Hubert Bösch ci invita a fermarci in mezzo alla Natura: c’è tanto da imparare

a cura della redazione di Vivere Sostenibile network

Cosa c’è di meglio di una sosta nel verde?
Questa volta il nostro invito FERMATI,VIVI lo vogliamo coniugare nel modo più appropriato con l’arrivo della piena primavera, ovvero con l’invito a fermarsi in mezzo alla natura, magari in mezzo a un bosco, a una foresta e prendere coscienza di quanto la natura può insegnarci.
È quanto invita a fare Hubert Bösch nel consigliarci la lettura di un libro, L’Orologio della Natura (Macro Edizioni) scritto da Peter Wohlleben, già autore del best seller La vita segreta degli alberi (Macro Edizioni).

tube-2181245_1920

Hubert ci chiede: “Quando è stata l’ultima volta che avete sentito il bramito dei cervi in amore o il canto del gufo nel buio della notte? A quando risale l’ultima passeggiata sotto la pioggia o durante una nevicata?”.

Molti di noi si troveranno in serie difficoltà a rispondere: sono quelle emozioni indimenticabili ma purtroppo, oggigiorno, molto rare da vivere.
Ma le domande non sono finite…. “Quanti animali riuscite a riconoscere dal loro verso? Conoscete l’orario del canto del merlo? Sapete riconoscere le qualità di un terreno dalle piante spontanee che vi crescono?”.
Hubert Bösch – tra l’altro co-fondatore assieme a sua moglie Lucilla Satanassi, dell’azienda Remedia – ci ricorda che i  nostri antenati conoscevano bene queste cose, considerando che  erano importanti per la loro stessa sopravvivenza.
Essendo lui una persona a stretto contatto con la natura, anche per motivi professionali, tutte queste cose sono pezzi di vita vissuta quotidianamente e di conoscenze famigliari.
Il libro di Wohlleben parla proprio di questo e da qui si spiega la passione di Hubert verso queste pagine dalla cui lettura si può scoprire, tanto per fare un esempio, perché gli alberi si colorano in autunno e come fanno a pompare la linfa fino a decine di metri di altezza, apparentemente contro ogni principio fisico. Si capisce perché le piante comunicano tra di loro e in che modo lo fanno.
“La curiosità è il primo passo per scoprire cose sconosciute – afferma Hubert – e ci  mantiene giovani. Se a questa aggiungiamo la voglia e la capacità di osservare siamo pronti per iniziare il fantastico viaggio nei segreti della Natura, che permette di scoprire una infinità di avvenimenti, sorprese, miracoli e di scorgere la sua grande bellezza”.

Quale migliore invito allora a spezzare il tran-tran (magari un po’ grigio) della quotidianità urbana e uscire (complice la primavera) dalle case, dalle città e imparare a guardare, sentire i suoni e gli odori, toccare con le mani, e vivere la Natura. È un viaggio che ci  riporta  a  noi  stessi,  a  conoscerci  meglio,  visto  che  siamo  parte integrante della Natura.
Lo stesso “invito” lo si può trovare anche in un’altra opera di Peter Wohlleben, questa volta sotto-forma di video, La vita segreta degli alberi (Macro Video). Un video (disponibile anche on demand) che si rifà al libro omonimo e che vede protagonista Wohlleben durante un suo seminario presso la Fattoria dell’Autosufficienza sulle colline cesenati. A lui, in questa particolare occasione, si affianca (solo per la versione on demand) Michele Giovagnoli che parla di alchimia selvatica.

Guarda il trailer del video “La vita segreta degli alberi”

Annunci

Da casa a ecovillaggio – un progetto per Zuccaro, Valsesia

di Francesca Farina

È dal concetto di co-housing che ho iniziato a pormi delle domande su come più individui potessero vivere insieme, condividendo spazi e beni; un’idea difficile per una società individualistica come la nostra. Il co-housing è un’evoluzione del vivere comunitario, strutturato in spazi condivisi e altri privati, per ottimizzare l’utilizzo di fonti di energia, dei beni di consumo e dell’organizzazione del tempo libero attraverso la suddivisione delle mansioni all’interno dell’abitazione. Questo è stato il punto di partenza che mi ha portato a conoscere la realtà degli ecovillaggi, dove alla base del vivere assieme in più persone di nuclei familiari diversi, si unisce uno stile di vita ecosostenibile, in sintonia con la natura, facendo della terra (nella maggior parte dei casi) la principale fonte di sostentamento. L’idea di uno stile di vita ecosostenibile ed immerso nella natura è per me un punto fondamentale, che nasce anche dal periodo storico che stiamo vivendo, dove finalmente inizia ad esserci una sensibilizzazione forte verso il benessere del pianeta e dopo tanto deterioramento iniziamo a porci domande sullo sfruttamento delle risorse e sull’inquinamento. Si fa più reale il bisogno di tornare alla natura e il vivere frenetico delle grandi città e degli ambienti di lavoro troppo stressanti ci fanno riflettere e proiettare verso nuovi stili di vita più salutari.IMG_4318
Per Ecovillaggio, quindi, si intende una comunità caratterizzata da due elementi fondamentali: l’intenzionalità e l’ecosostenibilità. Anche se il termine pone l’accento sull’aspetto ecologico, esso vuole promuovere una sostenibilità a 360°, ovvero l’attitudine di un gruppo umano a soddisfare i propri bisogni migliorando allo stesso tempo le prospettive delle generazioni future. È qualcosa di più di una semplice condivisione degli spazi: si tratta di sperimentare concretamente, nel quotidiano, uno stile di vita in armonia con la natura, basato sui valori di solidarietà, partecipazione, ecosostenibilità e sobrietà.
Non è stato facile riuscire ad organizzare visite agli ecovillaggi, alcuni sono stati più disponibili ed altri meno. Alla fine ne ho visitati due, dei quali i residenti, molto gentili, mi hanno raccontato la loro storia.

È così che è nato il mio progetto di laurea:  DA SEMPLICE CASA UNIFAMILIARE AD ECOVILLAGGIO.
Ne ho riprogettato gli spazi, partendo da uno schema basato sulle nuove necessità  dell’abitazione: quante persone ospitare, le funzioni interne, gli ambienti di lavoro e quelli di svago o relax.
Ho deciso che la progettazione di un ecovilaggio sarebbe diventato il mio argomento di tesi nel momento in cui, oltre al mio personale interesse, si è presentata l’occasione di una vera struttura a disposizione, data dal desiderio di un amico di riutilizzare la vecchia abitazione di famiglia.
IMG_4259A rafforzare il progetto è indubbiamente la sua futura collocazione: ci troviamo a Zuccaro, un piccolo paese sito in Valsesia, a pochi chilometri dal Lago d’Orta. Una zona ancora piuttosto chiusa nelle proprie tradizioni, con una media di abitanti di età adulta ed una bassa percentuale di giovani che tendono sempre più a vivere nuove esperienze lontano dalla valle. Questo fattore diventa un grande punto di motivazione per la realizzazione di questo progetto: a mio avviso porterebbe indubbiamente una ventata di freschezza e di nuove possibilità per i giovani, come la rete lavorativa per la vendita dei prodotti o l’organizzazione di attività e corsi per un pubblico esterno; la curiosità porterebbe ad un incremento del turismo incanalato in maniera ecosostenibile e quindi a una frequentazione delle zone circostanti, con un conseguente maggior afflusso alle attività presenti nelle zone limitrofe.
Insomma, spero che la mia idea possa portare, oltre a tutto ciò, anche alla valorizzazione del territorio nel quale sono nata e in cui ancora attualmente vivo: la vallata valsesiana.

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Aprile 2017, sezione Speciale Bioedilizia

Il bello delle donne in viaggio

a cura di Equotube e Viaggi Responsabili

Viaggiano e creano viaggi: le donne sono protagoniste a tutto tondo del mondo del turismo, il cui ruolo è stato spesso reso secondario da una cultura prevalentemente “al maschile”. Oggi le donne tornano al centro dell’attenzione, per diventare una figura centrale. Viaggiano, ricevono ospiti, creano itinerari: dalle donne per le donne, uno sguardo “al femminile” per una sfumatura di rosa in mezzo a tutto quello che è il mondo dei viaggi.

Formano piccole realtà di artigianato, ospitalità, enogastronomia, in rete tra loro in una “filiera virtuosa”, che valorizzino la cultura locale, che seguano regole etiche, sociali, economiche attente al genere ed al turismo responsabile. Le donne hanno grandi capacità e competenza per creare, commercializzare, promuovere, gestire lo sviluppo del turismo. La valorizzazione delle potenzialità femminili porta un vantaggio allo sviluppo della società e dell’economia locale e globale, per uomini e donne, in tutti i settori, compreso il turismo. Se quest’ambito vi incuriosisce, potete approfondire sul sito di GRT, Gender Responsible Tourism, una Rete tra donne del nord e del sud del mondo, fondata da Iaia Pedemonte, dove si parla di turismo sostenibile, etica e lotta alla povertà con il sostegno allo sviluppo di genere.

E per viaggiare al femminile? Ecco due idee che abbiamo selezionato per voi, che potrete trovare anche sul portale dedicato ai lettori di Vivere Sostenibile.

Ecuador 02

Ecuador – Cooperazione rosa

Le donne che lavorano con la Fondazione Maquita (o con associazioni connesse ad essa) sono quasi 9.000. Circa 512 sono occupate nel turismo, 7.000 nella produzione di cacao, 350 nell’artigianato, 509 in agricoltura, 806 nei prodotti andini. La ricezione alberghiera occupa 350 donne in 20 organizzazioni sparse in 4 province. Sono le donne la vera risorsa sociale. Sono loro che crescono i figli, studiano per migliorare il loro futuro, lavorano per far crescere la comunità. Donne abituate a lavorare da sole, a coltivare il loro campo, ad andare al mercato; mani pazienti che seguono il lavoro agricolo o producono tessuti di straordinaria bellezza. Donne che però hanno anche bisogno di stare in gruppo, legare tra loro, rassicurarsi, scambiarsi le conoscenze e le diverse competenze. Pensato e organizzato con la Fondazione, che da anni lavora in Ecuador impegnandosi nel promuovere la cultura della sostenibilità, la commercializzazione equa e il turismo responsabile, il programma di viaggio nelle terre della Mitad du Mundo saprà coinvolgervi dall’inizio alla fine. Avrete modo di visitare tutti e tre i primi progetti di turismo comunitario iniziati dalla fondazione situati rispettivamente sulle Ande, nella foresta Amazzonica e sulla verdeggiante costa oceanica. Visiterete le Salinas di Bolivar, un esempio di comunità dedita ai principi della sostenibilità e della responsabilità, con le sue microimprese di carattere locale femminile, dove vi renderete conto che nulla è impossibile da realizzare se davvero lo si desidera.  Conoscerete con calma Quito, la capitale dell’Ecuador, patrimonio dell’umanità dell’Unesco e Guayaquil, città di porto, di mare, confusa e affascinante.

Maasai (1)

Kenya – Le donne Maasai

Ci spostiamo in Africa, nel cuore del Kenya, nel piccolo villaggio di Merrueshi, dove le donne sono molto importanti, come racconta Simayiai, fondatrice dell’associazione che gestisce il villaggio di manyatta ai piedi del Kilimangiaro destinato ai viaggiatori. È stata la prima ragazza del villaggio a terminare gli studi, poi con altri giovani del villaggio ha costruito un pozzo, una scuola, un dispensario… ed ora chi arriva al villaggio può assaggiare le bontà della loro cucina, scoprire la loro musica, l’artigianato, l’allevamento, le erbe e i segreti delle leggende che si raccontano davanti al fuoco la sera. Le donne partecipano alla gestione e alle attività. Sono loro che hanno costruito le manyatta in modo tradizionale con legno, erba, fango e pietra. La sala da pranzo è situata nel centro del villaggio, in uno spazio aperto con vista sul bush. Sono una serie di progetti, volti al miglioramento delle condizioni di vita, in collaborazione con il nostro tour operator, per restituire più dignità alle donne Maasai. Il cuore del viaggio è proprio nelle manyatta, per tutti quei visitatori che desiderano sostenere il sistema turistico culturale ed ecologico della comunità. È un progetto di valorizzazione del territorio e di viaggi responsabili, per il mantenimento dei progetti di sviluppo realizzati, che rispecchia l’amore che i Maasai hanno per l’ambiente in cui vivono, e rappresenta il riappropriarsi delle popolazioni rurali dei valori primordiali e della la gestione del proprio territorio, in modo etico e responsabile. Per far sì che per il viaggiatore sia un’esperienza indimenticabile e per la popolazione locale una possibilità di futuro, senza dimenticare la propria provenienza e le proprie origini.

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Aprile 2017, sezione Turismo Sostenibile

TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO? HAI VOGLIA DI VIAGGIARE ANCHE TU?
DATO CHE SEI UN NOSTRO LETTORE, PUOI USARE GLI SCONTI SPECIALI SUL TUO VIAGGIO CON EQUOTUBE E VIAGGI RESPONSABILI!

Basta dormire: apri gli occhi e guarda!

di Giovanni Fanchini, 17 anni

“Tutte le nostre preoccupazioni, tutte le nostre attività, tutti gli avvenimenti vengono visti attraverso il prisma dell’economico.” S.Latouche

team-386673_960_720
Dal dizionario. Società: Insieme di individui uniti da rapporti di varia natura, in cui si instaurano forme di cooperazione, collaborazione, divisione dei compiti, organizzato sulla base di un sistema più o meno strutturato di rapporti naturali, economici, culturali e politici.
Non sono un sociologo, ma basta uno studente per capire che la nostra società non rispetta questi principi, e che forse non ne è mai esistita una basata su tali concetti.
Non potremo definire “società” la realtà in cui viviamo, fintanto che ognuno di noi rimane egoista, e lo è chiunque pensi al proprio “star bene” immediato, mentre i posteri troveranno un mondo senza opportunità, rovinato e distrutto. Questo è ciò che fate voi, giovani di una volta, consumatori irresponsabili e insaziabili di ricchezze. Con le vostre comodità superflue ci state sottraendo la possibilità di una vita degna, nel progresso, creando un mondo destinato a ricominciare da zero.

I nativi americani erano soliti dire “La terra che ora coltivate non vi appartiene, essa è dei vostri figli”.
Ma voi, che avete vissuto la ripresa sociale ed economica, quale futuro state lasciando adesso a noi, vostri figli?
Sempre più articoli, libri, film, canzoni e persone parlano della necessità di un cambiamento: è giunto il momento di trasformare queste parole in fatti.
Latouche in Come si esce dalla società dei consumi suggerisce di abbandonare l’attuale stile di vita e di società: “Non si tratta di sostituire una Buona economia con una Cattiva economia, una Buona crescita o un Buon sviluppo con un Cattivo sviluppo. Si tratta di uscire dall’economia.”
Nel suo scritto Il progetto locale l’ecologista anarchico B. Murray ci insegna: “Non è affatto assurdo pensare che una società ecologica possa essere costituita da una municipalità composta di piccole municipalità, ciascuna delle quali formata da una “comune di comuni” più piccole […] in perfetta armonia con il loro ecosistema.” Sviluppando il suo pensiero, immagino che tante piccole comunità, realtà indipendenti, libere dal petrolio e da una agricoltura industriale distruttiva, dall’informazione asservita e dal desiderio di controllo della natura, possano rappresentare un futuro concreto e sostenibile. Comunità in rapporto di sinergia, in una rete di scambio, cooperazione, condivisione di valori, beni e servizi, sarebbero piccoli modelli autosufficienti per il cibo, l’istruzione, l’educazione, l’economia, la politica, il consumo di beni primari, l’energia e il lavoro.

Quella che avete costruito, è una società di tanti piccoli robot uguali, privi di pensiero proprio, senza aspettative di un futuro migliore. L’industria ha uniformato tutto, creando uno schema uguale per ogni prodotto, bene, persona e alimento.
Una vita sostenibile deve prescindere dal profitto. Le fondamenta di una buona società non possono che essere un’agricoltura ed un’alimentazione sostenibili.
Ci troviamo di fronte a un bivio. Continuare a vivere ignorando il problema fino al collasso, ritrovandoci in un’epoca di devastanti guerre, lotte per le risorse idriche ed energetiche, che combatteremo noi giovani e che, come lo stesso Einstein sosteneva “Non so come si combatterà la terza guerra mondiale, ma la quarta con pietre e bastoni”. Oppure la via della conoscenza e dell’informazione, del consumo critico, della presa di potere per uscire gradualmente dalla società, liberandosi dal conformismo globale che ci circonda.
L’evoluzione e il cambiamento proseguono, ma sta ad ognuno di noi guidarli nella giusta direzione!

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Aprile 2017, sezione Scelte Ecosostenibili

Canapa alpina

di Simona Brini, Presidente Canapa Alpina

elementi

La canapa ha rappresentato sin dall’antichità una risorsa importante nella storia dell’economia italiana e delle valli del VCO, dove veniva utilizzata per la produzione di tessuti e cordame. Ancora oggi anziane signore ricordano il lavoro di raccolta, macerazione e filatura sino ad arrivare alla tessitura con i grandi telai.
A partire dal secondo dopoguerra la produzione di questa robusta fibra vegetale è stata progressivamente abbandonata in tutta Italia a causa delle trasformazioni socioeconomiche e, soprattutto, dei limiti normativi imposti dallo stato. Oggi a livello europeo, grazie alla disponibilità di sementi selezionate e certificate, si assiste al crescente interesse per la sua reintroduzione e anche in Italia sono già molte le esperienze in atto, dal settore alimentare a quello tessile, passando per quelli più innovativi (bioplastiche, nutraceutica e cosmetica).
L’introduzione della canapa nei materiali da costruzione è uno degli utilizzi più recenti di questa pianta: canapulo (cioè la parte legnosa che si ricava dalla lavorazione del fusto) e scarti di fibra vengono miscelati in percentuali variabili ad un legante, che può essere calce o argilla, per la produzione di diversi elementi costruttivi: mattoni, isolanti, riempimenti.
Il canapulo, miscelato con la calce o l’argilla oppure usato in combinazione con la fibra, offre la base per realizzare materiali da costruzione (avendo il pregio di essere più leggero del calcestruzzo); sempre con la calce, trova impiego nei pannelli per costruzioni o per scopi isolanti, come negli intonaci o nei cappotti.
Il canapulo, detto anche “legno di canapa”, ha un potere di assorbimento dei liquidi circa 12 volte superiore alla paglia e 3,5 volte superiore al truciolo di legno e pari a 5 volte il suo peso. Mescolato con acqua e calce, il canapulo (essendo molto ricco di silice) subisce un processo di “carbonizzazione” nel quale il legno viene mineralizzato (e ciò lo rende simile alla pietra).

canaLa fibra di canapa, semimacerata in campo e più o meno pulita dal canapulo, viene impiegata per la produzione di pannelli isolanti e fonoassorbenti. Esistono pregevoli produzioni italiane di pannelli in fibra di canapa, detta anche “lana di canapa”, e il prezzo dei pannelli in lana di canapa è una via di mezzo tra quello dei pannelli di lana di vetro e quello dei pannelli di sughero.
Le doti della canapa si apprezzano anche per la realizzazione di abitazioni antisismiche.
Un esempio di utilizzo della canapa in edilizia si ha in Emilia-Romagna, con la ricostruzione post terremoto 2012: si tratta di una struttura portante in legno, materiale eccellente nel caso di sisma perché si deforma ma non crolla e prima di collassare ha un’elasticità molto elevata; la canapa e la calce diventano un tutt’uno con questa struttura e sono anch’essi abbastanza elastici, quindi rappresentano una scelta molto valida. La conferma ci è arrivata dalla prima casa di canapa realizzata in Italia, costruita nel 2009 a San Giovanni Persiceto (BO). Si tratta di uno dei comuni colpiti dal sisma e che ha riportato diversi danni: la casa invece si è mantenuta perfettamente integra.

canapaFra tutti i materiali naturali, la canapa è uno tra quelli che offre i risultati migliori: questa pianta, infatti, è di semplice coltivazione, poiché ha una rapida crescita, un basso consumo di acqua e rarissimi attacchi parassitari; una volta lavorato è ottimo per sostituire legno ed inerti per la composizione di vari materiali, poiché è refrattario a muffe ed insetti, ottimo contro gli incendi, leggero e ricco di silice. Ma soprattutto, la canapa è un materiale che sintetizza il carbonio e riduce le emissioni di CO2 nell’atmosfera; quindi rende gli ambienti in cui è applicata più salubri ed abbatte le emissioni inquinanti del processo edilizio. Anche l’aspetto dello smaltimento è importante: un mattone composto da canapa non va nei rifiuti speciali ma può essere riutilizzato o assimilato senza impatto sull’ambiente.
Dal punto di vista del risparmio energetico, la coibentazione è il campo di impiego dalla canapa più diffuso in edilizia: risulta infatti importante ridurre le emissioni di gas serra in atmosfera causate dal consumo di energia fossile per il riscaldamento o raffreddamento degli appartamenti e la canapa da questo punto di vista assicura molti vantaggi di carattere ambientale, ma anche etico, sociale ed economico.
L’Associazione Canapa Alpina ha l’obiettivo di reintrodurre la coltivazione della canapa nei territori del Verbano Cusio Ossola e di valorizzare questo prodotto, a partire dalla storia che lo accompagna, per generare attorno ad esso una vera e propria filiera locale, con particolare attenzione all’aspetto sociale e ambientale; oltre all’utilizzo dei semi nel settore alimentare, con la produzione di pane, tisane e birra, e della fibra nelle lavorazioni tessili, il canapulo, sarà oggetto di sperimentazioni nella bioedilizia grazie all’Associazione Canova nel villaggio laboratorio di Ghesc, a Montecrestese.
La stagione 2017 vedrà proseguire il progetto con l’obiettivo di avviare una filiera locale della canapa: stiamo raccogliendo le adesioni per chi vuole sperimentare la coltivazione nella stagione 2017 che, come lo scorso anno, coinvolgerà anche l’alto novarese e la vicina Valsesia.

Per informazioni e contatti:
Simona Brini – Presidente Canapa Alpina
Email:   canapa.alpina@gmail.com
Facebook:  @canapalpina

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Aprile 2017, sezione Speciale Bioedilizia

Olio di palma: il prezzo nascosto di una filiera insostenibile – seconda parte

di Mirko Busto, ricercatore e ingegnere ambientale

Proseguimento dell’articolo del mese di Marzo 2017

Sfruttamento del lavoro
Diverse sono state le denunce internazionali legate all’impiego di lavoro forzato nelle piantagioni di olio di palma: impiego di lavoro minorile, manovalanza a basso costo e assenza di misure di sicurezza per la prevenzione degli infortuni sul lavoro, povere condizioni di vita per i lavoratori, alloggi di fortuna, violazione dei diritti umani da anni in questi luoghi sono all’ordine del giorno. Tra le tante denunce vi è quella del Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti e quella più recente di Amnesty International, che nel rapporto intitolato “Il grande scandalo dell’olio di palma: violazioni dei diritti umani dietro i marchi più noti”, ha accusato i principali marchi mondiali di cibo e prodotti domestici di vendere alimenti, cosmetici e altri beni di uso quotidiano contenenti olio di palma ottenuto attraverso gravi violazioni dei diritti umani e sfruttamento dei bambini.

palm-1464654_1920

Impatti sanitari
Da sempre più organismi autorevoli arrivano dati che inchiodano l’olio di palma anche sotto il profilo sanitario. Basti pensare all’allarme lanciato dall’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (Efsa) che, valutando i rischi per la salute pubblica derivanti dalle sostanze glicidil esteri degli acidi grassi (GE), 3-monocloropropandiolo (3-MCPD), e 2-monocloropropandiolo (2-MCPD), ha messo in guardia i consumatori sulla presenza di questi contaminanti alimentari tossici nell’olio di palma (contenuti dalle 6 alle 10 volte di più che negli altri oli vegetali). Allarme confermato anche dallo Jecfa, il comitato congiunto Fao/Oms sugli additivi alimentari, che nel mese di novembre, durante la sua 83° sessione tenutasi a Roma, ha ribadito che i GE sono sostanze genotossiche e cancerogene, per cui non è possibile stabilire un livello di assunzione tollerabile. Numerosi altri studi confermano che il consumo abituale di olio di palma tende ad aumentare in modo significativo la concentrazione di grassi nel sangue, dal colesterolo ai trigliceridi, innalzando l’indice di mortalità per patologie cardiovascolari. Tra questi gli studi dell’Oms che ha attribuito alla concentrazione molto alta di acido palmitico, circa il 44%, effetti aterogeni ed ipercolesterolemizzanti che aumentano il rischio cardiovascolare. Allo stesso modo, il Center for Science in the Public Interest (CSPI) ha confermato che l’olio di palma aumenta i fattori di rischio cardiovascolare, poiché l’acido palmitico è uno dei grassi saturi che più aumenta il rischio di coronaropatie. Anche l’American Heart Association conferma che l’olio di palma è tra i grassi saturi di cui si consiglia maggiormente di limitarne l’uso per le persone che devono ridurre il livello di colesterolo.

Biocombustibili
Ma non di soli alimenti si parla. La questione olio di palma riguarda anche i combustibili, o meglio: i biocombustibili, che di bio però hanno ben poco. Un recente studio della ong Transport & Environment, ha sottolineato che l’utilizzo dell’olio di palma per la produzione di combustibili definiti ecologici (46%) ha superato quello relativo all’industria alimentare (45%) ed è in continua crescita. In questa classifica, l’Italia si posiziona al primo posto in Europa. Un triste primato visto che – rispetto all’uso alimentare o cosmetico – la produzione di biodiesel necessita di quantitativi addirittura maggiori di questa materia prima, con conseguenze ben più devastanti per l’ambiente e il nostro pianeta.

Alternative
È stato calcolato che, entro il 2020, il mercato di questo prodotto sarà pari a 84 milioni di tonnellate e rappresenterà il 45% del mercato globale degli oli vegetali. Questa domanda si scontra con la scarsità di terra e con gli effetti devastanti di questa produzione. Per fortuna, mentre c’è chi si ostina a distruggere gli ultimi polmoni verdi del pianeta come se la cosa non ci riguardasse, c’è anche chi cerca e trova nuove strade per sostituire l’olio di palma con sostanze più sostenibili. Tra queste ci sono tante aziende italiane che in questi anni, alla luce di questi fatti, hanno intrapreso un cammino diverso, rispettoso del pianeta e dei consumatori, senza per questo perdere guadagni o competitività. Darwin diceva: “Non è la specie più forte a sopravvivere, e nemmeno la più intelligente. Sopravvive la specie più predisposta al cambiamento…” e adesso è il momento di cambiare.

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Aprile 2017, sezione Alimentazione Consapevole

Di cosa sono fatte le case in cui abitiamo?

di Arch. Emanuela Cacopardo – Ing. Roberta Tredici

speciale bioedilizia 2_01La casa rappresenta per molti l’investimento più importante della vita, sia che si scelga di acquistarne una nuova, sia che si decida di ristrutturarla. Tuttavia spesso, nelle fasi decisionali che precedono l’attuazione delle scelte, ci fermiamo a fare valutazioni di carattere estetico e funzionale, senza considerare l’aspetto più importante, per il nostro benessere futuro, che riguarda il modo in cui questa è costruita. Negli ultimi anni si sta spostando sempre di più l’attenzione sull’utilizzo di materiali naturali in edilizia, perché proprio grazie a questi è possibile ottenere case sane in cui vivere bene.

Capiamo meglio come: in molte delle case che conosciamo si riscontrano spesso problemi di umidità, formazione di condensa sulle pareti e i vetri, presenza di muffe, intonaci rigonfi, freddo in inverno e caldo in estate. A volte, dopo una lunga permanenza all’interno di un edificio, può capitare di avvertire mal di testa, irritazione agli occhi, al naso o alla gola. Questo accade perché i materiali utilizzati nell’edilizia convenzionale (mattoni, calcestruzzo additivato, cemento, vernici a base di solventi, polistirene) non sono traspiranti, sovente emettono sostanze nocive, non sono efficaci per quanto riguarda l’isolamento, in particolare dal caldo estivo. Da tutto ciò deriva scarsa circolazione e inquinamento dell’aria che respiriamo in casa, oltre a disagio per temperature o umidità inadeguate. Al contrario i materiali naturali, come ad esempio intonaci in calce o argilla, pitture a base di acqua, cappotti isolanti in cannicciato palustre o fibra di legno, muri in calce e canapa o paglia, sono traspiranti, non rilasciano sostanze nocive, sono regolatori di umidità, sono ottimi isolanti sia in inverno sia in estate (grazie alla loro notevole massa). Se correttamente usati ci consentono di avere abitazioni con aria pulita e temperature e umidità confortevoli, offrendoci ambienti fisicamente sostenibili e sani.

shutters-669296_1920

La sostenibilità è inoltre ambientale, poiché questi materiali consumano poca energia durante tutto il loro ciclo di vita (molti sono prodotti di scarto derivati da altre lavorazioni). Di conseguenza sono anche sostenibili economicamente (diffidiamo di chi ci propone una bioedilizia eccessivamente costosa). La sostenibilità economica riguarda infine la gestione futura, poichè case costruite con questi sistemi non necessitano di impianti troppo potenti per mantenere temperature accettabili. In generale, soprattutto per quanto detto in premessa, è sempre importante informarsi sui materiali o prodotti che ci vengono proposti e che intendiamo usare nella nostra casa. Abituiamoci a pensare all’involucro delle nostre abitazioni come a una terza pelle o a un abito che indossiamo per gran parte del nostro tempo, ricordandoci che una casa sana è una casa che garantisce il benessere delle persone che la abitano e allo stesso tempo rispetta l’ambiente che ci circonda.

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Aprile 2017, sezione Speciale Bioedilizia

Speciale Bioedilizia

Ecco i protagonisti dello Speciale di questo mese sulla Bioedilizia: aziende che si impegnano ogni giorno per promuovere e informare sull’utilizzo di materiali edili ecosostenibili, che impattano meno e che ci facciano bene.

Sulla rivista trovate gli articoli completi, intanto qui di seguito potrete conoscerli meglio:

Giusta Energia

giustaenergiaIsolamento dei muri esterni tramite insufflaggio: un ottimo sistema per coibentare casa con costi contenuti, usufruendo anche delle detrazioni fiscali.
Nei muri esterni delle abitazioni costruite tra la fine degli anni ‘50 e l’inizio degli anni ‘80 è spesso presente un’intercapedine. Grazie all’insufflaggio questo spazio morto diventa una risorsa da sfruttare per la coibentazione, senza modificare lo spessore del muro e con costi e tempi di realizzazione di gran lunga inferiori rispetto al cappotto termico, tanto da rendere questo intervento il miglior investimento in termini di rapporto spesa/benefici. Tra gli isolanti più versatili e sostenibili utilizzati ci sono la fibra di cellulosa e la lana di vetro, entrambi realizzati partendo da materia prima riciclata (carta o vetro) e a loro volta riciclabili. Per questo l’intervento è sostenibile anche in termini ecologici. […]
Il materiale isolante viene insufflato mediante apposito tubo attraverso diversi fori praticati nel muro, dall’esterno o dall’interno in base alla tipologia di edificio. La distribuzione dei fori varia a seconda del tipo di parete per garantire il corretto raggiungimento dell’intera intercapedine. Terminato il riempimento i fori vengono sigillati e l’intervento è concluso. Un appartamento di normali dimensioni viene realizzato, di norma, in una sola giornata ed è possibile raggiungere anche i piani alti dei condomini. È possibile utilizzare questa tecnica anche per coibentare efficacemente solai di difficile accesso o con fondo irregolare, ottenendo eccellenti risultati grazie all’elevato spessore posabile senza difficoltà.
[…]
Per tutte le info:
(+39) 340 82 55 872
www.giustaenergia.it – info@giustaenergia.it

Valenti Costruzioni Edili

foto2copiaLa bioedilizia è quella parte dell’architettura particolarmente sensibile e attenta all’ambiente, che si impegna nell’utilizzo di materiali da costruzione che puntano ad un maggior risparmio energetico e abbassano notevolmente i valori di inquinamento interno ed esterno. La bioarchitettura ha l’obiettivo di instaurare un rapporto di equilibrio tra l’ambiente e il costruito. Valenti Costruzioni Edili, in questo contesto, adotta principi etici di rispetto per l’ambiente ed eco sostenibilità, concretizzandoli nel recupero e nel reimpiego dei materiali. […]
Recenti studi e prove strutturali, si sono occupati anche delle travi massicce e in particolar modo delle travi “Uso Fiume”, studiandone i comportamenti e le intrinseche potenzialità. Tali travature, che possono essere in legno di abete, larice, rovere o castagno, subiscono una lavorazione che mantiene intatta la maggior parte delle fibre legnose, conservando inalterate le caratteristiche di resistenza ed elasticità della trave.
Sono usate per realizzare coperture, capriate e solai con un tocco più raffinato in costruzioni nuove e per integrare situazioni strutturali preesistenti in un progetto di restauro soprattutto nei paesi europei del bacino mediterraneo.
Grazie alla sua straordinaria struttura cellulare, il legno ha un potere isolante 15 volte maggiore del cemento, 400 volte maggiore dell’acciaio e 1.770 volte maggiore dell’alluminio. Possiede proprietà benefiche per l’aspetto psico-fisico umano e la porosità del materiale funge da regolatore naturale dell’umidità negli ambienti, inoltre la sua natura risponde ottimamente ai problemi di isolamento termico ed acustico. Nel nuovo si prestano molto bene per creare ambientazioni con un gusto più attuale combinando accostamenti cromatici, elementi architettonici tradizionali e forme nuove e stimolanti.

Via Repubblica, 16 –  Omegna (VB)
Tel. +39 328 9515328
www.valenticostruzioni.com

Cooperativa Edilcasa

DSCN4828Una casa a misura d’uomo e dell’ambiente: il progetto Rivitabitare della Cooperativa Edilcasa, ovvero, migliorare il benessere e la qualità della propria vita, guardando all’impronta ecologica della propria abitazione e del proprio stile di vita.
Da oltre quindici anni la Cooperativa Edilcasa di Biella opera nel settore della bioedilizia, realizzando interventi di ristrutturazione, riqualificazione energetica e restauro di costruzioni già esistenti, migliorandone il rendimento energetico e l’impatto ambientale, lavorando a favore della rigenerazione del patrimonio di beni immobili del territorio. Ha realizzato nuovi edifici, sopraelevazioni e ampliamenti con struttura di legno, costruiti con coscienza ecologica e con utilizzo di energie rinnovabili, ottenendo le prestigiose certificazioni CasaClima.
[…] Precisa Andrea Mondin, Amministratore della Cooperativa, “Accompagniamo il cliente nella ricerca, nella progettazione e nella valorizzazione dell’immobile, partendo da un ascolto attivo delle esigenze, da una puntuale definizione degli obiettivi, da un’informazione sulla gestione sostenibile della casa e sui vantaggi di nuovi stili abitativi. Impresa, progettisti e cliente lavorano insieme alla determinazione del budget, adottando un contratto trasparente, nel quale vengono fissati gli interventi che garantiscono il rispetto della natura del bene, gli accordi presi, la direzione scelta, le economie a disposizione”.
Il progetto Rivitabitare si fonda su un approccio progettuale olistico e multidisciplinare e su un impegno etico, culturale e tecnico elevato, ispirati dai valori della Permacultura: cura della persona, cura della terra e uso equilibrato delle risorse naturali per non compromettere le possibilità di sviluppo delle generazioni future.

Info su www.rivitabitare.orgwww.edilcasabiella.it
info@edilcasabiella.it
comunicazione@rivitabitare.it
tel. 015.403399

 

L’Italia con gli occhi delle donne

a cura di Equotube e Viaggi Responsabili

In questo numero vi proponiamo un percorso all’insegna delle donne nelle realtà che EquoTube promuove.
EquoTube è sempre stata attenta ad accogliere nel proprio circuito di proposte, quelle nate da storie di coraggio e passione, unite alla sensibilità tipica del mondo femminile. Da questa amalgama nascono realtà perfette in campo turistico: il territorio viene raccontato con delicatezza, profondità, sincerità e con un’attenzione ai particolari, che permette ai viaggiatori di immergersi completamente in un’esperienza unica ed indimenticabile. Le storie sono molte e arrivano da tutte le regioni, spesso da quelle più difficili: iniziamo a raccontare un’Italia che sta crescendo sempre di più, nonostante le difficoltà.

festa_della_mamma2

Partiamo dalla Calabria, terra bellissima ma terra difficile, dove incontriamo Annalisa, che ha avuto il coraggio e continua ad essere in prima linea nel contrasto alla criminalità organizzata, proponendo un modello di sviluppo sano, basato su percorsi di legalità, coesione sociale e coraggiose forme di economia civile.

alanterna

‘A Lanterna è un’azienda agricola biologica che fa parte del gruppo cooperativo Goel, che aggrega aziende agricole del territorio che si oppongono alla ‘ndrangheta, ma non solo: Annalisa accoglie anche molti viaggiatori, offrendo ospitalità agrituristica e ristorazione genuina di qualità. Si trova a Monasterace, nella Locride,  e nonostante le frequenti intimidazioni, continua a far conoscere una Calabria che non ti aspetti: mare incontaminato, montagne selvagge, storia, cultura, arte, ma soprattutto persone vere.

zoe_4Ora attraversiamo il suggestivo Aspromonte, lasciando il mar Ionio per abbracciare il Tirreno, giungiamo a Limbadi, in provincia di Vibo Valentia dove incontriamo Caterina, che ha preso in mano l’azienda agricola di famiglia, Le Terre di Zoè, scegliendo la propria terra invece di cercare soluzioni più comode: 20 ettari che donano frutti dai sapori e profumi dimenticati, rigorosamente tutto bio, con esportazioni anche oltreoceano. Non poteva mancare l’agriturismo, immerso nel verde suggestivo delle piante di clementine, kiwi, arance e olive, dove soggiornare e degustare i prodotti di questa terra. Un paradiso adatto alle famiglie dove rilassarsi, ma anche esplorare, imparare, conoscere e divertirsi. Speriamo che queste due piccole grandi storie vi abbiano fatto riflettere ed emozionare un po’: a noi sì, non abbiamo esitato ad accogliere Annalisa e Caterina tra tutte le nostre storie.

Seguiteci nei prossimi numeri, continueremo il nostro viaggio dove le protagoniste sono le donne.

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Aprile 2017, sezione Turismo Sostenibile

TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO? HAI VOGLIA DI VIAGGIARE ANCHE TU?
DATO CHE SEI UN NOSTRO LETTORE, ECCO PER TE GLI SCONTI SPECIALI DA APPLICARE AL TUO VIAGGIO CON EQUOTUBE E VIAGGI RESPONSABILI!

Giro del mondo in bici – intervista a Enrico Gremmo

di Olimpia Medici

Un desiderio innato di partire. È così che Enrico Gremmo spiega la sua scelta di vita lontana dagli schemi che lo ha portato a viaggiare per il mondo in bicicletta. A fine marzo dopo una pausa a Biella, la sua città, ripartirà da Vancouver per affrontare l’ultimo tratto del giro del mondo in bici che ha iniziato nel 2010. Ha passato sei anni pedalando in Europa, Asia centrale, Giappone, Sud-Est Asiatico, Australia, Nuova Zelanda, America Latina, Centro America e Stati Uniti; nel 2017 prevede di concludere il viaggio con Alaska, Canada e New York, per poi rientrare in Europa e tornare a casa.
“Ho iniziato con i classici viaggi zaino in spalla in treno nelle città europee e con le gite a piedi partendo da casa con tenda e scarponi per scoprire cosa c’è dietro il Mucrone, la montagna di Biella. Nel 2003 un amico mi ha proposto di fare il cammino di Santiago in bici. È stata la svolta: ho scoperto l’indipendenza del viaggio, la libertà di non dipendere da un mezzo e procedere a ritmo lento e naturale, senza vedere il mondo passare da un finestrino”.

Enrico Gremmo

La bicicletta per Enrico non è solo uno sport o un mezzo di trasporto, ma apre nuove orizzonti. “In bici si attraversa il paese autentico, non ci si limita a spostarsi da un luogo turistico all’altro. Io mi porto sempre dietro la tenda che dà una libertà ancora maggiore: risparmi il costo dell’alloggio e soprattutto puoi dormire in posti meravigliosi. Segui un ritmo naturale, ti alzi la mattina e sei sotto il cielo. Per me è diventata un’esigenza, i ritmi urbani ormai mi confondono e basta.” Tra il 2007 e il 2008 Enrico compie il suo primo grande viaggio in bici: si spinge fino a Capo Nord, poi si ferma otto mesi a Edimburgo dove lavora in un ostello e torna a Biella per la via più breve, passando per… Gibilterra.
“Arrivare a Capo Nord mi ha fatto capire che basta avere pazienza e con la bici si arriva ovunque. Ho perso la paura della grandi distanze e a questo punto spingermi ancora più lontano è stato un passo naturale. E nel 2010 sono ripartito per il giro del mondo in bici, che dovrei concludere nell’autunno di quest’anno”.
Una scelta così estrema incuriosisce e in parte spaventa, ma Enrico la spiega con semplicità. “Invece di introdurmi nel mondo professionale ho deciso di vivere la vita fino in fondo e non ho rimpianti. Certo, la solitudine si fa sentire, ma non sempre è negativa. Non mi capita spesso di sentirmi solo in mezzo alla gente (la solitudine che ferisce di più), ma spesso mi sento solo in mezzo alla natura ed è una sensazione meravigliosa. Quel che a volte mi manca è poter condividere i momenti belli. Non quelli brutti, perché tanto ho un caratteraccio. Viaggiare solo, in compenso, ti dà una grande libertà, anche a livello di incontri”.
Il viaggio infatti è stato anche un’occasione per entrare in contatto con gente di ogni tipo e in particolare con gli ultimi e i dimenticati, che Enrico cerca di aiutare attraverso l’associazione “Enrico Into the World Onlus” fondata a questo scopo nel 2011. La solidarietà è diventata una componente essenziale del suo percorso e lo ha portato a impegnarsi in una serie di progetti a favore dei meno fortunati. A Enrico che ha viaggiato in tutto il mondo chiedo di parlare del suo angolo di Piemonte, il Biellese, da una prospettiva che sarà per forza locale e nello stesso tempo globale.
Io il Biellese lo vedo bellissimo, come territorio è fantastico.
Ha una natura stupenda e un grande potenziale turistico. Un biellese secondo me non dovrebbe mai lamentarsi troppo, perché se si sente giù può sempre prendere la bici o un paio di scarponi e in 10 minuti si trova in mezzo alla natura; qui lo si dà per scontato, ma per chi abita in altre città non è così. A chi ama la bici consiglio la Bessa, la Baraggia e la Serra; ci sono molti percorsi adatti alla mountain bike, tra cui una decina di itinerari ciclabili ben indicati. Però per me vivere il Biellese significa soprattutto camminare: per esempio vi consiglio il sentiero del Gorgomoro che porta verso il santuario di Oropa e parte quasi dal centro di Biella. Ma il posto più bello del mondo è il colle di Loo dove si apre questo pianoro immenso: sono spazi enormi, ti senti circondato da una natura grande e selvaggia, insolita per l’Italia, c’è quasi un sentore di Mongolia”.
Come non essere d’accordo? I Piani di Loo, dietro il rifugio Rivetti scendendo verso la valle di Gressoney, sono davvero un luogo fuori dal mondo. E la nostalgia per i grandi spazi aperti è comprensibile da parte di chi li ha conosciuti in prima persona pedalando per chilometri e chilometri.
“L’Europa in generale è piccola, vista da lontano. La natura resiste in piccoli angoli, da scovare tra un posto urbanizzato e l’altro. Per noi l’idea di percorrere 100 km senza vedere una casa è inconcepibile. In altri luoghi c’è solo la natura e una strada in mezzo al nulla. Non è un caso che i posti che mi sono rimasti più nel cuore siano la Mongolia, l’Australia, la Patagonia e gli altopiani della Bolivia”.
Ma ci sarà un posto che gli ha fatto venire voglia di fermarsi? “Tutti, dopo un po’ che li conosco. Tutti e nessuno. Casa per me è qui a Biella dove ho le mie radici, anche se ormai ho tagliato il cordone ombelicale e mi sentirei pronto a vivere dappertutto. Nel futuro mi piacerebbe accompagnare i turisti in mountain bike, magari in Patagonia o in Mongolia.” Enrico sorride tra sé. “Ma in realtà non ho ancora deciso se usare questa mia esperienza come una professione o continuare a fare il vagabondo.”

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Aprile 2017, sezione Turismo Sostenibile