Sentire il freddo per non avere freddo – PerCorso di Amicizia con il Freddo

intervista a Giovanni Guerra

snowflake-1245748_1920

Giovanni, ho saputo che stai proponendo un corso particolare, come ti è venuta l’idea?
Una sera a casa da solo, sentivo la voglia di esprimere qualcosa di me e, forse aiutato dalla sola luce della candela, ho sentito di proporre quello che in 25 anni ho appreso a proposito del rapporto con il freddo. Ovvero di non combatterlo con vestiti e riscaldamento eccessivi, ma farmelo amico in modo che non mi dia sofferenza.

Cosa vuoi dire, che ci vogliono 25 anni per imparare a non soffrirlo?
No, ci vuole molto meno, secondo me per l’80% dipende da quanto ci mettiamo a cambiare il nostro atteggiamento mentale ed il resto è adattamento fisico, ma questo arriva da sé.

Come hai cominciato?
Durante un trekking attorno all’Annapurna notavo le persone locali che camminavano a piedi scalzi pur con basse temperature ed ho cominciato a pensare che il nostro fisico e la nostra mente possono adattarsi ad ogni condizione. Tornato a casa ho deciso di portare solo sandali e vestiti leggeri in ogni stagione. Così è iniziata la mia ricerca ed un grosso aiuto me lo ha dato una frase di Gandhi che afferma che un nemico l’hai veramente sconfitto quando non è più un nemico ovvero quando te lo sei fatto amico. Ho quindi compreso che dovevo cambiare il mio approccio mentale rispetto al freddo. In questi anni ho praticato varie tecniche di meditazione e ciò mi è stato di aiuto nella ricerca.

Ma allora è così semplice?
Nella teoria sì, nella pratica un po’ meno, nel senso che mi ci è voluto qualche anno per scoprire tecniche e approcci per sentirmi rilassato anche a basse temperature. Ma chi seguirà il corso sarà fortemente avvantaggiato perché proverà subito delle tecniche funzionanti che riguardano il rilassamento, il respiro, la postura, il cambiamento di consuetudini comportamentali, il sentire la propria energia.

people-2593377_1920

Ma il corpo non rischia di indebolirsi ed ammalarsi di più?
Chiarisco che non sono un medico od uno studioso dell’azione del freddo sul nostro organismo, ma semplicemente una persona che porta la propria esperienza. Penso che il nostro corpo in decine di migliaia di anni si sia adattato a vivere alle nostre latitudini seguendo le varie stagioni. In fondo sono solo alcuni decenni che con lo sviluppo delle tecnologie e l’utilizzo dei combustibili fossili nella nostra parte di mondo viviamo in ambienti ben riscaldati. Personalmente di norma non riscaldo (lo sanno bene i miei amici che d’inverno diradano le visite) ma non sono un estremista, ben venga il riscaldamento, in realtà amo il caldo ed è per questo che ho deciso di farmi amico il freddo, per non soffrirlo. Quello che sostengo è che riscaldare eccessivamente, oltre a consumare tanta energia, costare economicamente ed inquinare, non permette al nostro corpo di seguire le stagioni. Questo ci indebolisce e ci fa ammalare maggiormente perché il nostro sistema termoregolatore passa continuamente da ambienti molto caldi a freddi e non capisce più cosa deve fare.

Parlami del corso, qual è l’obiettivo?
Appena si crea un gruppo di persone interessate si parte, luogo ed orari saranno decisi in funzione degli aderenti. Io abito in Val d’Ossola ma sono disposto a spostarmi. Il corso base è strutturato in sei incontri a cadenza settimanale e si sviluppa con una parte teorica e motivazionale e soprattutto in una parte pratica, di ascolto delle sensazioni individuali e cambiamento di consuetudini comportamentali. Con un approccio graduale si arriverà a tenere le lezioni da un ambiente riscaldato ad uno non riscaldato, se le persone non scappano vuol dire che il corso ha funzionato. Si rivolge a tutti ma in particolare ai freddolosi, l’obiettivo è quello di provare soddisfazione personale nel sentirsi a proprio agio vestendosi più leggeri e riscaldando meno gli ambienti, riducendo l’inquinamento e così risparmiando.

Leggi il programma completo qui

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Dicembre 2017+Gennaio 2018, sezione Benessere Corpo e Mente

Annunci

Speciale Benessere Olistico

Il Benessere Olistico è un settore che comprende molte discipline e conoscenze antiche e nuove… per approfondire meglio alcuni professionisti dell’Alto Piemonte ci hanno parlato del proprio lavoro.

Scopriteli tutti qui sotto!

Fare prevenzione è fondamentale

negozio_naturalmente

Il termine prevenzione indica la possibilità di agire prima che qualcosa avvenga, di anticipare un evento e quindi di ridurre conseguenze negative che esso potrebbe avere. Nell’ambito della salute, dopo diversi anni di esperienza…

Continua a leggere

Menopausa in medicina tradizionale cinese

di Paola Massi, operatrice tuinà

dragon-2634391_1920Dopo il concepimento, nelle ovaie del feto femmina si trova una gran quantità di ovuli (circa 1 o 2 milioni) che diminuisce già dalla nascita fino al completo esaurimento in menopausa. Questo periodo, che nella donna corrisponde all’interruzione del ciclo mestruale, è preceduto da una fase chiamata climaterio che può durare fino a qualche anno prima della completa cessazione del mestruo (non meno di sei mesi). Il climaterio e la menopausa sono caratterizzati da una serie di sintomi fisici ed emotivi che variano in intensità, a seconda dello stile di vita della donna e delle sue abitudini alimentari nell’arco della vita. La Medicina Cinese interpreta la menopausa come un profondo mutamento energetico che si estende oltre i cambiamenti fisici, coinvolgendo la mente, le emozioni e lo Spirito di una donna. Con l’avanzare dell’età la nostra energia diminuisce e i Reni che sono la sede dell’energia vitale, sono tra i principali responsabili degli squilibri che si manifestano durante la menopausa. La loro energia diminuisce in entrambi gli aspetti yin e yang, dove lo yin rappresenta i fluidi che nutrono il corpo e lo yang l’energia e il calore. Nel caso in cui lo yin sia deficitario ci saranno sintomi quali vampate, sete e gola secca, sudori notturni, urine scarse e scure, astenia, stitichezza e secchezza vaginale. Con il progredire del consumo dello yin, si presenteranno manifestazioni da calore-vuoto che interesseranno il Cuore con sintomi di carattere emotivo quali ansia, depressione, insonnia e palpitazioni. Quando lo yang renale è insufficiente avremo mancanza di calore nel corpo, quindi freddolosità, urine frequenti, chiare e abbondanti, apatia, dolori alla zona lombare e ginocchia. Spesso vi è carenza di entrambi questi aspetti, con manifestazione di sintomi combinati. Un altro organo coinvolto in questo processo è il Fegato che riveste un ruolo molto importante nella salute della donna, poiché regola il libero fluire dell’energia e del sangue (ciclo mestruale), così come quello delle emozioni. In menopausa il coinvolgimento del fegato nei suoi aspetti yin e yang conduce a sintomi quali secchezza (occhi, unghie, capelli, vagina), visione offuscata, crampi, insonnia, unghie fragili, forte cefalea, irritabilità, acufeni e vertigini. Il corpo esprime così la sua richiesta di aiuto, in un momento in cui la sua energia sta naturalmente diminuendo. È quindi importante ascoltare le sue esigenze riposando più a lungo e accettando il fatto che non si riescano più a sostenere ritmi di vita troppo intensi. Anche l’alimentazione dovrebbe essere calibrata in base alle carenze energetiche manifestate dai vari organi. Un valido aiuto è rappresentato dalla medicina cinese che riequilibra le energie migliorando lo stato di salute attraverso l’agopuntura o i trattamenti tuina, e pratiche quali il qigong e il tai chi che insegnano a respirare, meditare e a raggiungere un profondo senso di benessere aumentando il livello dell’energia vitale. Per una donna la menopausa rappresenta l’opportunità di guarire e rafforzare il proprio corpo bilanciando e armonizzando le energie, affinché questo momento di trasformazione rappresenti un nuovo inizio che la aiuti a scoprire, perseguire o completare quella che è la missione della sua vita.

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Settembre 2017, sezione Speciale Benessere Olistico

La Medicina Integrata – Quando medici e pazienti si riprendono l’anima

della Dott.ssa Erica Francesca Poli – Medico, psichiatra, psicoterapeuta

treatment-1327811_1920

La medicina a cui siamo stati abituati, come medici e come pazienti, si è concentrata sulla cura dei sintomi piuttosto che della persona. L’anatomia ha separato in parti il nostro corpo e la patologia ha indagato i “guasti” delle parti come se si trattasse di pezzi meccanici di un macchinario. La separazione tra corpo fisico, mente e anima ci ha condotti ad una specializzazione sempre più sofisticata, meritevole di notevoli risultati soprattutto in ambito chirurgico e nella medicina d’urgenza. Tuttavia le patologie croniche, metaboliche, oncologiche, neurodegenerative che imperversano nella nostra popolazione denotano l’impotenza di una medicina puramente meccanicista.
Per lungo tempo la frattura tra res cogitans e res extensa, tra psiche e soma ha fatto sí che anche la medicina si spezzasse nella medicina organicista, concentrata su organi e sintomi e nella medicina cosiddetta alternativa, che voleva occuparsi della persona in senso olistico. Parole come olistico e alternativo sono state invise ai medici esponenti della medicina ufficiale perché associate a interventi terapeutici non sempre scientificamente validati, a promesse di guarigioni miracolose non documentate e a pericolosi rischi per quanti hanno scelto di non seguire le terapie convenzionali per intraprendere trattamenti appunto alternativi.
D’altra parte nel vissuto di molte persone che hanno scelto di seguire strade non convenzionali, vi era la sensazione che la medicina ufficiale fosse insensibile alla vicenda umana di chi si trova di fronte alla prova della malattia, che il medico convenzionale non fosse interessato o non avesse tempo di interessarsi a chi fosse la persona prima che al paziente che aveva davanti. In sostanza chi si è rivolto in questi decenni alla medicina non convenzionale lo ha fatto perché voleva una medicina che fosse umana, dove ogni persona fosse considerata nella sua unicità e non solo come una statistica.
Una medicina dove fossero importanti il racconto, la storia, la biografia e le credenze dietro al sintomo. Anche tutti i Colleghi che nel tempo si sono aperti allo studio di trattamenti non convenzionali, lo hanno fatto principalmente perché posti di fronte all’ impossibilità di rispondere alla sofferenza della persona che avevano di fronte con i soli mezzi della medicina convenzionale e perché desiderosi di svolgere il proprio ruolo di medici non in forma meccanica, ma umana.

Ed io sono stata tra questi.
Ho avuto la fortuna di laurearmi e specializzarmi in un periodo nel quale le neuroscienze e la fisica quantistica hanno mutato la prospettiva della scienza nei confronti del ruolo che le emozioni e l’energia hanno nella salute e nella malattia. Così è giunto il tempo in cui la frattura tra soma e psiche, tra scienza e spirito, tra tecnologia e umanità, possa essere superata. E così pure la deleteria contrapposizione tra medicina convenzionale e alternativa.
Oggi è la medicina integrata a permettere la sintesi del paradigma meccanicista con il paradigma emotivo-energetico. La medicina integrata coniuga infatti terapie  innovative, ma rigorose e scientificamente validate, con interventi centrati sulla persona nella sua interezza di corpo, mente, anima e contesto socio-ambientale ed esistenziale.
Il trattamento viene personalizzato e creato davvero su misura a partire da una vasta disponibilità di interventi diagnostici e terapeutici. Nel tempo ho raccolto intorno a me una Équipe di Professionisti, di altissima competenza e in continuo aggiornamento, con i quali, nel centro che dirigo a Milano,  professiamo la coesione metodologica e l’integrazione tra professionisti con differenti competenze.
Il nostro lavoro vuole essere una risposta a tutte le persone che sono alla ricerca di un paradigma medico e psicologico realmente interdisciplinare a cui affidare non solo la cura dei propri malesseri, ma anche il mantenimento della propria salute. E in questa ottica svolgiamo la prevenzione, la diagnosi e la terapia, con la finalità di mantenere al meglio lo stato di benessere psicofisico e sociale dell’individuo, ripristinando le sue stesse capacità di guarigione e rispettandone l’equilibrio e l’integrità.
Così ogni singolo percorso di ogni singola persona è unico e viene letteralmente disegnato con la persona stessa e sulla base delle sue reali esigenze, motivazioni e credenze.

Questa metodologia operativa, oltre a essere un esempio di vera e propria integrazione, si è rivelata nel tempo la migliore opzione terapeutica, sia in termini di efficacia, che di rapidità, tanto nel trattamento di disturbi della psiche che in patologie somatiche. Inoltre può essere impiegata perfettamente anche negli interventi di medicina preventiva.
Questo approccio terapeutico non si concentra semplicemente su malattie e sintomi, ma piuttosto sui meccanismi fisiologici, biochimici, genetici, ambientali e psichici alla base di ciascun processo degenerativo individuale, per sviluppare interventi che stimolino specifici processi di rigenerazione e riparazione cellulare ed emozionale, molecolare e sistemica.
E soprattutto l’incontro tra medico e paziente torna ad essere quello che era dai tempi di Ippocrate, un viaggio di cocreazione di un mutamento, una profonda avventura vissuta insieme che offre l’opportunità, tanto al paziente quanto al medico, di riprendersi l’anima.

La dott.ssa Erica Francesca Poli sarà presente a BioBene Festival con un intervento sulla medicina integrata.

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Settembre 2017, sezione Speciale Benessere Olistico

Per il futuro dell’uomo: ritroviamo la via della natura

di Enrico Marone

natura

disegno di Giulia Marone

In un certo senso è stato come uno tsunami, un’onda potente ed inarrestabile che, soprattutto ma non solo, nel dopoguerra ha spazzato via culturalmente e socialmente conoscenze e pratiche, talvolta secolari, per sostituirle con altre veicolate dalla pubblicità e dalla frenesia commerciale-industriale. Accettate di buon grado dalla gente, smaniosa di lasciarsi alle spalle quel passato cupo e pericoloso, fatto di rinunce e dolore.
Questo non è successo solo per gli elettrodomestici, la moda, le auto, ecc… ma anche nel settore della salute e del benessere. Un mondo nuovo di rimedi, soprattutto chimici, per la bellezza, la giovinezza, le acconciature e per contrastare malattie e disturbi alcuni dei quali, si vedrà poco più avanti ed ancora oggi, in crescita e per i quali quei rimedi nuovi non hanno evidentemente avuto il successo sperato nel combatterli.
Certamente progressi in campo farmaceutico e nelle tecnologie e pratiche mediche ne sono stati fatti è innegabile, ma nonostante questo le persone continuano a soffrire di disturbi spesso poco chiari ed intrecciati ad aspetti psicologici e sociali che ne complicano la riconoscibilità. Non è un caso che lo “stress”, per esempio, sia diventato una delle cause spesso utilizzate quando non si riesce ad identificare correttamente un disturbo. Ed in effetti talvolta è realmente così: anche se non c’è una definizione certa e riconosciuta dello “stress”, esso coinvolge tanti aspetti che spesso la medicina o il medico, se non preparato, fatica a individuare o non considera nel loro insieme.
Inoltre gli esseri umani si sono staccati progressivamente e soprattutto per motivi di lavoro, da Madre Terra e hanno riempito in modo anche drammatico gli agglomerati urbani (è da pochi anni che a livello planetario il numero di persone che vivono nelle città ha superato quello di chi abita fuori). La stessa cosa ha fatto l’industria alimentare, sempre più lontana dalla Natura pur di migliorare l’efficienza produttiva.
Insomma i progressi tecnici, le novità del vivere quotidiano, la società hanno dimenticato per strada qualcosa: l’essere umano e la sua necessità di essere un tutt’uno con l’ambiente naturale che lo circonda e sostiene. Respirare aria inquinata, bere acqua sigillata nella plastica, mangiare cibi di pessima qualità, passare giornate insoddisfacenti e sempre in tensione, udire continuamente rumori fastidiosi, mantenere sempre vigile l’attenzione nel traffico, come può essere un modo di vivere vicino alle nostre necessità psico-fisiche?
È quindi evidente che occorre rivolgere attenzione e riportare al centro degli interessi umani proprio l’uomo integrato con la Natura. Il mercato e la finanza, con il loro enorme carico di problemi, violenze ed ingiustizie devono avere un ruolo secondario.
Ed è all’interno di questo ragionamento che il mondo olistico ci aiuta a vivere meglio, a prendersi cura di noi con antiche e nuove pratiche e discipline, pulite, naturali, non impattanti verso l’ambiente. Tanti modi per riportarci più vicini alle nostre esigenze fisiche, mentali e anche spirituali differenti per ognuno di noi e più vicine alla Natura. Ne parliamo in questo numero.

I numeri del cancro in Italia
http://www.registri-tumori.it/PDF/AIOM2016/I_numeri_del_cancro_2016.pdfhttp://www.registri-tumori.it/PDF/AIOM2016/I_numeri_del_cancro_2016.pdf

Rapporto Osservasalute
http://www.osservatoriosullasalute.it/rapporto-osservasalute

La sorveglianza Passi – Sovrappeso e obesità
http://www.epicentro.iss.it/passi/dati/sovrappeso.asp
http://www.tumori.net/it3/datinbreve.php?page=trend
http://www.tumori.net/it3/datinbreve.php?page=trend_proiezioni

Diabete in Italia
https://www.istat.it/it/archivio/202600

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Settembre 2017, editoriale

Settembre, si riparte!

settembre2017

Disponibile nei punti di distribuzione il nuovo numero di Vivere Sostenibile Alto Piemonte! Settembre è il mese dove molti ricominciano un ciclo, si chiude la stagione calda e ci si prepara al rientro al lavoro o alla scuola…

Ma perchè rinunciare a sentirsi bene anche a casa propria? Così parliamo di Benessere Olistico, un modo di fare del bene a se stessi tutto l’anno grazie ai numerosi operatori olistici presenti in Alto Piemonte. E poi nuovi progetti cominciano, contest creativi, LifeGate e Equotube sempre presenti con i loro consigli per rinnovare il proprio stile di vita seguendo un modello sostenibile, e molto ancora!

Qui per leggerlo online

Qui per riceverlo a casa tua in carta riciclata!

Qui dove lo trovi nella tua città

Qui per riceverlo online ogni mese!

Vivere secondo le stagioni: estate in medicina cinese

di Paola Massi, operatrice tuinà

36353934_76a51aac43_oL’estate rappresenta l’espressione esteriore dell’energia, dell’espansione, del movimento e dell’attività. Molti di noi attendono con ansia l’arrivo di questa stagione per tutto l’anno; il sole splende, le temperature sono alte, la gente può finalmente stare all’aperto ed è piena di energia che in questo periodo dell’anno è al suo apice.
In estate, che è la più yang delle stagioni, le forze della Natura creano il calore per il legame che questa stagione ha con l’elemento fuoco, elemento che In Medicina Cinese è associato all’organo Cuore e al colore rosso.
Si dice che il germoglio del Cuore è la lingua e il suo suono la risata; risulta quindi facile comprendere come l’emozione dell’elemento fuoco sia la gioia. È questo il tempo di coltivare l’energia yang (fuoco) che è simbolo della massima attività, stando però attenti che non raggiunga l’eccesso.
In Medicina Cinese questo elemento regola la Mente e quindi lo Spirito riesce a fiorire più vivacemente: allegria, piacere e vitalità sono indicatori di una salute equilibrata in estate, così come un sonno profondo e ristoratore.
Al contrario, una situazione disarmonica del Cuore porta alla depressione e mancanza di voglia di fare, oppure può condurre ad atteggiamenti maniacali e necessità di accumulare attività sia di giorno che nella notte (eccesso di fuoco-yang), portando a insonnia o risvegli frequenti. Per prevenire disturbi e restare in armonia con le energie estive, gli antichi medici cinesi consigliavano di svegliarsi presto per poter beneficiare dei primi raggi del sole, quelli che il corpo riesce ad assorbire meglio, di andare a dormire più tardi la sera e di fare una breve pausa durante le ore più calde.

Il cibo, che in Medicina Cinese ha una temperatura e proprietà energetiche, è fondamentale perché il corpo resti fresco e idratato durante l’estate. Quindi per compensare il calore mangiamo alimenti crudi, yin, di cui questa stagione abbonda. In generale la maggior parte dei vegetali e della frutta sono ‘rinfrescanti’, mangiarli crudi aumenta questa loro caratteristica che permette di abbassare il calore, eliminare le tossine e generare i fluidi corporei. Consumiamo le insalate, la lattuga, verdure come cetrioli, finocchi, sedano, pomodori, spinaci, zucchine e tutta la frutta estiva, in particolare i meloni e le angurie ricchi di acqua e perfetti contro il caldo estivo. Da evitare sono i cibi che riscaldano come le carni, i fritti , i latticini e i cibi troppo piccanti. Vivere in armonia con le stagioni rappresenta il fulcro della saggezza della Medicina Cinese.
Per questo l’utilizzo del cibo e delle sue proprietà viene visto come una medicina in grado di prevenire, mantenere, curare e bilanciare le energie secondo le stagioni. Questo concetto basilare di nutrimento insieme alla consapevolezza degli organi associati alle fasi dell’anno e alle emozioni, può fornirci una chiave di lettura del nostro sistema corpo-mente in grado di farci vivere in salute mantenendo il contatto con la Natura di cui tutti siamo parte.

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Luglio+Agosto, sezione Benessere Corpo e Mente

Trattamento delle allergie secondo la medicina tradizionale cinese

di Paola Massi, operatrice Tuina

L’arrivo della primavera segna l’inizio di un nuovo ciclo annuale, poiché dopo il freddo e buio inverno la natura rinasce a nuova vita con un’esplosione di colori e profumi. Purtroppo questo momento non è vissuto con gioia da tutti, poiché il fiorire della natura corrisponde per molti al ripresentarsi di un fastidioso problema: l’allergia. Per la medicina occidentale la rinite allergica è dovuta a un’eccessiva reattività del sistema immunitario, un sistema il cui scopo è difendere l’organismo da “agenti esterni” ritenuti estranei e, nel caso delle allergie stagionali, ritenuti erroneamente nocivi.

plant-692141_960_720

Secondo la Medicina Cinese è la Wei Qi, o energia difensiva, che ci protegge dai fattori patogeni esterni quali vento, freddo, umidità, canicola e secchezza. Quando questa energia è debole, la persona è incline a prendere raffreddori e a contrarre influenze nella stagione invernale. Ma il ruolo dell’energia difensiva si estende anche alla protezione del corpo contro acari, pollini, polveri e peli di cani e gatti. Una Wei Qi debole sarà quindi causa di allergie stagionali e/o allergie respiratorie. Questa energia difensiva è il risultato della trasformazione degli alimenti e delle bevande da parte del sistema Milza/Stomaco supportato dai Reni; essa circola al di fuori dei meridiani, nella pelle e nei muscoli, riscalda, umidifica e regola la chiusura e l’apertura dei pori. Il Polmone è l’organo che diffonde la Wei Qi che è di natura Yang e lo Yang di Rene è la sorgente di tutte le energie Yang del corpo: questa è la ragione per cui la resistenza ai patogeni esterni è determinata non solo dalla forza dell’energia del Polmone, ma anche dallo Yang di Rene. Un vuoto dell’energia difensiva di questi due organi, che può essere di natura congenita o dovuto a problemi insorti durante la gravidanza o la crescita, è quindi la causa di un sistema immunitario debole. Secondo questa medicina “energetica” anche un Fegato non in equilibrio  è coinvolto nelle allergie stagionali. Per i medici cinesi tutte le reazioni istintive di difesa sono sostenute dall’energia epatica, l’istinto alla “lotta o fuga” appartiene a questo organo e il sistema immunitario si prepara conseguentemente all’azione di attacco o di difesa ogni qual volta si presenta una situazione di pericolo. Ebbene in Medicina Cinese l’allergia stagionale è l’espressione di una debolezza dell’energia polmonare concomitante a un eccesso dell’energia del Fegato che in primavera si trova fisiologicamente al massimo della sua espressione funzionale (vedi numero 10 di Vivere Sostenibile Alto Piemonte articolo “La primavera e il Fegato”). L’apparato respiratorio non sarà in grado di fungere da barriera alle sostanze presenti nell’aria che penetreranno in profondità nell’organismo trovando un‘energia epatica difensiva in doppia allerta, sia perché è primavera, sia perché il Polmone non protegge le “porte di entrata”.

La Medicina Cinese, agopuntura e massaggio Tuina, si rivela un ottimo strumento nel trattamento di questo tipo di allergie, poiché rinforza le energie dell’organismo ristabilendo l’equilibrio. Sarebbe efficace rinforzare il sistema immunitario in inverno, giocando d’anticipo, e seguire alcune regole alimentari della dietetica cinese limitando gli alimenti dal sapore piccante, perché indeboliscono il Polmone e aumentando quelli dal sapore agro-acido che tonificano il Polmone e calmano il Fegato.

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte inedito del mese di Marzo 2017, sezione Benessere Corpo e Mente

Il Fuoco Imperatore – L’organo Cuore in Medicina Cinese

di Paola Massi

lotoecuore

Assimilato dalla tradizione, non solo cinese, al Sole dell’organismo, il Cuore ne è in tutto la vera fonte di luce e di vita. In Medicina Cinese il cuore è il Cuore dell’intero essere con la “C” maiuscola e la sua capacità e il suo potere si estendono ben oltre quella dell’organo fisico. È il monarca del regno che fornisce l’energia per coordinare tutte le attività, fisiche, mentali, emozionali e spirituali del corpo. È considerato l’Imperatore di tutti gli altri organi con i quali ha una relazione gerarchica; in altre parole gli organi si sacrificano donando la loro energia per aiutare il Cuore a mantenere il proprio equilibrio e salute. Esiste quindi un cuore anatomico, composto di carne e sangue, dalla forma di un fiore di loto chiuso situato nel petto, ed esiste un Cuore luminoso, sede dello Spirito-Shen-, che
genera il Qi, o energia, e il sangue e che rappresenta la radice della vita.
In Medicina Cinese ogni sistema organo/viscere è in relazione con altre strutture anatomiche e con fattori climatici esterni che svolgono ciascuno una specifica azione su di essi. Così in estate, il momento della crescita rigogliosa e della vitalità, il Cuore e l’Intestino Tenue, suo viscere accoppiato, sono gli organi più sensibili all’azione del calore. Sempre in relazione al calore, il punto cardinale del Cuore è il sud e la sua natura il Fuoco.
Secondo la Medicina Cinese le funzioni principali del Cuore consistono nel governare il sangue e i vasi sanguigni. Si manifesta inoltre nella carnagione, si apre nella lingua,
controlla la sudorazione, alloggia lo Shen (Spirito) ed è correlato alla gioia. I vasi sanguigni sono considerati il “tessuto” del Cuore e la carnagione rivela quindi lo stato di questo organo: se il sangue è abbondante e il Cuore è forte, la carnagione sarà rosea e luminosa, in caso contrario apparirà pallida e spenta. La lingua è invece considerata un “germoglio” del Cuore che ne controlla la forma, l’aspetto e il senso del gusto. L’amaro è il sapore
correlato al Cuore: se sentite il costante desiderio di cibi amari significa che il vostro Cuore ha bisogno di supporto. Quando il Cuore è in equilibrio la lingua apparirà di un colore rosso-pallido e altrettanto normale sarà il senso del gusto. La condizione del Cuore influenza anche la parola: una sua patologia può essere la balbuzie, mentre una
disarmonia di questo organo può rendere una persona logorroica o farla ridere in maniera smodata. Nel Cuore ha sede la Mente, la coscienza e lo spirito umano, lo Shen o Spirito, il raggio divino che dal Cielo discende nell’uomo.
E’ quindi comprensibile come un Cuore pacifico sia la base di un buono stato di salute.
In definitiva è responsabilità di ognuno di noi prendersi cura del proprio Cuore e del modo in cui viviamo. Il mondo può distrarci, ma è nostro compito ignorarlo e quietare l’incessante chiacchierio della mente imparando ad ascoltare il Cuore per capire il suo messaggio per noi.

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Luglio+Agosto, sezione Benessere Corpo e Mente

SEMPLICEMENTE ASCOLTA IL TUO RESPIRO

di Chiara Sacco

Hai mai pensato a quale sia la funzione principale del nostro corpo? Se mettessimo le funzioni del nostro corpo in un’ipotetica piramide quale ne costituirebbe la base?

Ti do un piccolo aiuto… Appoggia il giornale, metti la mano destra sulla Pancia e la sinistra sul cuore, chiudi gli occhi e ascolta il tuo corpo che… RESPIRA.

Il respiro è la base della nostra bella piramide. Il respiro è il motore della nostra vita ma ne è anche la sinfonia. Il giorno in cui nasciamo compiamo il nostro primo respiro e con questo respiro troviamo la nostra individualità, facciamo il nostro primo passo lungo il cammino della vita. Proviamo a cambiare il punto di vista dal quale osservare il cammino della vita e, invece di suddividerla in immagini, azioni, eventi,.. proviamo a vederla come un’ immensa onda formata da respiri, ognuno diverso, ognuno totalmente impregnato di vita vissuta in quel preciso “inspiro ed espiro”. Ogni cosa che viviamo influisce sul nostro respiro e ogni nostro respiro influisce su quello che percepiamo. Quindi respiro, azione e mente sono interconnessi più di quanto si possa credere.

Per questa ragione possiamo affermare che se la mente influenza il respiro, allora il respiro influenza la mente.

articolo yoga giulia marone_01

Nella nostra vita di oggi il respiro è, come si suol dire, l’ultimo dei pensieri-problemi, …“ ci manca solo di dover pensare anche a come respirare e siamo a posto”… ma in realtà dovrebbe essere il primo dei nostri pensieri e quindi l’ultimo dei nostri problemi.

Una buona e corretta respirazione permette di mantenere ossigenati gli organi e i tessuti del corpo, regola la produzione ormonale, soprattutto di quegli ormoni così detti stressogeni, mantiene una condizione di calma attiva, aiuta la peristalsi intestinale, la circolazione sanguigna e linfatica, mantiene libero il diaframma, diminuisce il livello di infiammazione cronica dell’organismo prevenendo l’insorgere di malattie e, non da meno, nutre la mente con pensieri positivi. Quindi la respirazione naturale ha come conseguenza un equilibrio psico-fisico generale del corpo.

Ripristinare il respiro naturale è il primo passo da compiere per migliorare la propria salute, le prestazioni sportive, ma anche semplicemente quotidiane e lavorative, avere più energia senza ricorrere ad integratori, ritrovare il giusto peso forma, sentirsi insomma bene e carichi.

Ora che abbiamo compreso i tanti SI di un buon respiro, facciamo insieme un altro esercizio-test: appoggia il giornale, metti una mano sulla pancia e una sul torace, respira e percepisci con le tue mani il movimento del tuo respiro e con le orecchie il suono del tuo respiro.

Facilmente dentro al tuo respiro troverai le risposte alle seguenti tre domande:

1. Respiro con la pancia o con il torace?

2. Respiro dal naso o dalla bocca?

3. Respiro in modo silenzioso o rumoroso?

…una persona rilassata e sana non la si dovrebbe né vedere né sentire respirare…

Solitamente gli adulti respirano con la parte alta dei polmoni, ovvero praticano una respirazione toracica, i bambini e gli animali respirano con la pancia e in questo caso abbiamo una RESPIRAZIONE DIAFRAMMATICA o ADDOMINALE o NATURALE.

COME AVVIENE LA RESPIRAZIONE NATURALE

Durante l’inspirazione, il diaframma, il principale muscolo respiratorio posto tra il torace e l’addome, si abbassa permettendo all’aria di essere risucchiata all’interno dei polmoni; durante l’espirazione il diaframma si rilassa, sale verso l’alto come una cupola e svuota dolcemente i polmoni. Questo continuo movimento diaframmatico massaggia gli organi addominali e toracici (stomaco, fegato, milza, pancreas, intestino, cuore e polmoni), stimola la circolazione, la peristalsi intestinale, mantiene muscoli e legamenti morbidi e in equilibrio con il resto del corpo.

Il diaframma rappresenta il muscolo della vita, è considerato come il secondo cuore perché funziona ininterrottamente come il cuore per mantenerci in vita; addirittura pompa più sangue del cuore stesso.

Lo stress, le emozioni trattenute, ansie, paure, stili di vita scorretti, insomma la vita moderna, porta tutti noi a dover fare i conti su ciò che sentiamo dentro e ciò che “dobbiamo” mostrare fuori. In tutto questo, il diaframma è il primo muscolo a contrarsi e irrigidirsi per mediare e sopravvivere in un modo di vivere che a volte ci va troppo stretto, come un abito di due taglie meno della nostra… e così il respiro si accorcia… e così dimentico il ritmo naturale del respiroe così mi adeguo al ritmo artificiale di tutto il resto….

Ritrovare il respiro naturale è il più bel regalo di salute e benessere che tu possa fare a te stessa, te stesso.

Per iniziare, semplicemente, ascolta il tuo respiro… E rilassati!

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte, edizione di Giugno n4, sezione Benessere Corpo e Mente