L’inverno in medicina tradizionale cinese: rinforzate i reni!

di Paola Massi, operatrice tuina

In medicina cinese l’inverno rappresenta il massimo dello Yin, quindi il buio, il freddo, la lentezza e l’interiorizzarsi delle energie. L’elemento Acqua è associato all’inverno e i Reni sono l’organo collegato all’Acqua, la radice della vita. I Reni conservano la nostra energia vitale, il Jing, che è di due tipi: l’energia del Cielo Anteriore (cioè quello ereditato, che determina la nostra costituzione di base) e del Cielo Posteriore (l’energia estratta dal cibo, dalla respirazione e da pratiche meditative). Il Jing del Cielo Anteriore è un’energia che ci viene fornita all’atto del concepimento e che può essere vista come una batteria il cui consumo è strettamente collegato alle nostre scelte di vita e alimentari oltre all’inevitabile trascorrere del tempo. Questa batteria non possiamo ricaricarla, possiamo però cercare di dissipare la sua energia il meno possibile. In che modo? Nutrendoci in modo equilibrato e in accordo con le stagioni, evitando lo stress, le troppe ore lavorative, dormendo a sufficienza, evitando dannose abitudini quali l’alcool e le droghe.
Se i Reni sono forti nutriranno correttamente gli organi a loro collegati, quindi le orecchie saranno sane e non ci saranno problemi di udito, i capelli saranno folti e lucenti e non cadranno, le ossa e il midollo saranno nutriti dal Jing e saranno forti. Se l’energia dei Reni è insufficiente si potrà avvertire una debolezza nella parte inferiore del corpo, dolori alla zona lombare e alle ginocchia e la memoria e la capacità di concentrazione saranno scarsi. erotic-1539500_1920_2
La Medicina Tradizionale Cinese è realmente psicosomatica, un organo ha infatti una valenza fisica, ma anche energetica, psichica. Nel caso dei Reni, lo psichismo associato è la Volontà (Zhi). Se i Reni sono forti, la forza di volontà lo sarà altrettanto. Mancanza di forza di volontà, abulia, apatia, sono riconducibili ad una debolezza di questo organo. L’inverno è la stagione in cui è fondamentale prendersi cura dei nostri Reni che temono il freddo. In questo periodo cercheremo di evitare, più che in altri periodi dell’anno, cibi tropicali e cibi freddi. Attenzione anche al crudo (anch’esso raffreddante): non esageriamo e bilanciamolo sempre. Integriamo l’alimentazione con legumi, in particolare i fagioli neri, cereali integrali in chicco, verdure di stagione soprattutto quelle a foglia verde scuro, zucca, radici, zuppe calde, noci, castagne, melograni, cannella, chiodi di garofano, sesamo nero e utilizziamo il sale marino non raffinato che in quantità moderate tonifica questo organo.wood-1350173_1920
Ricordiamoci che i Reni sono associati all’elemento Acqua e che per funzionare correttamente hanno bisogno di liquidi (Yin). Idratarsi correttamente è quindi indispensabile: bevete almeno un litro e mezzo di acqua naturale ogni giorno a temperatura ambiente o meglio calda.
In natura tutto si interiorizza, le piante si spogliano e sembrano morte, ma in realtà la linfa si raccoglie all’interno per accumulare l’energia che verrà liberata successivamente. Seguiamo quindi i ritmi della natura: l’essere umano non va in letargo, ma è comunque vero che in inverno dovremmo dormire più a lungo, poiché il sonno serve per ricaricarci. Pratichiamo discipline come Tai Chi o Qi Gong, tecniche tradizionali cinesi concepite per riequilibrare e conservare le nostre energie.
Rallentiamo i nostri ritmi di vita rivolgendo l’attenzione all’interno di noi stessi per essere pronti a sbocciare in primavera!

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte edizione Dicembre+Gennaio, sezione Benessere Corpo e Mente

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...