Dal Solstizio d’Estate alla festa di S.Giovanni il sole trionfa

di Beatrice Calia

Acqua e luce sono la base della Vita. Nell’antica società agraria il culto del sole era vitale e l’essere umano usava benedire tutti gli elementi e ritualizzava i passaggi per non perdere l’unione col Creato. Durante l’anno due momenti meravigliosi si mostrano per propiziarci una buona Vita. Uno è il solstizio invernale che ci guida al Natale, inizio di una stagione propensa all’introspezione, l’altro avviene ad inizio estate, tempo di interazione sociale. Si magnifica la Terra gravida di vita, perché ci accompagni verso la luce e la calura estiva sia clemente. Un tempo, questo momento era ritenuto magico, ovvero legato alla Natura e a noi stessi, e si facevano gesti legati all’abbondanza e alla gioia. Il Solstizio d’Estate è il giorno più lungo dell’anno, il sole trionfa nel cielo e vi è la comunicazione diretta fra visibile e invisibile, i due opposti si incontrano e si fondono.

calia

La festa di San Giovanni è un’antica festa celtica associata con le forze lunari, con la rugiada e con le erbe che, raccolte questa notte, hanno maggior potere: iperico, artemisia, arnica, ruta, achillea, salvia, rosmarino, noce, ribes, erica, verbena. Nella foto ho preparato la “Guazza profumata di S. Giovanni” arricchita con le amiche erbe dai fiori colorati per lavarci dai rigori invernali. In questo giorno si prepara il nocino come simbolo di rinnovamento e il rosso olio d’iperico preziosissimo rimedio contro le scottature e i malumori, e con le erbe prepariamo piatti sfiziosi dai nomi curiosi.

IL NOCINO
27 noci raccolte la notte di S. Giovanni
4 chiodi di garofano
2g di cannella
3 pezzetti di scorza di limone
500g di zucchero moscobado
350g di alcool a 95°
300g di acqua
Raccogliete le noci la notte di San Giovanni (23/24 Giugno) e lasciatele in un recipiente a prendere la rugiada. Il 24 tagliate le noci in 4 parti, mettetele in un vaso con l’alcool. Il giorno successivo aggiungete le spezie e lasciate in infusione fino al 3 Agosto al sole, agitando 3 volte al giorno. Filtrate e aggiungete lo sciroppo fatto con lo zucchero scaldato nell’acqua. Lasciare raffreddare, imbottigliare e aspettare almeno 3 mesi prima di consumarlo, conservandolo al buio.

Articolo pubblicato su Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Giugno 2017, sezione Alimentazione Naturale

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...