La storia del piccolo lago e dell’uomo cattivo

di Enrico Marone

lagoconfirma_01

C’era una volta un lago, non troppo grande, ma bellissimo e tranquillo, appoggiato tra boschi, borghi e colline verdi. Pesci e tanti altri esseri viventi, esistevano tra i suoi flutti e le sue sponde. Molta gente viveva lì e i turisti sospiravano, contemplando i suoi romantici paesaggi.
Ma venne l’industria con l’efficienza e l’utile da raggiungere. L’industria prendeva materie prime dalla terra e le trasformava in oggetti e scarti. Gli oggetti si vendevano e portavano i soldi, gli utili, ma gli scarti? Un problema, perchè facevano scendere gli utili, i guadagni. Occorreva pagare per farli portare in luoghi ed impianti che li rendessero innocui.
Ma vicino c’era il bel lago tranquillo e romantico. Perchè non buttarli lì? E cominciò la prima azienda, poi un’altra e un’altra ancora. Gli esseri che vivevano lì cominciarono a scomparire ed il lago a morire. Morire per gli utili delle aziende.
La fortuna volle che gli scienziati che controllavano le sue acque si accorgessero di ciò che stavano facendo al lago. E con una operazione complessa, molto lunga e costosa, riuscissero a salvarlo. Alcune delle aziende che avevano buttato i loro scarti nel lago chiusero, ma non in conseguenza del loro crimine. Dopo molti anni la vita, pian piano ritornò. Gli uccelli, gli insetti e soprattutto pesci ed altri esseri subacquei, ricominciarono a popolarlo. Addirittura l’Unione Europea aveva scoperto alcuni esseri da tutelare, perchè rari e delicati. Nessuno più scaricava scarti in quelle acque dalle piccole onde. Tutto il mondo seppe di questo miracoloso salvataggio, tutti sembravano contenti di questo. E quello specchio d’acqua, man mano che passava il tempo, diventava sempre più bello e la gente stava bene sulle sue sponde.
Ma si sa, la malvagità, l’indifferenza e il potere dei soldi, degli utili, sono forti e mentre tutti si beavano del piccolo lago tranquillo, qualcuno usava il suo piccolo cervello per cercare un modo stupido e scorretto di risparmiare. La sua azienda doveva rendere di più, avere più utili. Da dove cominciare? Ciò che produceva si vendeva e portava soldi, guadagni, ma gli scarti? Già, se non dovesse pagare per rendere innocui gli scarti, potrebbe risparmiare e quindi gli utili salirebbero! Come fare?
Dove potrebbe mettere gli scarti?
Perchè non buttarli nel lago, di sera, quando nessuno vede? Sì ottima idea, pensa quanti soldi risparmiati! Così posso fregare anche i miei concorrenti che, poveri fessi, loro pagano per rendere innocui i loro scarti. Ma qualcuno vide, diede l’allarme e fotografò quel liquido biancastro e puzzolente che usciva da un tubo e andava a sporcare le acque del piccolo lago tranquillo. Quello specchio d’acqua che dopo tanti anni di sacrifici, trattamenti, attenzioni e spese da parte dei cittadini era tornato a fatica a rivivere. Le foto vennero diffuse e tante, tante persone si arrabbiarono per il gesto stupido e vile e si preoccuparono per la salute ancora fragile del piccolo lago tranquillo.

Ebbene ora tutti dovranno fare la loro parte.
Le forze dell’ordine dovranno individuare i responsabili e credetemi, è possibile.
I magistrati dovranno giudicare con severità, si con severità, questo volontario e ignobile attentato all’ecosistema del lago, attuato per puro interesse monetario e per puro disinteresse verso la vita e un bene pubblico.
I cittadini dovranno continuare a rispettare e vigilare (come infatti è successo) affinchè il lago si riprenda da questo sfregio, ancora una volta.
Le associazioni di imprenditori dovranno condannare queste pratiche ottuse e vili, dicano se per loro è più importante la vita o il guadagno aziendale, emarginino quelli che lavorano in questo modo.
I comuni dovranno impegnarsi a respingere tutte quelle attività dannose per questa meraviglia della natura.
Solo se tutti facciamo la nostra parte la natura e la vita, vincono.

http://www.lastampa.it/2018/05/05/edizioni/schiuma-e-cattivi-odori-le-immagini-dellinquinamento-sul-lago-dorta-EIlQVARqPTwg8CKMwfgX6H/pagina.html
http://corrieredinovara.com/attualita/lago-dorta-torna-lincubo-inquinamento/

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Giugno+Luglio 2018, editoriale

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...