Basta dormire: apri gli occhi e guarda!

di Giovanni Fanchini, 17 anni

“Tutte le nostre preoccupazioni, tutte le nostre attività, tutti gli avvenimenti vengono visti attraverso il prisma dell’economico.” S.Latouche

team-386673_960_720
Dal dizionario. Società: Insieme di individui uniti da rapporti di varia natura, in cui si instaurano forme di cooperazione, collaborazione, divisione dei compiti, organizzato sulla base di un sistema più o meno strutturato di rapporti naturali, economici, culturali e politici.
Non sono un sociologo, ma basta uno studente per capire che la nostra società non rispetta questi principi, e che forse non ne è mai esistita una basata su tali concetti.
Non potremo definire “società” la realtà in cui viviamo, fintanto che ognuno di noi rimane egoista, e lo è chiunque pensi al proprio “star bene” immediato, mentre i posteri troveranno un mondo senza opportunità, rovinato e distrutto. Questo è ciò che fate voi, giovani di una volta, consumatori irresponsabili e insaziabili di ricchezze. Con le vostre comodità superflue ci state sottraendo la possibilità di una vita degna, nel progresso, creando un mondo destinato a ricominciare da zero.

I nativi americani erano soliti dire “La terra che ora coltivate non vi appartiene, essa è dei vostri figli”.
Ma voi, che avete vissuto la ripresa sociale ed economica, quale futuro state lasciando adesso a noi, vostri figli?
Sempre più articoli, libri, film, canzoni e persone parlano della necessità di un cambiamento: è giunto il momento di trasformare queste parole in fatti.
Latouche in Come si esce dalla società dei consumi suggerisce di abbandonare l’attuale stile di vita e di società: “Non si tratta di sostituire una Buona economia con una Cattiva economia, una Buona crescita o un Buon sviluppo con un Cattivo sviluppo. Si tratta di uscire dall’economia.”
Nel suo scritto Il progetto locale l’ecologista anarchico B. Murray ci insegna: “Non è affatto assurdo pensare che una società ecologica possa essere costituita da una municipalità composta di piccole municipalità, ciascuna delle quali formata da una “comune di comuni” più piccole […] in perfetta armonia con il loro ecosistema.” Sviluppando il suo pensiero, immagino che tante piccole comunità, realtà indipendenti, libere dal petrolio e da una agricoltura industriale distruttiva, dall’informazione asservita e dal desiderio di controllo della natura, possano rappresentare un futuro concreto e sostenibile. Comunità in rapporto di sinergia, in una rete di scambio, cooperazione, condivisione di valori, beni e servizi, sarebbero piccoli modelli autosufficienti per il cibo, l’istruzione, l’educazione, l’economia, la politica, il consumo di beni primari, l’energia e il lavoro.

Quella che avete costruito, è una società di tanti piccoli robot uguali, privi di pensiero proprio, senza aspettative di un futuro migliore. L’industria ha uniformato tutto, creando uno schema uguale per ogni prodotto, bene, persona e alimento.
Una vita sostenibile deve prescindere dal profitto. Le fondamenta di una buona società non possono che essere un’agricoltura ed un’alimentazione sostenibili.
Ci troviamo di fronte a un bivio. Continuare a vivere ignorando il problema fino al collasso, ritrovandoci in un’epoca di devastanti guerre, lotte per le risorse idriche ed energetiche, che combatteremo noi giovani e che, come lo stesso Einstein sosteneva “Non so come si combatterà la terza guerra mondiale, ma la quarta con pietre e bastoni”. Oppure la via della conoscenza e dell’informazione, del consumo critico, della presa di potere per uscire gradualmente dalla società, liberandosi dal conformismo globale che ci circonda.
L’evoluzione e il cambiamento proseguono, ma sta ad ognuno di noi guidarli nella giusta direzione!

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Aprile 2017, sezione Scelte Ecosostenibili

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...