La Medicina Integrata – Quando medici e pazienti si riprendono l’anima

della Dott.ssa Erica Francesca Poli – Medico, psichiatra, psicoterapeuta

treatment-1327811_1920

La medicina a cui siamo stati abituati, come medici e come pazienti, si è concentrata sulla cura dei sintomi piuttosto che della persona. L’anatomia ha separato in parti il nostro corpo e la patologia ha indagato i “guasti” delle parti come se si trattasse di pezzi meccanici di un macchinario. La separazione tra corpo fisico, mente e anima ci ha condotti ad una specializzazione sempre più sofisticata, meritevole di notevoli risultati soprattutto in ambito chirurgico e nella medicina d’urgenza. Tuttavia le patologie croniche, metaboliche, oncologiche, neurodegenerative che imperversano nella nostra popolazione denotano l’impotenza di una medicina puramente meccanicista.
Per lungo tempo la frattura tra res cogitans e res extensa, tra psiche e soma ha fatto sí che anche la medicina si spezzasse nella medicina organicista, concentrata su organi e sintomi e nella medicina cosiddetta alternativa, che voleva occuparsi della persona in senso olistico. Parole come olistico e alternativo sono state invise ai medici esponenti della medicina ufficiale perché associate a interventi terapeutici non sempre scientificamente validati, a promesse di guarigioni miracolose non documentate e a pericolosi rischi per quanti hanno scelto di non seguire le terapie convenzionali per intraprendere trattamenti appunto alternativi.
D’altra parte nel vissuto di molte persone che hanno scelto di seguire strade non convenzionali, vi era la sensazione che la medicina ufficiale fosse insensibile alla vicenda umana di chi si trova di fronte alla prova della malattia, che il medico convenzionale non fosse interessato o non avesse tempo di interessarsi a chi fosse la persona prima che al paziente che aveva davanti. In sostanza chi si è rivolto in questi decenni alla medicina non convenzionale lo ha fatto perché voleva una medicina che fosse umana, dove ogni persona fosse considerata nella sua unicità e non solo come una statistica.
Una medicina dove fossero importanti il racconto, la storia, la biografia e le credenze dietro al sintomo. Anche tutti i Colleghi che nel tempo si sono aperti allo studio di trattamenti non convenzionali, lo hanno fatto principalmente perché posti di fronte all’ impossibilità di rispondere alla sofferenza della persona che avevano di fronte con i soli mezzi della medicina convenzionale e perché desiderosi di svolgere il proprio ruolo di medici non in forma meccanica, ma umana.

Ed io sono stata tra questi.
Ho avuto la fortuna di laurearmi e specializzarmi in un periodo nel quale le neuroscienze e la fisica quantistica hanno mutato la prospettiva della scienza nei confronti del ruolo che le emozioni e l’energia hanno nella salute e nella malattia. Così è giunto il tempo in cui la frattura tra soma e psiche, tra scienza e spirito, tra tecnologia e umanità, possa essere superata. E così pure la deleteria contrapposizione tra medicina convenzionale e alternativa.
Oggi è la medicina integrata a permettere la sintesi del paradigma meccanicista con il paradigma emotivo-energetico. La medicina integrata coniuga infatti terapie  innovative, ma rigorose e scientificamente validate, con interventi centrati sulla persona nella sua interezza di corpo, mente, anima e contesto socio-ambientale ed esistenziale.
Il trattamento viene personalizzato e creato davvero su misura a partire da una vasta disponibilità di interventi diagnostici e terapeutici. Nel tempo ho raccolto intorno a me una Équipe di Professionisti, di altissima competenza e in continuo aggiornamento, con i quali, nel centro che dirigo a Milano,  professiamo la coesione metodologica e l’integrazione tra professionisti con differenti competenze.
Il nostro lavoro vuole essere una risposta a tutte le persone che sono alla ricerca di un paradigma medico e psicologico realmente interdisciplinare a cui affidare non solo la cura dei propri malesseri, ma anche il mantenimento della propria salute. E in questa ottica svolgiamo la prevenzione, la diagnosi e la terapia, con la finalità di mantenere al meglio lo stato di benessere psicofisico e sociale dell’individuo, ripristinando le sue stesse capacità di guarigione e rispettandone l’equilibrio e l’integrità.
Così ogni singolo percorso di ogni singola persona è unico e viene letteralmente disegnato con la persona stessa e sulla base delle sue reali esigenze, motivazioni e credenze.

Questa metodologia operativa, oltre a essere un esempio di vera e propria integrazione, si è rivelata nel tempo la migliore opzione terapeutica, sia in termini di efficacia, che di rapidità, tanto nel trattamento di disturbi della psiche che in patologie somatiche. Inoltre può essere impiegata perfettamente anche negli interventi di medicina preventiva.
Questo approccio terapeutico non si concentra semplicemente su malattie e sintomi, ma piuttosto sui meccanismi fisiologici, biochimici, genetici, ambientali e psichici alla base di ciascun processo degenerativo individuale, per sviluppare interventi che stimolino specifici processi di rigenerazione e riparazione cellulare ed emozionale, molecolare e sistemica.
E soprattutto l’incontro tra medico e paziente torna ad essere quello che era dai tempi di Ippocrate, un viaggio di cocreazione di un mutamento, una profonda avventura vissuta insieme che offre l’opportunità, tanto al paziente quanto al medico, di riprendersi l’anima.

La dott.ssa Erica Francesca Poli sarà presente a BioBene Festival con un intervento sulla medicina integrata.

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Settembre 2017, sezione Speciale Benessere Olistico

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...