi collegati seguono un orologio biologico ben preciso: a ciascuno di essi corrisponde una fase di due ore di massima funzionalità, quella in cui il Qi energia vitale – fluisce maggiormente attraverso il meridiano legato a quel particolare organo. Secondo la legge del mezzogiorno e mezzanotte, al picco massimo di energia di un organo corrisponde invece il picco minimo dell’organo esattamente opposto nell’orologio circadiano. Questa informazione è importante per poter valutare eventuali squilibri che si presentano spesso (o sempre) in una stessa fascia oraria (di massima o minima energia), poiché ci fornisce indicazioni utili per capire il collegamento a un organo o un viscere particolare, o all’emozione che lo sta bloccando.

tabella

Il ciclo circadiano inizia alle 3 di mattina con il Polmone (dalle 3 alle 5), alternando organo, viscere, viscere, organo e così via di due ore in due ore. Le scorie tossiche dei polmoni vengono liberate tra le 3 e le 5 del mattino, momento in cui il Polmone distribuisce energia e sangue a tutto l’organismo. Avere una tosse persistente o svegliarsi spesso in questa fascia oraria può indicare una carenza di energia dell’organo, un problema di eccesso di muco o ancora sentimenti di dolore e tristezza. Per fare un altro esempio, il ciclo del Fegato è tra le 1 e le 3; in questa fascia oraria si dovrebbe dormire per permettere all’organo di rilasciare le tossine e produrre nuovo sangue. Svegliarsi a quest’ora può indicare che il Fegato non è in grado di eliminare le tossine e l’eccesso di energia yang da esso liberata rende insonni. Emotivamente il Fegato è legato alla frustrazione, alla rabbia e al rancore. Conoscere in dettaglio i vari orari di massima e minima attività permette di individuare gli squilibri energetici che si manifestano o si acuiscono ad un orario ben preciso (risveglio notturno, dolore, disturbo..). Comprendere che ogni organo può avere dei pieni/vuoti di energia e che il nostro corpo ha un proprio orologio biologico interno, ci offre la possibilità di migliorare la nostra salute interpretando i suoi segnali come delle linee guida. Ricordiamoci però di fare riferimento all’ora solare e non a quella legale.

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Dicembre+Gennaio 2017/2018, sezione Benessere Corpo e Mente

Annunci

Sentire il freddo per non avere freddo – PerCorso di Amicizia con il Freddo

intervista a Giovanni Guerra

snowflake-1245748_1920

Giovanni, ho saputo che stai proponendo un corso particolare, come ti è venuta l’idea?
Una sera a casa da solo, sentivo la voglia di esprimere qualcosa di me e, forse aiutato dalla sola luce della candela, ho sentito di proporre quello che in 25 anni ho appreso a proposito del rapporto con il freddo. Ovvero di non combatterlo con vestiti e riscaldamento eccessivi, ma farmelo amico in modo che non mi dia sofferenza.

Cosa vuoi dire, che ci vogliono 25 anni per imparare a non soffrirlo?
No, ci vuole molto meno, secondo me per l’80% dipende da quanto ci mettiamo a cambiare il nostro atteggiamento mentale ed il resto è adattamento fisico, ma questo arriva da sé.

Come hai cominciato?
Durante un trekking attorno all’Annapurna notavo le persone locali che camminavano a piedi scalzi pur con basse temperature ed ho cominciato a pensare che il nostro fisico e la nostra mente possono adattarsi ad ogni condizione. Tornato a casa ho deciso di portare solo sandali e vestiti leggeri in ogni stagione. Così è iniziata la mia ricerca ed un grosso aiuto me lo ha dato una frase di Gandhi che afferma che un nemico l’hai veramente sconfitto quando non è più un nemico ovvero quando te lo sei fatto amico. Ho quindi compreso che dovevo cambiare il mio approccio mentale rispetto al freddo. In questi anni ho praticato varie tecniche di meditazione e ciò mi è stato di aiuto nella ricerca.

Ma allora è così semplice?
Nella teoria sì, nella pratica un po’ meno, nel senso che mi ci è voluto qualche anno per scoprire tecniche e approcci per sentirmi rilassato anche a basse temperature. Ma chi seguirà il corso sarà fortemente avvantaggiato perché proverà subito delle tecniche funzionanti che riguardano il rilassamento, il respiro, la postura, il cambiamento di consuetudini comportamentali, il sentire la propria energia.

people-2593377_1920

Ma il corpo non rischia di indebolirsi ed ammalarsi di più?
Chiarisco che non sono un medico od uno studioso dell’azione del freddo sul nostro organismo, ma semplicemente una persona che porta la propria esperienza. Penso che il nostro corpo in decine di migliaia di anni si sia adattato a vivere alle nostre latitudini seguendo le varie stagioni. In fondo sono solo alcuni decenni che con lo sviluppo delle tecnologie e l’utilizzo dei combustibili fossili nella nostra parte di mondo viviamo in ambienti ben riscaldati. Personalmente di norma non riscaldo (lo sanno bene i miei amici che d’inverno diradano le visite) ma non sono un estremista, ben venga il riscaldamento, in realtà amo il caldo ed è per questo che ho deciso di farmi amico il freddo, per non soffrirlo. Quello che sostengo è che riscaldare eccessivamente, oltre a consumare tanta energia, costare economicamente ed inquinare, non permette al nostro corpo di seguire le stagioni. Questo ci indebolisce e ci fa ammalare maggiormente perché il nostro sistema termoregolatore passa continuamente da ambienti molto caldi a freddi e non capisce più cosa deve fare.

Parlami del corso, qual è l’obiettivo?
Appena si crea un gruppo di persone interessate si parte, luogo ed orari saranno decisi in funzione degli aderenti. Io abito in Val d’Ossola ma sono disposto a spostarmi. Il corso base è strutturato in sei incontri a cadenza settimanale e si sviluppa con una parte teorica e motivazionale e soprattutto in una parte pratica, di ascolto delle sensazioni individuali e cambiamento di consuetudini comportamentali. Con un approccio graduale si arriverà a tenere le lezioni da un ambiente riscaldato ad uno non riscaldato, se le persone non scappano vuol dire che il corso ha funzionato. Si rivolge a tutti ma in particolare ai freddolosi, l’obiettivo è quello di provare soddisfazione personale nel sentirsi a proprio agio vestendosi più leggeri e riscaldando meno gli ambienti, riducendo l’inquinamento e così risparmiando.

Leggi il programma completo qui

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Dicembre 2017+Gennaio 2018, sezione Benessere Corpo e Mente

“I Sentieri del Vivere Bene”. Il Benessere etico e solidale approda a Domodossola (VB)

a cura del Portale del Vivere Bene

Giunta ormai alla 5° edizione e forte del successo degli anni passati, la manifestazione etica e solidale del benessere, “I Sentieri del Vivere Bene”, quest’anno si svolgerà il 20 e 21 maggio a Domodossola (VB). L’evento, con il patrocinio del Comune di Domodossola e della Provincia del Verbano Cusio Ossola, ha come obiettivo principale contribuire al benessere della comunità. A partire dalla location: la Cooperativa agricola di disabili La Prateria in via alla Polveriera Regione Nosere.
Una scelta ben precisa e dettata dalla volontà dell’Organizzazione di destinare parte del ricavato dell’evento a questa realtà che con oltre 50 disabili psichici, sociali e fisici si impegna per donare loro e ai famigliari un sostegno nell’inserimento alla vita di tutti i giorni. Ad organizzare questo prezioso evento quest’anno è l’Associazione culturale no profit Il Sogno di Danish con il sostegno de Il Portale del Vivere Bene, impresa di Verbania nota per organizzare eventi olistici e Vivere Sostenibile Alto Piemonte, testata giornalistica volta a promuovere messaggi e realtà etiche e consapevoli.

IMG-20170309-WA0002L’organizzazione ha come obiettivo la raccolta di fondi che aiuti la comunità ed in particolare quelli che sono il nostro futuro, i giovani.
La nostra scuola, figlia dell’era industriale, ne ha subito l’influenza, così come oggi subisce l’influenza della società capitalista; mostra segni evidenti di cedimento ma anche, come racconta questo evento, di rigenerazione. Le scuole sono il tempio del domani, una cerniera tra le generazioni, e possono essere un motore formidabile di cambiamento, di costruzione di comunità, di connessione autentica attraverso una comunicazione dal cuore. Ciò significa anche imparare a dire prima “quello che sento” al posto del solito “quello che penso”, per creare un punto di connessione con gli altri e con sé stessi prima di utilizzare l’energia del pensiero. Per questi motivi il dono dell’organizzatore e dei suoi collaboratori verrà fatto alle scuole che vorranno coltivare un percorso di comunicazione empatica. Logicamente ancora non si conosce l’entità dei proventi della manifestazione, ma l’intenzione è di offrire ad uno spettro più ampio possibile di insegnanti delle scuole del VCO, la possibilità di avere formazione gratuita sulla Comunicazione Empatica (o Comunicazione NonViolenta, CNV). Lo scopo è quello di dar loro supporto e speranza in questo momento critico della scuola e della nostra società, e permettergli poi di donarlo a loro volta ai nostri bambini, ed ai nostri ragazzi. E a cascata il seme dell’empatia potrà arrivare anche ai loro genitori, ai loro colleghi di lavoro, amici e passo dopo passo all’intera comunità.

La comunicazione nonviolenta si basa sull’idea che gli esseri umani ricorrono alla violenza (psicologica e fisica) quando non riescono a soddisfare i propri bisogni. Rendersi consapevoli di questi atteggiamenti dà inizio ad un’introspezione emotiva che porta a far emergere sentimenti e bisogni che animano in profondità la nostra comunicazione. Questo diventa così il primo passo per sciogliere atteggiamenti e abitudini sbagliate e a costruire un sistema comunicativo efficace e efficiente con i ragazzi. Una comunicazione costruttiva, a prescindere da chi siano gli “attori” è uno dei fondamenti del “Vivere Bene” ma non è il solo. È così che questa manifestazione diventa anche l’occasione, unica e preziosa sul territorio, di poter promuovere in generale il concetto del Vivere Bene, nel vero e profondo senso del termine. Sono infatti molteplici le vie che portano al benessere, vie che a volte possono sembrare anche nebulose o difficili da intraprendere.

In queste due giornate, ad ingresso gratuito, le persone avranno l’occasione di conoscere, sperimentare, confrontarsi, comprendere molteplici discipline del benessere che saranno ben rappresentate con più di 50 stand, dal Reiki allo yoga, dalla riflessologia plantare all’osteopatia. Il tutto in un ambiente armonioso immerso nella natura tra le splendide montagne della Valle d’Ossola. Saranno inoltre giornate di ascolto nelle quali si potranno seguire numerose conferenze su temi che, seppur diversi, sono accomunati dalla passione e professionalità, dei relatori, per la ricerca e la divulgazione della conoscenza. Il programma è nutritissimo anche di workshops, ovvero di attività esperienziali dove, attraverso l’ausilio di operatori esperti, si possono sperimentare e vivere momenti di profonda emozione e serenità. È importante sottolineare che coloro che aderiranno a questo evento dagli operatori olistici ai conferenzieri parteciperanno donando il loro tempo, professionalità e competenze, a titolo gratuito, senza richiesta di alcun compenso, uniti verso l’obiettivo comune dell’Organizzazione. Novità di quest’anno è l’Area Mercatino con diversi produttori e promotori di prodotti naturali, biologici, consapevoli e a km zero. Il successo degli anni passati rende anche questo evento una preziosa vetrina a chiunque volesse promuovere la propria attività, associazione e studio.

Torelli PachamamaLe attività olistiche agli stand non possono essere prenotate in anticipo ed è per questo che è importante giungere all’evento all’apertura per recarsi ai vari stand e riservare il proprio trattamento o consulenza. Alcune eccezioni la fanno gli appuntamenti a numero chiuso. È infatti necessario prenotarsi per poter vedere la proiezione del film documentario “Pachamama: manifesto per la madre terra” con presenza e dibattito con il regista Thomas Torelli. Un’occasione unica, quindi, per conoscere di persona il regista che attraverso il film documentario “Un Altro Mondo” è diventato famoso per il suo impegno e dedizione a creare un nuovo mondo aiutando il risveglio delle coscienze (prenotazioni per il Film “Pachamama”: 349 50 92 251).
Appuntamento imperdibile è anche il workshop di oltre tre ore sul “Potere di Adesso” con Claudio Akhand Porta dell’Associazione Awake Within che si terrà sabato mattina e dove attraverso una potente meditazione, la sperimentazione di tecniche e pratiche verranno forniti strumenti utili al vivere bene quotidiano (prenotazioni Meditazione “Il Potere di Adesso”: 348 3115766). Ulteriore chicca di quest’anno è l’appuntamento per domenica mattina nell’area esterna all’evento alle ore 10.30 per la Benedizione degli Animali con il rituale originale tenuto dal Monaco Buddista Lama Cesare (Tenzin Khentse) Maestro facente parte del lignaggio dei Thamthog e che prese i voti di monaco direttamente da S.S. il Dalai Lama a Dharamsala. Un gesto Sacro e prezioso verso i nostri amici animali che ci accompagnano e sostengono in questa vita. Il Monaco Tenzin terrà inoltre una conferenza al pomeriggio alle ore 14.15 presso la sala conferenze dal titolo “Etica universale e spiritualità” con la partecipazione inoltre di Francesco Florio esperto di yoga e Vedanta, psicologia energetica e metafisica occidentale. Ampio spazio verrà inoltre dedicato ai più piccoli con passeggiate sul pony, yoga per bambini e attività ludico-creative.

Da non perdere l’appuntamento serale alle ore 21.30 con Mar Tina & Vic Vergeat per un’Acoustic live. Vic Vergeat è un chitarrista, cantautore di fama internazionale e produttore discografico italiano. Mar Tina è la splendida cantante di 19 anni nata in Val Vigezzo, VCO, con tutte le carte in regola per diventare una preziosa rivelazione artistica di livello mondiale. Si avrà la possibilità di ascoltare anche “Yo”, album favoloso, frutto di un progetto ambizioso e ricco di sonorità ricercate, un lavoro durato più anni con ospiti d’eccezione. È prodotto da Vic Vergeat in collaborazione con il marchio heART, nell’album una canzone è stata prodotta da Jon Jacobs (Paul Mc Cartney) e “My love’s life” riarrangiata da Chris Weller (Beatles). Durante tutto l’evento sarà possibile degustare ottimi piatti vegetariani e vegani nel pieno rispetto del tema dell’evento. La manifestazione avrà luogo anche in caso di maltempo godendo di ampi spazi anche al chiuso.

Per info: info@ilportaledelviverebene.it

Facebook “I Sentieri del Vivere bene” (Domodossola)

Contatto per prenotazioni ultimi posti stand, area mercatino e area olistici: 333 6990795