LOST ENCORE – La voce dei luoghi abbandonati

a cura di Mirko Zullo

LOST ENCORE - Immagine 1
Quante volte vi sarà capitato d’imbattervi in una dimora abbandonata, senza però dare a quel sito troppa considerazione.
La realtà dei siti dismessi, è molto forte nel nostro Paese. L’Italia, ma non solo, tutta Europa, tutto il mondo – forse – deve fare i conti con i tesori dimenticati del passato.
Questa è la ragione scatenante che ha smosso le coscienze del team di LOST ENCORE.
Il progetto LOST ENCORE, ideato e capitanato da Mirko Zullo, scrittore e regista di Verbania, è nato alla fine del 2015 e si è dato questa missione: riscoprire le dimore abbandonate più importanti, per far sì di farle conoscere a più persone possibili, e di conseguenza sensibilizzare un pubblico sempre più ampio, smuovendo le coscienze, convincendo tutti che non solo stiamo perdendo la nostra storia, ma stiamo – oramai da troppi decenni – costruendo del nuovo in un territorio dove, invece, si potrebbe tranquillamente recuperare tanto di quanto già esistente.

LOST ENCORE, oltre che da Zullo, è formato dalla giornalista e presentatrice Marianna Morandi, dal producer musicale Diba, dagli operatori di ripresa e videomakers Marco Comerio e Mario Zanetta, dal fotografo Piero Gatti, dagli avvocati Roberto Gentina e Riccardo Sappa per l’assistenza legale. Una prima stagione ha visto la realizzazione nel 2016 di dodici documentari, dodici “losteggiate”, iniziando ad esplorare siti dismessi tra le province di Verbania, Lecco, Novara, Vercelli, Milano, Varese…
Tutto questo per riscoprire dei veri e propri gioielli, colmi di storia, di un’importanza dal punto di vista architettonico, commerciale, ricettivo del nostro passato, che oggi rischiano sempre più di essere silenziosamente dimenticati, ricoperti spesso dall’inevitabilità della natura e dall’incuranza di vandali e devastatori. Patrimonio del passato e della storia di noi tutti, che non merita affatto di essere così facilmente e brutalmente cancellato.

Ma il viaggio di LOST ENCORE non può fermarsi qui. Tutto è già pronto per una seconda stagione, in cui si amplierà il raggio d’azione, muovendosi su tutto il territorio italiano ed anche in qualche meta in Europa. Proprio in questi giorni è anche partito un crowdfunding dedicato al programma LOST ENCORE sulla piattaforma eppela.com. Il progetto si chiama per l’appunto “Lost Encore, la voce dei luoghi abbandonati” e si tratta di una raccolta fondi sul web, grazie alla quale chiunque vorrà, potrà aiutare a sostenere i costi di questo progetto, con donazioni suddivise in diverse quote. L’obiettivo finale (la raccolta fondi scadrà il 22 luglio) è un primo passo per aiutare la squadra ad affrontare più serenamente i costi delle trasferte per realizzare i documentari.
In questo spazio ripercorreremo alcune delle tappe più interessanti ed affascinanti della prima stagione, oltre a regalare alcune anticipazioni sulle nuove esplorazioni. La speranza è poi quella di sensibilizzare non solo il pubblico, ma anche gli addetti ai lavori, affinché possano decidere d’investire sul riutilizzo di queste strutture, ricollocandole in qualsiasi forma, donando loro una nuova vita, una nuova vocazione, cha sia pubblica, privata, commerciale, ricettiva… Infine, laddove ciò non sia concretamente possibile, recuperare quantomeno la memoria di tali dimore, costruendo dei veri e propri percorsi turistici alternativi e realizzati ad hoc alla riscoperta dei tesori del nostro passato. Potete seguire ed avere tutte le informazioni su LOST ENCORE tramite la pagina Facebook ufficiale, oppure riguardando tutte le losteggiate della prima stagione sul canale LOST ENCORE di YouTube. Per altre informazioni, domande o segnalazioni, potete scrivere alla casella mail: lostproductiontv@gmail.com.
Dal prossimo numero di Vivere Sostenibile Alto Piemonte troverete una rubrica mensile dedicata all’approfondimento dei singoli casi che abbiamo esplorato nel nostro territorio. Continuate a seguirci!

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Luglio+Agosto, sezione Scelte Ecosostenibili

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...