SEMPLICEMENTE ASCOLTA IL TUO RESPIRO

di Chiara Sacco

Hai mai pensato a quale sia la funzione principale del nostro corpo? Se mettessimo le funzioni del nostro corpo in un’ipotetica piramide quale ne costituirebbe la base?

Ti do un piccolo aiuto… Appoggia il giornale, metti la mano destra sulla Pancia e la sinistra sul cuore, chiudi gli occhi e ascolta il tuo corpo che… RESPIRA.

Il respiro è la base della nostra bella piramide. Il respiro è il motore della nostra vita ma ne è anche la sinfonia. Il giorno in cui nasciamo compiamo il nostro primo respiro e con questo respiro troviamo la nostra individualità, facciamo il nostro primo passo lungo il cammino della vita. Proviamo a cambiare il punto di vista dal quale osservare il cammino della vita e, invece di suddividerla in immagini, azioni, eventi,.. proviamo a vederla come un’ immensa onda formata da respiri, ognuno diverso, ognuno totalmente impregnato di vita vissuta in quel preciso “inspiro ed espiro”. Ogni cosa che viviamo influisce sul nostro respiro e ogni nostro respiro influisce su quello che percepiamo. Quindi respiro, azione e mente sono interconnessi più di quanto si possa credere.

Per questa ragione possiamo affermare che se la mente influenza il respiro, allora il respiro influenza la mente.

articolo yoga giulia marone_01

Nella nostra vita di oggi il respiro è, come si suol dire, l’ultimo dei pensieri-problemi, …“ ci manca solo di dover pensare anche a come respirare e siamo a posto”… ma in realtà dovrebbe essere il primo dei nostri pensieri e quindi l’ultimo dei nostri problemi.

Una buona e corretta respirazione permette di mantenere ossigenati gli organi e i tessuti del corpo, regola la produzione ormonale, soprattutto di quegli ormoni così detti stressogeni, mantiene una condizione di calma attiva, aiuta la peristalsi intestinale, la circolazione sanguigna e linfatica, mantiene libero il diaframma, diminuisce il livello di infiammazione cronica dell’organismo prevenendo l’insorgere di malattie e, non da meno, nutre la mente con pensieri positivi. Quindi la respirazione naturale ha come conseguenza un equilibrio psico-fisico generale del corpo.

Ripristinare il respiro naturale è il primo passo da compiere per migliorare la propria salute, le prestazioni sportive, ma anche semplicemente quotidiane e lavorative, avere più energia senza ricorrere ad integratori, ritrovare il giusto peso forma, sentirsi insomma bene e carichi.

Ora che abbiamo compreso i tanti SI di un buon respiro, facciamo insieme un altro esercizio-test: appoggia il giornale, metti una mano sulla pancia e una sul torace, respira e percepisci con le tue mani il movimento del tuo respiro e con le orecchie il suono del tuo respiro.

Facilmente dentro al tuo respiro troverai le risposte alle seguenti tre domande:

1. Respiro con la pancia o con il torace?

2. Respiro dal naso o dalla bocca?

3. Respiro in modo silenzioso o rumoroso?

…una persona rilassata e sana non la si dovrebbe né vedere né sentire respirare…

Solitamente gli adulti respirano con la parte alta dei polmoni, ovvero praticano una respirazione toracica, i bambini e gli animali respirano con la pancia e in questo caso abbiamo una RESPIRAZIONE DIAFRAMMATICA o ADDOMINALE o NATURALE.

COME AVVIENE LA RESPIRAZIONE NATURALE

Durante l’inspirazione, il diaframma, il principale muscolo respiratorio posto tra il torace e l’addome, si abbassa permettendo all’aria di essere risucchiata all’interno dei polmoni; durante l’espirazione il diaframma si rilassa, sale verso l’alto come una cupola e svuota dolcemente i polmoni. Questo continuo movimento diaframmatico massaggia gli organi addominali e toracici (stomaco, fegato, milza, pancreas, intestino, cuore e polmoni), stimola la circolazione, la peristalsi intestinale, mantiene muscoli e legamenti morbidi e in equilibrio con il resto del corpo.

Il diaframma rappresenta il muscolo della vita, è considerato come il secondo cuore perché funziona ininterrottamente come il cuore per mantenerci in vita; addirittura pompa più sangue del cuore stesso.

Lo stress, le emozioni trattenute, ansie, paure, stili di vita scorretti, insomma la vita moderna, porta tutti noi a dover fare i conti su ciò che sentiamo dentro e ciò che “dobbiamo” mostrare fuori. In tutto questo, il diaframma è il primo muscolo a contrarsi e irrigidirsi per mediare e sopravvivere in un modo di vivere che a volte ci va troppo stretto, come un abito di due taglie meno della nostra… e così il respiro si accorcia… e così dimentico il ritmo naturale del respiroe così mi adeguo al ritmo artificiale di tutto il resto….

Ritrovare il respiro naturale è il più bel regalo di salute e benessere che tu possa fare a te stessa, te stesso.

Per iniziare, semplicemente, ascolta il tuo respiro… E rilassati!

Articolo di Vivere Sostenibile Alto Piemonte, edizione di Giugno n4, sezione Benessere Corpo e Mente

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...